È giusto far dormire i bambini con i genitori?

PS_20180106124255Il termine “co-sleeping” è usato in generale per riferirsi a bambini che dormono in prossimità dei genitori e spesso include la condivisione del letto (con un membro della famiglia per tutto o una parte del periodo di sonno). Il co-sleeping/bed sharing è un argomento controverso nella letteratura del sonno pediatrico, senza alcun consenso generale sui suoi potenziali benefici o conseguenze. In larga misura, il co-sleeping è un fenomeno culturale ampiamente accettato nelle società orientali che danno priorità alla collettività e alla dipendenza, e meno praticato nelle società occidentali in cui l’autonomia è enfatizzata. Comunque poco si sa sui comportamenti di co-sleeping dei bambini in età scolare, in particolare tra i giovani ansiosi che comunemente si presentano per il trattamento dei problemi del sonno. Tuttavia, in quasi tutte le culture, il co-sleeping è più comune nell’infanzia e nella prima infanzia e diminuisce quando i bambini iniziano la scuola. La necessità di esaminare più da vicino i comportamenti di co-sleeping nei bambini in età scolare è derivata da prove che collegano il co-sleeping nella seconda infanzia con maggiori livelli di difficoltà legate al sonno e ansia/paura. Ad esempio, il co-sleeping durante gli anni di scuola è stato associato a problemi di avvio del sonno, meno sonno notturno, maggiore sonnolenza diurna, maggiore resistenza a coricarsi, maggiore risvegli notturni e maggiori livelli di ansia notturna. Le indagini sul co-sleeping sono particolarmente necessarie tra i bambini ansiosi, che spesso sperimentano l’intensa paura/eccitazione che circonda il sonno, nonché i problemi che iniziano il sonno, che possono sollecitare richieste di co-sleeping con genitori o fratelli. Paradossalmente, tuttavia, le indagini sull’occorrenza e sui risultati associati del co-sleeping nella gioventù clinicamente ansiosa sono praticamente inesistenti in letteratura. Le richieste di co-sleeping da parte dei bambini sono spesso reattive o si verificano in risposta a precedenti difficoltà o ansie del sonno. Per esempio, i bambini che cercano di calmarsi da soli, di notte hanno più difficoltà ad addormentarsi indipendentemente e spesso “segnalano” la loro angoscia ai genitori. Il periodo che porta al sonno è particolarmente stressante per i bambini clinicamente ansiosi, che sperimentano livelli soggettivi superiori di eccitazione cognitiva e fisiologica, livelli di cortisolo più alti e maggiore ansia e paura durante il periodo di pre-sonno rispetto ai coetanei di pari età. Insieme alle difficoltà che regolano il disagio in modo più ampio, i giovani ansiosi potrebbero più facilmente segnalare questo disagio ai genitori, dando origine a un accudimento genitoriale sotto forma di co-sleeping. Uno studio recente ha esaminato l’insorgenza di co-sleeping in bambini sia sani che clinicamente ansiosi e i suoi modelli di sonno associati. Un totale di 113 bambini (di età compresa tra 6 e 12 anni), 75 con disturbo d’ansia generalizzato primario e 38 controlli sani, hanno partecipato insieme al loro principale caregiver. Le famiglie hanno completato valutazioni diagnostiche strutturate e i genitori hanno riferito sui comportamenti di co-sleeping del loro bambino e sulla gravità dell’ansia. I bambini hanno fornito rapporti sulla gravità dell’ansia e hanno completato una settimana di actigrafia che è un esame semplice e non invasivo, che viene eseguito con un particolare strumento detto actigrafo, che ha la forma e la dimensione di un normale orologio da polso e permette di identificare le fasi di sonno e veglia, la temperatura corporea periferica e i livelli di rumore e di luce circostanti, consentendo così di valutare anche l’ambiente dove si dorme. Una percentuale significativamente maggiore di giovani ansiosi rispetto ai bambini sani dormiva in co-sleeping e una maggiore gravità dell’ansia era correlata al co-sonno più frequente. Il co-sleeping nei giovani ansiosi era associato a un ritardo nei tempi del sonno e ad una maggiore variabilità del sonno (cioè, una maggiore durata variabile del sonno notturno). Il co-sleeping è molto comune nei bambini ansiosi in età scolare, con più di 1 su 3 trovato a dormire almeno qualche volta (2-4 volte a settimana). Il co-sleeping era ancora più comune per i giovani con maggiore severità d’ansia. L’aumento della dipendenza da altri per l’avvio e il mantenimento del sonno può contribuire a un sonno più povero in questa popolazione attraverso programmi spostati e schemi di sonno più variabili. In conclusione sarebbe consigliabile far abituare i bambini a dormire da soli il prima possibile.

