Aiutare chi tende ad avere paura di perdere il controllo

PS_20180121131940Sei appena salito in macchina per partire per una vacanza e nella testa si fa largo una domanda: hai chiuso la porta principale? Hai ricontrollato? Sei sicuro? Se questo suona familiare, forse puoi relazionarti con le persone con disturbo ossessivo-compulsivo (DOC). L’aiuto potrebbe essere in arrivo. La nuova ricerca, chiamata Concordia, fa luce su come la paura di perdere il controllo sui pensieri e sulle azioni influisce sul comportamento relativo al DOC, incluso il controllo. Sebbene i più tradizionali tipi di paura – pensate a serpenti, ragni, cani, ecc. – siano stati ben studiati, questo è uno dei pochi studi che si concentra principalmente sulla paura di perdere il controllo. Hanno dimostrato che le persone che credono di perdere il controllo hanno maggiori probabilità di esibire il comportamento di controllo con maggiore frequenza. Quindi, quando trattano il DOC nella clinica, si possono provare a ridurre le loro convinzioni sulla perdita del controllo e questo dovrebbe ridurre i loro sintomi. Le scoperte di questo studio sono state pubblicate questo ottobre nel Journal of Obsessive-Compulsive and Related Disorders, ed è il primo di una serie di progetti, finanziato dal Consiglio delle scienze sociali e umanistiche. I 133 studenti universitari che hanno partecipato hanno ricevuto EEG fasulli. Sono stati assegnati in modo casuale feedback falsi che erano a basso o ad alto rischio di perdere il controllo sui loro pensieri e azioni. Successivamente, ai partecipanti è stato assegnato un compito computerizzato, cercando di controllare il flusso delle immagini su uno schermo utilizzando una sequenza di comandi chiave. In qualsiasi momento, potevano spingere la barra spaziatrice per controllare o confermare la sequenza di tasti. Coloro che sono stati portati a credere che il loro rischio di perdere il controllo fosse più elevato, sono stati coinvolti in controlli molto più numerosi di quelli che sono stati portati a credere che il rischio fosse basso. Sorprendentemente, gli studenti che hanno partecipato allo studio non si autoidentificano come affetti da DOC. Se si riesce a dimostrare, guidando le persone a credere che potrebbero rischiare di perdere il controllo, i sintomi iniziano a manifestarsi, allora si può capire qualcosa su ciò che potrebbe essere dietro quei sintomi nelle persone che lottano con il problema. Questo aggiunge informazioni per provare a trattare il disturbo. È stato ipotizzato che le paure e le convinzioni della gente riguardo alla perdita di controllo possano metterli a rischio per una serie di problemi, tra cui disturbo di panico, fobia sociale, DOC, disturbo da stress post-traumatico, disturbo d’ansia generalizzato e altri. Questo lavoro ha il potenziale per migliorare notevolmente la capacità di comprendere e trattare l’intera gamma di problemi legati all’ansia.

Daniele Corbo

Bibliografia: Manipulating beliefs about losing control causes checking behaviour” by Jean-Philippe Gagné and Adam S. Radomsky in Journal of Obsessive-Compulsive and Related Disorders. Published online August 31 2017.

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ben ha detto:

    la perdita di – controllo – è sicuramente un tema interessante. Questo, mi spinge a domandarmi. Controllo di cosa? Perché? Da qualche parte deve essere giunto, in un momento della nostra vita, probabilmente infantile, dobbiamo averlo – incontrato – questo – molesto individuo -, poiché in natura, in un ambiente relazionale sano e protetto, che bisogno ha il bambino di – controllare – che tutto vada bene?, per avere intorno a se uno spazio ordinato e che lo fa sentire tranquillo? in che modo ci riesce?, forse, attraverso i propri genitori o adulti di riferimento? quindi, forse che questo controllo non sia altro che il controllo che altri, esercitano o hanno esercitato su di noi? Parentesi aperte, solo per condividere insieme a voi qualche riflessione che, gentilmente, mi è stata offerta da questo post domenicale. Approfondirò la ricerca che hai riportato, è ricca di spunti… grazie.

    Liked by 2 people

    1. Grazie Ben. Il bisogno di dover controllare nasce probabilmente in un ambiente che non da sicurezze, per cui il bambino sente che non può contare su qualcuno che si prende cura di lui. Allora nasce la sensazione di non poter sbagliare perché nessuno ti darà una mano a rimediare

      Liked by 3 people

      1. Le perle di R. ha detto:

        Io credo di avere il bisogno di tenere tutto sotto controllo e posso dirti che credo sia nata nel momento in cui ho perso una persona a me cara che teneva ben saldo il mio equilibrio nell’ambiente famigliare e non. Come hai detto tu, ho perduto la sicurezza di avere qualcuno che mi avrebbe teso la mano in ogni circostanza.
        Ora intendi psicanalizzarmi? 😜

        Liked by 1 persona

      2. Stai tranquilla, sei in salvo perché sono neuroscienziato, non psicoterapeuta!😂
        In ogni caso vedo che da sola lavori tanto su te stessa…😉

        Liked by 1 persona

      3. Le perle di R. ha detto:

        😀 moltissimo, credo che mi sia e sarà utile.

        Liked by 1 persona

  2. "Perseide" ha detto:

    Grande forza di volontà per gestire il controllo di se. Siamo umani… è il limite che non dobbiamo superare… in ogni circostanza 😊

    Liked by 1 persona

    1. Riconoscere di essere umani e fallibili già sarebbe un buon risultato!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...