Gelosia patologica

PS_20171230125039Le relazioni romantiche sono una parte significativa delle nostre vite. Una relazione sana può aumentare la nostra soddisfazione di vita e il benessere psicologico, mentre ci protegge dagli effetti deleteri dello stress. In effetti, le relazioni romantiche forniscono una varietà di effetti positivi e gratificanti come la compagnia, la passione e l’intimità. Sfortunatamente, tuttavia, le relazioni romantiche possono anche essere fonte di grande dolore e sofferenza. Questo perché fattori come il rifiuto, l’abbandono e i conflitti in una relazione possono portare a disagio psicologico e dolore emotivo. In effetti, i problemi nelle relazioni romantiche possono portare all’emergere o esacerbare i sintomi psicopatologici esistenti come la depressione, l’ansia e l’abuso di sostanze. Nonostante il potenziale di portare a menomazioni e disagi significativi, la psicopatologia dell’amore e delle relazioni romantiche è stata storicamente trascurata dalla psichiatria e dalla psicologia clinica. Un potenziale motivo per questo è che le relazioni sulla psicopatologia dell’amore/relazioni romantiche di solito mancavano di precisione clinica. Recentemente, tuttavia, sono stati identificati due gruppi di amore patologico e relazioni sentimentali: la gelosia patologica, che implica il sentimento di appartenenza al partner e la paura del tradimento, caratterizzata da possessività e aggressività e comportamenti che cercano di confermare l’infedeltà dei partner, e amore patologico, che coinvolge passione e dedizione altruistica, caratterizzato dal fornire attenzione e cura ripetitiva e incontrollata al partner. Nonostante la crescente attenzione empirica delle due psicopatologie amorose, non è noto se la gelosia patologica e l’amore patologico rappresentino due distinti disturbi psichiatrici. La gelosia romantica – che si verifica nel contesto di una relazione romantica – è definita come un complesso processo di pensieri, emozioni e azioni che circondano la relazione quando è sotto minaccia reale o immaginaria. Quindi, la gelosia richiede un triangolo sociale, immaginato o reale da manifestare (l’individuo, il partner e il rivale). È caratterizzato da sentimenti come rabbia, umiliazione, tristezza, insicurezza, rifiuto, ed è stato associato a bassa autostima, insoddisfazione e dubbi cronici. Sebbene la gelosia sia un’emozione normale e possa essere una componente importante delle relazioni sane, con livelli anormalmente elevati di intensità, persistenza e mancanza di intuizione, la gelosia può diventare patologica. La gelosia è un costrutto multidimensionale e consiste in diversi tipi qualitativamente differenti. Ad esempio, la gelosia reattiva si verifica quando il partner è a conoscenza di una minaccia reale o di un pericolo per la loro relazione romantica. Inoltre, questo tipo di gelosia può essere un tipo di gelosia relativamente sano e, in quanto tale, è correlato positivamente alla qualità della relazione. Al contrario, la gelosia ansiosa o preventiva può manifestarsi in assenza di una minaccia reale (vale a dire, minaccia immaginata) ed è quindi più probabile che diventi patologica. Inoltre, la gelosia patologica può essere ossessiva (non psicotica) o delirante (psicotica). La gelosia delirante, nota anche come Sindrome di Otello, è solitamente associata al sesso maschile, all’abuso di alcool cronico e grave, alla demenza e alle lesioni del lobo frontale destro non dominante. La forma meno gelosa e non delirante della gelosia, che tuttavia può essere vissuta da alcuni individui come un’esperienza eccessiva e dolorosa non è associata al genere, è più comune nei giovani adulti ed è associato al disturbo ossessivo-compulsivo, ma può verificarsi anche in individui altrimenti sani. La gelosia patologica non delirante è caratterizzata da pensieri intrusivi ed eccessivi che di solito sono accompagnati da comportamenti compulsivi come il controllo del partner e trascorrono molto tempo a pensare alla fedeltà del partner. Non sorprendentemente, questi comportamenti sono associati ad insoddisfazione nelle relazioni romantiche, influenzano l’individuo e la qualità della vita del suo partner, e sono stati associati a uno scarso adattamento sociale. A livello neurobiologico, la gelosia si basa sulla corteccia prefrontale destra (non dominante) e si manifesta una volta formato l’attaccamento romantico. Questo perché la gelosia, almeno per l’individuo geloso, è un atto di protezione della relazione romantica. In effetti, la parola “geloso” è un derivato della parola latina zelus, che significa zelo. Per ragioni ancora sconosciute, la gelosia può diventare fuori controllo. Tuttavia, è stato ipotizzato che una combinazione di ansia ad alto tratto e / o errori precoci di attaccamento potrebbero essere potenziali ragioni per sentimenti di intensi e patologici livelli di gelosia che possono verificarsi durante le relazioni romantiche. L’altro gruppo di amore / relazioni patologici è stato etichettato come amore patologico. Alcune persone sentono che il loro modo di amare il loro partner provoca sofferenza a causa della cura eccessiva e della devozione mostrata al partner. Il partner è spesso considerato una priorità, mentre altre attività e interessi, una volta valutati, vengono ignorati. Una caratteristica distintiva dell’amore patologico è il tentativo disperato di sostenere la relazione nonostante un forte sentimento interiore di scorrettezza e insoddisfazione nei confronti della relazione, che sottolinea la natura paradossale e patologica della sindrome. In effetti, la combinazione di tratti dipendenti di personalità, inclinazione all’ansia e eccessiva suscettibilità alla punizione aumenta la probabilità di mantenere una relazione anche se è gravosa a causa della paura dell’abbandono. Per quanto riguarda la neurobiologia dell’amore, è stato suggerito che diventare romanticamente legati è un processo mediato da neuropeptidi (vasopressina e ossitocina). La vasopressina e l’ossitocina sono spesso chiamate ormoni “d’amore” quando vengono rilasciate durante le relazioni intime ed è importante per favorire sentimenti di intimità. Tuttavia, è stato suggerito che la disregolazione dell’ossitocina e della vasopressina possa diventare come una dipendenza, poiché entrambi influenzano il sistema di ricompensa del cervello. È interessante notare che è stato recentemente proposto che l’amore patologico possa essere meglio classificato come una dipendenza. Fornendo supporto a questa supposizione, gli individui con amore patologico riferiscono un aumento della ricerca di novità, dell’eliminazione del danno, della retribuzione-dipendenza e dell’auto-trascendenza, una bassa auto-direzione e una più alta impulsività – fattori che sono anche associati a comportamenti di dipendenza. Viceversa, la gelosia patologica è associata a caratteristiche strettamente associate ai disturbi ossessivo-compulsivi, sebbene possano essere presenti anche caratteristiche legate ai disturbi da uso di sostanze. Quindi la gelosia patologica e l’amore patologico possono rappresentare distinti disturbi psichiatrici. Ad esempio, la gelosia patologica può essere caratterizzata da pensieri ossessivi e ansiosi, mentre l’amore patologico può essere associato a maggiori livelli di impulsività. Nel corso della storia, le persone sono state affascinate e disorientate dall’amore. I poeti hanno cercato di articolarlo e i ricercatori hanno cercato di investigarlo. Mentre l’amore può essere uno degli eventi più soddisfacenti della vita, ha anche il potere di causare immenso dolore e crepacuore. Quando l’amore va storto, può diventare patologico. Per questo è fondamentale non generalizzare e leggeri nel valutare i comportamenti che riguardano la sfera amorosa delle persone, perché possono avere importanti implicazioni e conseguenze nella loro vita ed in quella di altre persone.