Daniele Corbo

Bibliografia: Co-Sleeping among School-Aged Anxious and Non-Anxious Children: Associations with Sleep Variability and Timing. Palmer CA, Clementi MA, Meers JM, Alfano CA. J Abnorm Child Psychol. 2018 Jan 5.

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. NientedispeciAle ha detto:

    Noi siamo 4 e fino a poco tempo fa abbiano dormito tutti e 4 nel lettone con buona pace di tutti. È un momento di grande tenerezza e condivosione che, secondo me, nulla ha a che vedere con paure ed ansie. Ahimè, adesso, la mia bimba più grande dorme in camera sua per cui sono felice per lei e sono felice per me che me la sono goduta 😊

    Piace a 2 people

    1. Mi fa piacere per voi e me lo auguro che sia come tu dici, ma io non ho riportato un’opinione personale, ma uno studio condotto su un campione statistico di 113 bambini. Probabilmente i tuoi figli sfuggono alla statistica…

      Piace a 1 persona

  2. lilianadream ha detto:

    Ciao Daniele , più che mia figlia che non dorme sono io che ti scrivo e leggo alle 3.51 di mattina . Mi sono informata all’arrivo di mia figlia , cosa meglio per lei riguarda il sonno . Le teorie sono varie , ma il fatto che i figli dovrebbero dormire da soli , a mio avviso è un’altra modo di vivere la nostra dannata società ” più indipendenza ” più libertà per tutti . Vedi l’ansia nei soggetti non poi essere riportata solo al co-Sleeping , ma a tanti fattori ambientali e cura del care- giver , nei anni precedenti . Poi i studi rivelano questo livello di ansia nei bambini in età scolare , ma tieni conto che l’età scolare crea molta agitazione , ansia e paura di prestazione nei bambini . Questo potrebbe essere un motivo piu plausibile di spiegare l’ansia . Ti racconto in breve un caso : la ex baby sitter di Vitto , un articolo ragazza stupenda , meravigliosa ma tanto fragile e senza polso : lei ha sempre dormito con i genitori , fino a 15/16 anni quando ha lasciato il letto matrimoniale per dormire direttamente con suo fidanzato . e saranno 8/9 anni che dorme con questo ragazzo , anzi sono inseparabili . Ma lei mi ha detto di soffrire di sonno , al ragazzo le deve accarezzare la mano come faceva con la mamma , per addormentarsi . Questo si , danni permanenti alla ragazza . Notte .

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Liliana! Diciamo che negli studi scientifici vengono inseriti i dati neuropsicologici come covariate, per cui si tiene conto dell’ansia pregressa per altri motivi, quindi in teoria nell’articolo di cui parlo l’ansia dovrebbe essere solo un fattore dovuto al co-sleeping. Detto questo, farei una distinzione tra indipendenza e individualismo. Dal mio punto di vista, la prima è sana perché porta allo sviluppo dell’individuo assecondando le proprie attitudini e bisogni emotivi, mentre l’individualismo fa crescere individui materialisti ed incapaci di sviluppare relazioni sane. Infine dell’articolo voglio sottolineare il passaggio circa il bisogno del co-sleeping dei bambini che di giorno vogliono controllare i bisogni e le emozioni senza chiedere aiuto; è fondamentale imparare da subito che a volte abbiamo bisogno di chiedere aiuto, invece. Buona giornata e quando non dormi è meglio un libro perché gli apparecchi elettronici allontanano l’addormentamento…

      Piace a 1 persona

  3. lilianadream ha detto:

    Buongiorno . Diciamo che l’indipendenza si possa promuovere anche in tante altre modalità , a mio avviso molto più utili , come nel gioco , con i pari . Anche io sono dell’opinione che dopo i tre anni i bambini devono imparare a dormire da soli . Buona giornata .

    Piace a 1 persona

    1. Si si, sono d’accordo con te…Buona giornata! 🌹

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.