Bellezza nei visi e bellezza nei ritratti

Girl-with-a-Pearl-Earring-HR.jpgNel film del 2003 “La ragazza con un orecchino di perla”, il patron di Jan Vermeer Pieter Van Ruijven afferma: “Quanto può essere difficile dipingere una bella ragazza?” Tuttavia, insiste sul fatto che la ragazza debba essere dipinta da Vermeer, che considera il il più talentuoso pittore di Delft ai suoi tempi. Pertanto, apprezza non solo l’attrattiva della ragazza raffigurata – una cameriera di nome Griet – ma anche la bellezza del dipinto stesso. Altrimenti, chiunque avrebbe potuto dipingere la ragazza. Di conseguenza, sembrano esserci due diversi valori edonistici nei ritratti: l’attrattiva della persona raffigurata e la bellezza artistica del dipinto. Nonostante la massima latina: “De gustibus non est disputandum” (“sul gusto, non bisogna discutere”), c’è stata una grande quantità di ricerche nel campo dell’estetica empirica. Data l’importanza dell’aspetto fisico nella vita sociale, non sorprende che molte ricerche siano dedicate all’attrattiva umana (fisica). Sebbene ci sia un gusto individuale, alcune proprietà del viso, come gli occhi grandi, un piccolo mento, la simmetria e la regolarità della faccia sono nel complesso preferiti. Le preferenze menzionate sono interculturali e innate. Generalmente, gli uomini che possiedono caratteristiche facciali più maschili sono considerati più attraenti. Alcuni autori sostengono che le preferenze delle donne per gli uomini maschili non sono costanti ma cambiano all’interno del ciclo mestruale. Quando si ovula, le donne preferiscono uomini più maschili. Ciò potrebbe implicare un vantaggio evolutivo dalla selezione di un partner attraente (maschile). L’attrattiva fisica è un marker per la salute percepita e, probabilmente, anche per la salute effettiva. Pertanto, l’apprezzamento dell’attrattiva sembra essere in parte un vantaggio universale, in parte innato e evolutivo. Successivamente, l’apprezzamento estetico dei volti umani sembra essere profondamente radicato nei meccanismi biologici. Tuttavia, i processi cognitivi come la conoscenza e le attitudini influenzano anche le valutazioni di attrattività. La percezione delle preferenze estetiche non è limitata ai volti (e ad altri oggetti naturali). Inoltre, gli oggetti culturali (opere d’arte in primo luogo, ma anche oggetti di design, architettura e oggetti di moda, tra gli altri) possono essere considerati belli. Le arti visive sono fortemente associate al concetto di bellezza. Negli ultimi secoli, c’è stato uno sforzo per trovare criteri oggettivi per la bellezza nelle opere d’arte. Una delle ragioni delle difficoltà in questo approccio è l’eterogeneità degli oggetti indicati come opere d’arte. Pertanto, molti aspetti possono o non possono avere un effetto sul risultato estetico. Un altro motivo è la mancanza di una definizione generale di bellezza. Al fine di creare un quadro di ricerca, sono stati stabiliti diversi modelli di apprezzamento estetico. In diversi modelli attuali di esperienza estetica visiva sono postulate due modalità di elaborazione di stimoli estetici. Esiste una modalità percettiva e una modalità cognitiva di elaborazione estetica. Da un lato, l’elaborazione percettiva si basa principalmente sulle proprietà intrinseche dello stimolo. Tali proprietà vengono elaborate rapidamente e conducono a un’esperienza chiamata “estetica della percezione”. Questa risposta è in gran parte influenzata dall’evoluzione e, quindi, il risultato di un adattamento a lungo termine al nostro ambiente naturale. D’altra parte, l’elaborazione cognitiva (che conduce all’ “estetica della cognizione”) dipende principalmente dal contesto dello stimolo e dalle considerazioni (subconsce). Naturalmente, i processi percettivi possono anche avere una componente cognitiva e viceversa. I ritratti artistici sono di particolare interesse, perché potenzialmente sono attivate entrambe le modalità di elaborazione. La percezione dei ritratti artistici può essere diretta verso due aspetti estetici diversi (1) l’attrattiva della persona raffigurata e (2) la bellezza artistica del ritratto che rimanda al modo di presentazione del volto nel ritratto, cioè aspetti formali di composizione artistica. Studi recenti si chiedono se le differenze percettive proposte tra l’attrattiva e la bellezza artistica possono essere confermate da dati comportamentali sui ritratti d’arte. Ipotizzano che l’attrattiva, che è presumibilmente più percettivamente guidata, mostri una maggiore responsabilità nei confronti del contrasto percettivo rispetto alla bellezza artistica, che è (presumibilmente) guidata in modo più cognitivo. I loro risultati sono compatibili con l’ipotesi che l’apprezzamento della bellezza artistica sia cognitivamente modulato almeno in parte, mentre l’elaborazione dell’attrattività è prevalentemente guidata percettivamente. Questa dicotomia tra elaborazione cognitiva e percettiva di diversi tipi di bellezza suggerisce la partecipazione di diversi meccanismi neuronali.