Daniele Corbo

Bibliografia: Pathological jealousy and pathological love: Apples to apples or apples to oranges? Stravogiannis ALDC, Kim HS, Sophia EC, Sanches C, Zilberman ML, Tavares H. Psychiatry Res. 2018 Jan;

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Credo sia importante informare anche su patologie che possono emergere da questioni d’amore. Grazie per l’articolo

    Liked by 2 people

    1. Prego, anche per me è fondamentale distinguere ciò che appartiene alla sfera emotiva dal patologico

      Liked by 1 persona

  2. Secondo te perché negli ultimi tempi si verificano incresciosi episodi di violenza? Cosa rende fragili e reattivi,al punto di distruggere “la causa” del disagio?

    Liked by 1 persona

    1. È la struttura della società che non ammette fragilità per cui porta a reprimerla, con la conseguente esplosione della violenza come reazione alla repressione. Va sviluppata meglio questa spiegazione però semplificando è come ti ho detto

      Mi piace

      1. Come avevo intuito,si subiscono troppe pressioni,aspettative che sono opposte all’empatia e alla fine non si sa gestire frustrazione e rabbia.
        Grazie

        Liked by 1 persona

      2. Si è così infatti… Grazie sempre a te😘

        Mi piace

  3. Comesecifossi ha detto:

    Molto interessante. A volte si crede di essere sbagliati, senza sapere che non siamo noi, magari è proprio chi dice di amarci. Ho ricopiato alcuni tratti del tuo post. Grazie.

    Liked by 1 persona

    1. Grazie! Il sentirsi sbagliati è sempre un pensiero insano, dettato dal giudizio altrui. Chi ama non fa mai sentire l’altro sbagliato, ma lo aiuta nel percorso di consapevolezza di sé

      Liked by 1 persona

  4. - ElyGioia - ha detto:

    Credo che si parla di vero amore sia indispensabile provare un pizzico di gelosia .
    Gelosia ,quella sana ,che tiene in vita il rapporto e non quella che lo distrugge, è segnale di interesse reale, che parte dal cuore.. Per quello spesso non si riesce a controllare .. È istinto .. Puro e semplice istinto.
    Articolo interessante, un saluto

    Liked by 1 persona

    1. Grazie per il commento. Credo anche io che tutte le emozioni possono entrare a far parte di una relazione, basta che niente diventi patologico. L’amore poi è un sentimento pieno che vuole che ci si esprima in tutta la propria umanità, quindi un pizzico di gelosia ne fa sicuramente parte, basta che sia sempre controllabile.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...