Crescere nel verde fa sviluppare meglio il cervello

Immagine correlata
Crossing Painting (Edwin jumalon)

L’impatto che la natura ha sullo sviluppo cerebrale e sui benefici sulla psiche delle persone è sempre più oggetto di studi neuroscientifici. Gli alunni della scuola elementare che sono cresciuti in case circondate da più spazi verdi tendono a presentarsi con volumi più grandi di materia bianca e grigia in certe aree del cervello. Queste differenze anatomiche sono a loro volta associate a effetti benefici sulla funzione cognitiva. Questa è la conclusione principale di uno studio pubblicato su Environmental Health Perspectives e condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale (ISGlobal. Lo studio è stato condotto su di un gruppo di 253 scolari dal progetto BREATHE a Barcellona (Spagna). L’esposizione permanente allo spazio verde residenziale è stata stimata utilizzando le informazioni satellitari sugli indirizzi dei bambini dalla nascita fino al momento dello studio. L’anatomia del cervello è stata studiata usando immagini di risonanza magnetica 3D (MRI) ad alta risoluzione. Memoria di lavoro e disattenzione sono stati valutati con test computerizzati. Questo è il primo studio che valuta l’associazione tra esposizione a lungo termine a spazio verde e struttura del cervello ed i risultati suggeriscono che l’esposizione allo spazio verde nelle prime fasi della vita potrebbe portare a cambiamenti strutturali benefici nel cervello. L’analisi dei dati ha mostrato che l’esposizione a lungo termine al verde era positivamente associata al volume di materia bianca e grigia in alcune parti del cervello che si sovrapponevano parzialmente a quelli associati a punteggi più alti nei test cognitivi. Inoltre, i massimi volumi di materia bianca e grigia nelle regioni associate all’esposizione allo spazio verde hanno predetto una migliore memoria di lavoro e una minore disattenzione. Il contatto con la natura è stato ritenuto essenziale per lo sviluppo del cervello nei bambini. Uno studio precedente su 2.593 bambini di età compresa tra 7 e 10 anni del progetto BREATHE ha mostrato che, durante i 12 mesi di corso dello studio, i bambini che frequentavano le scuole con spazi verdi all’aperto avevano un maggiore aumento della memoria di lavoro e una maggiore riduzione della disattenzione rispetto ai bambini che frequentavano le scuole con meno verde circostante. L’ipotesi di Biofilia suggerisce un legame evolutivo tra uomo e natura. Di conseguenza, gli spazi verdi sono indicati per fornire ai bambini opportunità di ripristino psicologico e promuovere importanti esercizi di scoperta, creatività e assunzione di rischi, che, a loro volta, sono suggeriti per influenzare positivamente diversi aspetti dello sviluppo del cervello. Inoltre, le aree verdi presentano spesso livelli inferiori di inquinamento atmosferico e rumore e possono arricchire gli input microbici dall’ambiente, il che potrebbe tradursi in benefici indiretti per lo sviluppo del cervello. Questi risultati potrebbero anche fornire indizi su come i cambiamenti strutturali potrebbero essere alla base degli effetti benefici osservati nell’esposizione allo spazio verde sullo sviluppo cognitivo e comportamentale. Questo studio si aggiunge alle prove esistenti sui vantaggi di trasformare le nostre città aumentando l’accesso all’ambiente naturale.

 

Daniele Cobo

Bibliografia: UCLA “Being Raised in Greener Neighborhoods May Have Beneficial Effects on Brain Development.” NeuroscienceNews. NeuroscienceNews, 23 February 2018.

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. Very interesting. I found this intriguing on many levels.

    Liked by 1 persona

    1. Thanks! I’m convinced that some behaviors or external conditions can have benefits on our mental health. Surely nature is one of them

      Liked by 1 persona

      1. Definitely. I’m more in tune with nature than I am being cooped up inside. I don’t doubt that it has an effect on children.

        Liked by 1 persona

  2. haikuspot ha detto:

    Ecco perché,da che lavoro al pc, il mio bisogno di baite sperdute nel verde è aumentato!

    Liked by 1 persona

  3. fulvialuna1 ha detto:

    Non so se mia figlia abbia il cervello più sviluppato (è nata e vive nel verde9, ma sicuramente ha più olfatto, vista, attenzione ai minimi movimenti e istinto di molti suoi coetanei cittadini. L’abbiamo sperimentato davvero.

    Liked by 2 people

    1. E questo vuol dire che si sta sviluppando meglio…

      Liked by 1 persona

  4. vikibaum ha detto:

    per questo non posso stare a lungo lontana dai miei boschi…buondì daniele

    Liked by 2 people

    1. Fai decisamente bene… buona settimana Viki

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...