Isolamento sociale e disagio psichico

PS_20171204100833.jpegUltimamente sono molti gli studi che cercano di comprendere le patologie psichiatriche, distinguendole nelle fasi iniziali e negli adulti, in modo da comprendere cause ed effetti di tali problemi. L’autolesionismo non indirizzato al suicidio (NSSI), definito come danno intenzionale e diretto del tessuto corporeo senza intenti suicidari, è descritto come un sintomo prominente e forse il più evidente del disturbo borderline di personalità (BPD). Tuttavia, i tassi di prevalenza nel corso della vita del range BPD sono circa del 2,7% nella popolazione generale, mentre circa il 18% degli adolescenti riferisce di essersi impegnato in NSSI almeno una volta e la NSSI ripetitiva è osservata in circa il 4 e il 7% degli adolescenti. Da un punto di vista epidemiologico, questi numeri suggeriscono che l’NSSI si verifica anche indipendentemente dalla BPD in un gran numero di adolescenti, motivo per cui NSSI è stato suggerito come disturbo psichiatrico distinto nella versione più recente del Manuale Diagnostico e Statistico [DSM-5] come condizione per ulteriori studi. Tuttavia, ci sono punti in comune tra entrambe le entità. Secondo il DSM-5, la BPD è caratterizzata da menomazioni del funzionamento interpersonale, che possono essere associate a “ipersensibilità interpersonale (cioè inclini a sentirsi offesi o insultati)” e “percezione degli altri selettivamente distorta verso attributi negativi o vulnerabilità”. Negli studi di laboratorio, gli adulti con BPD hanno ripetutamente dimostrato una maggiore sensibilità per l’esclusione sociale rispetto ai controlli sani. Allo stesso modo, NSSI è stato anche collegato a interazioni sociali alterate. Ad esempio, il bullismo ha dimostrato di essere un fattore di rischio negli studi longitudinali e i pazienti con NSSI mostrano elevati sentimenti di solitudine, anche rispetto ai controlli clinici. Di conseguenza, mentre BPD e NSSI non si adattano bene ai tassi di prevalenza, la sensibilità all’esclusione sociale può avere un ruolo in entrambe le sindromi. Le indagini sui correlati neurali dell’esclusione sociale hanno mostrato un’aumentata attivazione in varie regioni del cervello, tra cui la corteccia cingolata anteriore (ACC), l’insula anteriore/corteccia prefrontale ventrolaterale (vlPFC), prefrontale mediale corteccia (mPFC), corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC) e striato ventrale. Mentre l’ACC dorsale, lo striato ventrale e l’insula anteriore/vlPFC sono stati concettualizzati come salienza di elaborazione di rete, le regioni prefrontali dorsolaterali e dorsomediali, insieme alle aree parietali laterali, sono concettualizzate come una rete esecutiva centrale. Il sistema di salienza è visto come la rete cerebrale in cui i dati sensoriali con rilevanza comportamentale sono integrati con segnali viscerali, autonomici e edonici mentre il sistema esecutivo centrale potrebbe operare sulla salienza identificata. Tali operazioni, ad esempio, comprendono dirigere l’attenzione su stimoli pertinenti quando le scelte comportamentali sono ponderate contro condizioni mutevoli, le richieste omeostatiche di sfondo e il contesto. Data questa discrepanza tra le popolazioni di pazienti, nonostante la sovrapposizione nella presentazione clinica di BPD e NSSI, uno studio appena pubblicato ha mirato ad una migliore comprensione degli aspetti comuni e delle differenze a livello neurobiologico. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale, è stata esplorata l’elaborazione neurale di situazioni sociali positive e negative. I partecipanti erano 14 adolescenti con NSSI, ma senza BPD, 15 adulti con BPD e NSSI oltre a 15 adolescenti sani e 16 adulti sani. I risultati comportamentali hanno mostrato un aumento dei sentimenti di esclusione sociale in entrambi i gruppi di pazienti rispetto ai controlli sani, ma solo il gruppo NSSI ha mostrato una maggiore attivazione durante l’esclusione sociale rispetto all’inclusione rispetto agli altri gruppi. Mentre entrambi i gruppi NSSI e BPD hanno mostrato un’attivazione potenziata nella corteccia cingolata anteriore ventrale durante l’esclusione sociale rispetto ai controlli di età corrispondente, l’attivazione potenziata durante l’inclusione sociale rispetto a una condizione di osservazione passiva è stata osservata principalmente nel gruppo BPD in dorso-laterale e corteccia prefrontale dorsomediale e l’insula anteriore. Mentre l’elaborazione neurale dell’esclusione sociale è stata pronunciata negli adolescenti con NSSI, i pazienti con BPD hanno anche mostrato un aumento dell’attività in una situazione sociale positiva. Questi risultati potrebbero indicare una maggiore reattività all’esclusione sociale negli adolescenti con NSSI, che potrebbe poi svilupparsi in una maggiore sensibilità generalizzata a tutti i tipi di situazioni sociali negli adulti con BPD. Questo dato conferma che l’autoisolamento a cui si sottopongono gli adolescenti non andrebbe mai assecondato ed ignorato, in quanto potrebbe essere campanello di un disagio che sta per esplodere, o addirittura una concausa di un futuro problema psichico.