Daniele Corbo

Bibliografia: Face Attractiveness versus Artistic Beauty in Art Portraits: A Behavioral Katharina Schulz and Gregor U. Hayn-Leichsenring. Front. Psychol., 22 December 2017

16 commenti Aggiungi il tuo

    1. Grazie di cuore! Buon anno anche a te🌹

      Mi piace

  1. sidilbradipo1 ha detto:

    Ti auguro un Nuovo Anno Meraviglioso!
    E grazie per seguire il mio Blog 😀
    Sid

    Piace a 1 persona

    1. Grazie di cuore, sei gentile😊! Ho iniziato a seguirlo perché mi ha colpito… ti auguro il meglio per il nuovo anno!😉

      Piace a 1 persona

      1. sidilbradipo1 ha detto:

        Ohhh… che emozione! Grazie!
        Nei prossimi giorni passo a leggerti con immenso piacere, e a seguirti 😀
        Buon Anno!
        Sid

        Piace a 1 persona

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Bell’articolo!
    Colgo l’occasione per augurarti un felice 2018

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille! Ti auguro un anno di serenità

      Mi piace

  3. Aphadolie ha detto:

    Happy New Year from France

    Piace a 1 persona

    1. Thanks a million! Happy new year to you!

      Piace a 1 persona

  4. diserieZero ha detto:

    Meno male che l’oggettività della bellezza viene modulata dal gusto personale. Tutto ciò che è relativo è più reale. Bell’articolo. Complimenti. Buon 2018 🥂

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille😊 Buon anno a te!

      Piace a 1 persona

  5. di questi tempi ha detto:

    Auguri per un buon anno nuovo!
    Ho letto con curioso interesse questo articolo (qualche anno fa ho scritto un racconto breve che ha un po’ a che fare con questo: Clear, che ho ribloggato, se ti va di leggerlo e mi farebbe piacere un tuo commento), ma da ignorante quale sono non mi sono chiare delle definizioni e ti chiedo se puoi, di chiarirmi.
    Casa significa ‘estetica empirica’?
    Perché si dice ‘estetica della percezione ed estetica della cognizione’ e non ‘percezione nell’estetica e cognizione nell’estetica’?
    Grazie 1000!

    Mi piace

    1. Grazie del commento e degli auguri che ricambio! Appena posso leggerò con piacere il tuo articolo. Per estetica empirica si intende un’estetica assoluta, scevra di criteri soggettivi. Mentre si dice estetica della percezione ed estetica della cognizione perché si intende l’esperienza estetica della percezione e della cognizione, rispettivamente. Spero di aver risposto alle tue domande. Presto leggerò il tuo. Buona giornata e buon anno

      Mi piace

      1. di questi tempi ha detto:

        Grazie, gentilissimo. Buona giornata

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.