Correlazione tra depressione paterna e nei figli

PS_20171206223544Quasi un uomo su dieci nel corso della sua vita si trova a fare i conti con la depressione. Sebbene vi siano prove che gli uomini con una partner (e particolarmente quelli sposati) hanno un rischio di depressione inferiore rispetto alla popolazione generale di sesso maschile, è difficile stimare i tassi di depressione tra i padri sulla base delle prove esistenti. I padri potrebbero non essere esposti agli stessi fattori di rischio per la depressione come madri, ma sperimentano una serie di fattori di stress biopsicosociali che potrebbero influenzare la loro salute mentale e hanno anche effetti indiretti sui loro partner, i loro figli o entrambi. Indipendentemente dalla prevalenza o dal rischio, vi è ora una crescente consapevolezza del ruolo che la depressione paterna può avere nello sviluppo del bambino e successivamente nei suoi esiti psicosociali. L’effetto della depressione paterna perinatale sulla prima infanzia è stato dimostrato da una ricerca con dati longitudinali dallo studio di Avon su genitori e figli (ALSPAC) nel Regno Unito. I bambini (n = 6449) i cui padri erano depressi durante il periodo prenatale o postnatale avevano un rischio più elevato di problemi emotivi e comportamentali rispetto a quelli i cui padri non avevano depressione, quando erano valutati all’età di 3 · 5 e 7 anni.  Allo stesso modo, in diversi campioni di bambini di 5-6 anni australiani (n = 4253) e di 8-9 anni (n = 4196), il benessere sociale ed emotivo dell’infanzia era negativamente associato a disagio psicologico paterno (oltre che a problemi di salute mentale tra mamme e nonni) . Uno studio finlandese su 1247 preadolescenti ha trovato un’associazione tra sofferenza postnatale paterna e problemi comportamentali di interiorizzazione tra i loro figli all’età di 12 anni. È appena stato pubblicato, sulla rivista The Lancet Psychiatry, uno studio di Gemma Lewis e colleghi in cui forniscono prove che le associazioni tra salute mentale paterna e esiti infantili persistono e colpiscono gli adolescenti, così come i bambini più piccoli. Degli adolescenti irlandesi dello studio Millennium Cohort Study (MCS; n = 7768) e Growing UP (GUI, n = 6070) sono stati valutati all’età di 13-14 anni. Dopo aver aggiustato i sintomi emotivi del bambino, i sintomi della depressione paterna erano significativamente associati ai sintomi della depressione negli adolescenti, come notato da un aumento del punteggio del questionario Short Mood and Feelings. Questo studio esplora il significato clinico dei risultati, riportando un aumento nei punteggi di depressione adolescenziale per ciascun aumento dei sintomi depressivi paterni. Questa associazione era di entità simile a quella tra sintomi depressivi materni e punteggi di depressione adolescenziale. È stato trovato che, 9 mesi dopo il parto, i padri che non erano più in una relazione con la madre del loro bambino erano ad aumentato rischio di avere sintomi di depressione postnatale. In quanto tale, è importante che gli studi non escludano i padri che non vivono sempre con i loro figli. Le madri sono state tradizionalmente considerate l’influenza nutrizionale vitale sui bambini in via di sviluppo, mentre i padri sono stati più comunemente assegnati ruoli della figura di potere, disciplinare o capofamiglia per la famiglia nel suo complesso. Solo relativamente di recente l’influenza e il contributo dei padri nello sviluppo dei bambini nelle prime fasi della vita è stato considerato essenziale per gli esiti psicosociali e cognitivi adattivi. Vi è una crescente evidenza che la salute mentale dei padri influenza lo sviluppo dei loro figli, sia direttamente che indirettamente, dall’infanzia. In quanto tale, è fondamentale che i sintomi della depressione siano riconosciuti e trattati precocemente nei padri e nelle madri. Capire chi è maggiormente a rischio di sviluppare sintomi depressivi potrebbe aiutare gli operatori sanitari a progettare metodi migliori per aiutare l’intera famiglia. La depressione è sicuramente un mostro che annienta chi ne soffre, ma sapere che un bambino potrebbe soffrirne come conseguenza di un disagio genitoriale, obbliga ancora di più società ed istituzioni ad aiutare in maniera massiccia tutti coloro che combattono il disagio psichico.

Daniele Corbo

Bibliografia: Lewis, G, Neary, M, Polek, E, Flouri, E, and Lewis, G. The association between paternal and adolescent depressive symptoms: evidence from two population-based cohorts. (published online Nov 15.)Lancet Psychiatry. 2017;

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. imrobertastone ha detto:

    Grazie di cuore per la visita e complimenti davvero per questo blog ❤️

    Roberta 💋
    ⇨ imrobertastone.com

    Liked by 1 persona

    1. Grazie e complimenti a te per il tuo! I nostri blog sono complementari perché noi di Orme Svelate portiamo avanti il concetto che abitudini virtuose ed un contesto attento possono prevenire dei disagi psichici. Tu nel tuo parli di abitudini e storie da neo mamma…poi apprezzo molto i tuoi pensieri del lunedì!🌹💕

      Liked by 1 persona

      1. imrobertastone ha detto:

        Grazie infinite! È sempre bello sapere che quello che si scrive viene apprezzato, soprattutto da persone che con i loro articoli insegnano e trasmettono messaggi importanti! Sarà un piacere seguirvi! Grazie ancora e una buona giornata ☀️💋

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...