Affrontare l’insonnia per prevenire la depressione

PS_20171011093219Il disturbo depressivo maggiore (MDD) è un problema comune di salute mentale che apporta un disagio molto importante nella vita di chi ne è affetto. Anche se una percentuale di casi MDD può essere prevenuta mediante terapia cognitivo-comportamentale (CBT) per la depressione, diversi fattori, tra cui lo stigma associato ad un trattamento psicologico, operano come ostacoli per un intervento preventivo e tempestivo prima che i sintomi raggiungano livelli clinici. A causa della sovrapposizione dell’insonnia con una vasta gamma di problemi di salute mentale, il trattamento dell’insonnia è stato suggerito come un potenziale approccio transdiagnostico al trattamento e come prevenzione a problemi di salute mentale come MDD. Insonnia e MDD spesso si presentano insieme. L’insonnia è un sintomo comune di MDD,  e una considerevole percentuale di persone con insonnia hanno anche MDD. L’insonnia è anche un fattore di rischio per l’inizio della MDD, e ciò complica il trattamento della depressione e aumenta il rischio di recidiva della depressione. L’insonnia si riscontra anche con una serie di altri problemi di salute mentale, tra cui disturbi d’ansia e psicosi, nonché suicidio. Data la grande evidenza del ruolo dell’insonnia nello sviluppo e nel perdurare della depressione, esiste un chiaro potenziale per la CBT per l’insonnia (CBT-I) nella prevenzione della depressione a condizione che sia sviluppata in forma accessibile. La scelta di un intervento di CBT-I può essere accettato più facilmente rispetto a quello concentrato sulla depressione, in quanto l’insonnia è meno stigmatizzata nella comunità rispetto alla depressione. Inoltre, l’intervento CBT-I utilizzando un programma basato su internet può aumentare ulteriormente l’accessibilità e il potenziale per la diffusione di interventi efficaci. Un articolo, appena pubblicato sulla rivista BJPsych Open,  è stato il primo a valutare se CBT-I è efficace per prevenire la depressione in un campione a rischio. In questo studio è stato utilizzato l’intervento automatizzato basato su internet Sleep Healthy (SHUTi). I partecipanti sono stati valutati ogni due settimane, completando l’intervento. Gli interventi possono avere un impatto immediato o ritardato e gli effetti possono aumentare o ridursi nel tempo. Gli effetti iniziali rapidi possono anche prevedere la risposta a lungo termine del trattamento. Con una migliore comprensione del modo in cui i sintomi della depressione cambiano nel corso dell’intervento, può essere possibile identificare il profilo “dose-risposta” dell’intervento per il miglioramento clinico e intervenire precocemente con individui che non rispondono rapidamente.  Infine, lo studio ha individuato se vi erano traiettorie distinte di sintomi di depressione nei partecipanti che ha ricevuto il programma CBT-I. In conclusione, l’insonnia è sempre un campanello di allarme che ci segnala che il nostro cervello si sta predisponendo a problemi più gravi, per cui sarebbe opportuno intervenire il prima possibile e una psicoterapia mirata per risolverla potrebbe essere la soluzione con un impatto minore sulla nostra vita, ma che porterebbe a risolvere il problema. Inoltre sottolineiamo che la nostra associazione “Orme Svelate”, che punta soprattutto alla prevenzione, è assolutamente in linea con questa pubblicazione.

Daniele Corbo

Bibliografia:  Trajectories of change and long-term outcomes in a randomised controlled trial of internet-based insomnia treatment to prevent depression. Philip J. Batterham, Helen Christensen, Andrew J. Mackinnon, John A. Gosling, Frances P. Thorndike, Lee M. Ritterband, Nick Glozier, and Kathleen M. Griffiths. BJPsych Open. 2017 Sep

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...