Daniele Corbo

Bibliografia: Differential Neural Processing of Social Exclusion and Inclusion in Adolescents with Non-Suicidal Self-Injury and Young Adults with Borderline Personality Disorder. Rebecca C. Brown, L. Plener,  Georg Groen, Dominik Neff,  Martina Bonenberger and Birgit Abler. Front. Psychiatry, 29 November 2017.

15 commenti Aggiungi il tuo

    1. Ciao cara! buongiorno e buona settimana a te!

      Mi piace

  1. Judith ha detto:

    Un articolo decisamente interessante, grazie Daniele.

    Liked by 1 persona

    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuto. Spero di essere stato chiaro, anche se mi rendo conto di usare, a volte, un linguaggio troppo scientifico.

      Liked by 2 people

      1. Judith ha detto:

        Per me e’ risultato chiarissimo ( anche se io ci sono abbastanza abituata ) Ma penso tu sia riuscito ad esserlo in toto 😀

        Mi piace

      2. Grazie, sei gentilissima!😊

        Liked by 1 persona

      3. Judith ha detto:

        Figurati! Sono molto interessata a questo genere di informazioni e so che e’ difficile esporre tutto in modo chiaro e scorrevole. Soprattuto e’ difficile tenere il lettore incollato a leggere se l’articolo e’ lungo. Attendero’ altri tuoi articoli. Buona serata 😀

        Liked by 1 persona

      4. Dora Millaci ha detto:

        Ciao, in effetti alcuni punti il testo,non sono proprio di facile lettura, soprattutto per chi non è avvezzo a questo genere di cose, ma comunque, si comprende quello che c’è scritto. Grazie ^_^ e buona serata

        Liked by 1 persona

      5. Grazie del suggerimento, cercherò di essere più divulgativo! buona serata a te!

        Liked by 1 persona

      6. Dora Millaci ha detto:

        perfetto eh eh ^_^ così sarà più facile per tutti comprendere, anche perché è un tema interessante. Grazie e buona serata

        Liked by 1 persona

  2. titti onweb ha detto:

    Grazie per queste nozioni tecniche! Mi servono proprio in una certa parte del mio volontariato e qui sono riportate in un modo molto chiaro e comprensibile. Mi saranno molto utili.

    Liked by 1 persona

    1. Che tipo di volontariato fai? Argomenti affini alla nostra associazione?

      Mi piace

      1. titti onweb ha detto:

        Dal 2004 in comunità protetta❤da due anni in ospedale con I Bambini Dharma❤quest’ultima Associazione si occupa di bambini abbandonati alla nascita e minori maltrattati o con problemi di diverso tipo. Per questo siamo presenti anche in neuropsichiatria infantile❤🙏

        Liked by 1 persona

      2. Che bello!!! ❤❤❤ Allora direi che sei moolto vicina alle Orme Svelate

        Mi piace

      3. titti onweb ha detto:

        Orme svelate a Parma….sto leggendo la presentazione.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...