Un mondo isolato

PS_20171027101737Partiamo dal dato empirico: il disagio psichico è un qualcosa che sfugge alla comprensione delle persone cosiddette normali. Tale incomprensione genera paura, diffidenza, giudizio fino ad arrivare ad un’aperta ostilità. Chi è toccato da una profonda sensibilità, che spesso genera il disagio, ha una percezione differente della realtà e questo alimenta un allontanamento dal mondo. Si arriva ad un isolamento completo che innesta un circolo vizioso da cui è molto difficile uscirne. Da fuori sembra che ci siano delle responsabilità soggettive nell’innescare questi meccanismi e questo porta ad una totale incomprensione del dolore che si portano dentro queste persone e della gabbia in cui vivono. La loro sensibilità li porta a ritrarsi difronte al giudizio, perché si sentono (e lo sono) incompresi e ingiustamente colpevolizzati, ma tale solitudine interiore esacerba la loro angoscia, esasperando il loro disagio.  I primi che spesso non capiscono e si allontanano, a causa di latenti fragilità, sono i familiari, ma questo genera in loro senso di colpa e rabbia ed ovviamente i problemi si amplificano ed arrivano a coinvolgere emotivamente e psicologicamente essi stessi. La guarigione parte dalla comprensione e dall’amore. Non esiste altra via, è necessario che il sofferente non si senta mai solo nel proprio dolore e che questo non diventi un marchio. Solo condividendo la sofferenza si va oltre e la si fa diventare un’esperienza passata arricchente.

Daniele Corbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...