La xenofobia dipende dagli ormoni

PS_20171106222304.jpegNel bel mezzo della rapida globalizzazione, la pacifica convivenza delle culture richiede una comprensione più profonda delle forze che costringono il comportamento prosociale e ostacolano la xenofobia. Mai prima gli individui dovevano adattarsi agli ambienti sociali definiti da tali grandezze di diversità etnica e differenziazione culturale. Tuttavia, le evidenze neurobiologiche che informano sulle strategie per ridurre il sentimento xenofobo e promuovere la cooperazione altruistica con gli estranei sono scarse. In una serie di esperimenti stabiliti nel contesto dell’attuale crisi dei rifugiati, un gruppo di ricerca tedesco in uno studio pubblicato sulla rivista PNAS, ha provato la propensione di 183 partecipanti caucasici a fare donazioni alle persone bisognose, metà dei quali erano rifugiati (outgroup) e metà dei quali erano nativi (ingroup). I partecipanti che mostravano bassi gli atteggiamenti xenofobi mostravano una preferenza altruistica per l’outgroup, che aumentò ulteriormente dopo la somministrazione per via nasale dell’ossitocina neuropeptide. Al contrario, i partecipanti con livelli superiori di xenofobia non sono riusciti a mostrare altruismo maggiore verso l’outgroup. Questa tendenza è stata solo controbilanciata dall’accoppiamento dell’ossitocina con l’esempio di comportamento altruistico avuto dai più generosi, con conseguente aumento del 74% delle donazioni dirette ai rifugiati. Complessivamente, questi risultati rivelano le condizioni sociobiologiche sottostanti associate all’altruismo di outgroup dimostrando che sicuramente l’ossitocina può aumentare la disponibilità verso i bisognosi, ma non può far diventare altruista chi non lo è. L’insegnamento più importante è che un ambiente sociale sano in cui la generosità è l’esempio, si crea terreno fertile per lo sviluppo dell’integrazione, anche perché gli incontri di gruppo naturalmente fanno sviluppare ossitocina che, riducendo l’ansia, apporta un senso di benessere.

Daniele Corbo

Bibliografia: Oxytocin-enforced norm compliance reduces xenophobic outgroup rejection.  Nina Marsha, Dirk Scheelea, Justin S. Feinsteinb,c, Holger Gerhardtd, Sabrina Strange, Wolfgang Maier and René Hurlemann. PNAS 2017.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.