La luce fioca può renderci più stupidi

Scemo & più scemo (Dumb and Dumber) (1994)

Sicuramente per degli incontri romantici delle luci soffuse possono aiutare a creare un’atmosfera particolare, ma per il resto del giorno sarebbe il caso di non risparmiare sull’illuminazione. Una ricerca pionieristica da parte dei neuroscienziati della Michigan State University indica che trascorrere troppo tempo in stanze scarsamente illuminate e uffici può effettivamente cambiare la struttura del cervello e diminuire la propria capacità di ricordare e imparare. I ricercatori hanno studiato il cervello dei topi dell’erba del Nilo (che, come gli umani, sono diurni e dormono di notte) dopo averli esposti a luce fioca e intensa per quattro settimane. I roditori esposti alla luce fioca hanno perso circa il 30% della capacità nell’ippocampo, una regione critica del cervello per l’apprendimento e la memoria, e si sono comportati male in un compiti spaziali su cui si erano precedentemente allenati. I ratti esposti a luce intensa, d’altra parte, hanno mostrato un miglioramento significativo sul compito spaziale. Inoltre, quando i roditori che erano stati esposti alla luce fioca venivano poi esposti a luce intensa per quattro settimane (dopo una pausa di un mese), la loro capacità cerebrale – e le prestazioni nel compito – si riprendevano completamente. Lo studio, finanziato dal National Institutes of Health, è il primo a dimostrare che i cambiamenti nella luce ambientale, in un intervallo normalmente vissuto dagli esseri umani, portano a cambiamenti strutturali nel cervello. Gli americani, in media, trascorrono circa il 90 percento del tempo al chiuso, secondo l’Environmental Protection Agency. Quando hanno esposto i ratti alla luce fioca, imitando i giorni nuvolosi degli inverni del Midwest o la tipica illuminazione interna, gli animali hanno mostrato problemi nell’apprendimento spaziale. Questo è simile a quando le persone non riescono a trovare la strada per tornare alle loro macchine in un parcheggio occupato dopo aver trascorso qualche ora in un centro commerciale o in un cinema. L’esposizione prolungata alla luce fioca ha portato a significative riduzioni in una sostanza chiamata fattore neurotrofico derivato dal cervello – un peptide che aiuta a mantenere connessioni e neuroni sani nell’ippocampo – e nelle spine dendritiche, o le connessioni che permettono ai neuroni di “parlare” l’uno con l’altro. Dato che ci sono meno connessioni in corso, questo si traduce in una riduzione dell’apprendimento e delle prestazioni della memoria che dipende dall’ippocampo. In altre parole, le luci soffuse producono stupidi. È interessante notare che la luce non influenza direttamente l’ippocampo, nel senso che agisce prima su altri siti all’interno del cervello dopo aver attraversato gli occhi. Il team di ricerca sta studiando un potenziale sito nel cervello dei roditori – un gruppo di neuroni nell’ipotalamo che produce un peptide chiamato orexina che è noto per influenzare una varietà di funzioni cerebrali. Una delle loro principali domande di ricerca: se l’orexina viene somministrata ai ratti esposti a luce debole, i loro cervelli si riprenderanno senza essere nuovamente esposti a luce intensa? Il progetto potrebbe avere implicazioni per gli anziani e le persone con glaucoma, degenerazione della retina o deterioramento cognitivo. Per le persone con malattie agli occhi che non ricevono molta luce, si può manipolare direttamente questo gruppo di neuroni nel cervello, bypassando l’occhio, e fornire loro gli stessi benefici di esposizione alla luce intensa? Al momento non si conosce la risposta. Un’altra domanda è se esiste la possibilità di migliorare la funzione cognitiva nella popolazione anziana e in quelli con disturbi neurologici.

Daniele Corbo

Bibliografia: Soler JE, Robison AJ, Núñez AA, Yan L. Light modulates hippocampal function and spatial learning in a diurnal rodent species: A study using male nile grass rat (Arvicanthis niloticus). Hippocampus. 2017;00:1–12.

26 commenti Aggiungi il tuo

  1. Paroledipolvereblog ha detto:

    Già non vedo un fico manca ancora la luce fioca

    Liked by 2 people

    1. aumenta le lampadine!!!😂😂

      Liked by 1 persona

      1. Paroledipolvereblog ha detto:

        Certo che si😂

        Liked by 2 people

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Ma davvero??? Allora ho sempre fatto bene a preferire una bella illuminazione, che, tra l’altro, mi rende meno depressa

    Liked by 3 people

    1. Esatto! Questo studio è molto innovativo ed ha sorpreso anche me, era noto l’aspetto umorale, non quello cognitivo.

      Liked by 2 people

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Leggo sempre con interesse i tuoi articoli: grazie per volerli condividere

        Liked by 2 people

      2. Grazie, sei stata una delle prime a leggere il mio sito, non lo dimentico. Mi ha dato l’entusiasmo per continuare quando ho cominciato. Grazie a te

        Liked by 2 people

  3. Le perle di R. ha detto:

    Io preferisco le giornate di sole per questa ragione? 😊
    Comunque credo siano studi interessanti che mirano a delle realizzazioni altrettanto importanti per la nostra salute mentale.

    Liked by 2 people

  4. Aria Mich ha detto:

    Articolo davvero interessante! Non avevo mai letto una cosa del genere.

    Liked by 3 people

    1. Neanche io in realtà… è uno studio veramente nuovo

      Liked by 2 people

  5. YesWoman ha detto:

    Interessante, io adoro il buio, al massimo la penombra. Tendo a trascorrere così buona parte del mio tempo, ma proverò a cambiare abitudini..

    Liked by 2 people

  6. cherrycream25 ha detto:

    Interessante, io adoro li buno

    Liked by 2 people

    1. Anch’io, ma mi rendo conto che la luce ha effetti benefici. Le nostre neurotrasmissioni ne hanno bisogno, e soprattutto di quella solare.

      Liked by 1 persona

      1. cherrycream25 ha detto:

        Perto you speak litalin and english

        Mi piace

  7. Rain ha detto:

    E qui devo dissentire, nel senso che una minore illuminazione per esperienza fa benissimo alla mente in quanto permette di sviluppare percezioni e capacità più sottili!

    Liked by 2 people

    1. Oggi sei in formissima, più polemica del solito!😊 L’articolo si riferisce ad un’esposizione costante a scarsa luce, non ad una condizione provvisoria indirizzata a catalizzare uno stato di raccoglimento.

      Liked by 1 persona

      1. Rain ha detto:

        Ed io a quella mi riferivo… più ci si abitua alla semi-oscurità, più la mente si allena

        Liked by 2 people

      2. Rain ha detto:

        Non ci credo, e lo sai

        Liked by 1 persona

      3. A volte nelle nostre conversazioni dimentico da dove siamo partiti, né il giorno… che ne sai che non è vero che sono d’accordo con te??

        Liked by 1 persona

      4. Rain ha detto:

        Perchè è una remotissima probabilità 😉

        Liked by 1 persona

  8. cherrycream25 ha detto:

    Wee gracias perto leer

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...