L’inquinamento cambia il cervello a livello genetico

Risultati immagini per Air Pollution saatchi art
No Blue Sky (edwin jumalon)

Spesso abbiamo accennato al tema dell’inquinamento legato al benessere psichico, ma le evidenze circa i danni che la mente subisce a causa di questa problematica continuano ad aumentare. L’esposizione prolungata al particolato nell’inquinamento atmosferico nel bacino di Los Angeles ha provocato l’infiammazione e la comparsa di geni correlati al cancro nel cervello dei ratti. Mentre ricerche precedenti hanno documentato l’associazione tra inquinamento atmosferico ed una varietà di malattie, tra cui il cancro, lo studio ha rilevato che i marcatori che indicano alcuni materiali nell’inquinamento atmosferico grossolano, in particolare il nickel, possono giocare un ruolo nei cambiamenti genetici legati allo sviluppo della malattia. Lo studio, pubblicato in Scientific Reports, ha esaminato i nuovi dati raccolti nell’area di Los Angeles ed ha implicazioni significative per la valutazione della qualità dell’aria nella regione, in particolare perché le persone sono esposte all’inquinamento atmosferico per decenni. Lo studio ha scoperto che il particolato grossolano nell’inquinamento atmosferico della regione si è diffuso nei sistemi corporei in due modi: inspirato attraverso i polmoni, dove tracce di metalli e altri materiali entrano nel sangue e poi nel cervello; e attraverso il naso, dove i materiali vengono assorbiti più direttamente nel cervello. Studiare l’aria nel bacino di Los Angeles è stato un compito lungo e arduo, ma la ricerca ha prodotto un documento così rivoluzionario. Bisogna continuare a far luce su come l’inquinamento atmosferico influisce negativamente sulla nostra salute. Mentre i risultati dello studio possono essere unici per la composizione dell’inquinamento atmosferico nel bacino di Los Angeles, ci sono molti esempi di effetti potenzialmente dannosi delle esposizioni di inquinamento atmosferico nelle grandi città. La nostra società moderna sta diventando sempre più urbanizzata ed esposta all’inquinamento atmosferico. Questa tendenza sottolinea la necessità di ulteriori ricerche sulla biologia dei danni agli organi indotti dall’inquinamento atmosferico, insieme a uno sforzo concertato volto a ridurre i livelli di inquinamento atmosferico.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Coarse particulate matter (PM2.5–10) in Los Angeles Basin air induces expression of inflammation and cancer biomarkers in rat brains” by Julia Y. Ljubimova, Oliver Braubach, Rameshwar Patil, Antonella Chiechi, Jie Tang, Anna Galstyan, Ekaterina S. Shatalova, Michael T. Kleinman, Keith L. Black & Eggehard Holler in Scientific Reports. Published April 9 2018.

15 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Speriamo davvero…

    Mi piace

    1. Ti ho dovuta salvare dallo spam…

      Liked by 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        😱 Grazie mille, davvero… solo adesso che me lo dici riesco a capire perché ieri i miei commenti sparivano.

        Liked by 1 persona

      2. Ho immaginato, per questo ti ho avvisata.

        Liked by 1 persona

    1. È vero… Ma bisogna prendere coscienza di queste problematiche.

      Liked by 1 persona

      1. fulvialuna1 ha detto:

        Nelle alte sfere a quanto sembra….solo summit ma fatti ben pochi.

        Liked by 1 persona

  2. etiliyle ha detto:

    Purtroppo siamo i frutti malati di un albero malato. Resta la speranza di tempi migliori dove non sia il profitto a dominare su tutto

    Liked by 2 people

    1. E bisogna anche partire con l’impegno individuale nel proprio piccolo… E poi certamente la speranza!

      Liked by 2 people

  3. francescodicastri ha detto:

    Basta non respirare, quindi 😁
    A parte battute, molto si fa e molto si è fatto, ma non sarà mai abbastanza se la richiesta di energia aumenta sempre

    Liked by 1 persona

    1. Infatti c’è bisogno di un cambio di mentalità, bisognerebbe rimodulare la scala delle priorità

      Mi piace

  4. vikibaum ha detto:

    Lo penso da un bel pezzo…e ora il tuo post me lo conferma: bel post, ciao daniel

    Liked by 1 persona

    1. Io insisto molto su questo concetto perché ne ero convinto già prima di iniziarmi ad interessare alla letteratura scientifica in merito. Ciao Viki, un abbraccio

      Liked by 1 persona

  5. Anche l’alimentazione sbagliata, porta causa la demenza senile … dobbiamo metterci in testa di abbandonare abitudini sbagliate!! Meglio una pizza artigianale, cibi semplici, mangiare meno… basta poco per migliorarci la vita 😘

    Liked by 1 persona

    1. Questo è un tema su cui scrivo spesso ed è anche al centro delle prospettive della nostra associazione Orme Svelate. Molti degli articoli che pubblico parlano di alimentazione e disagio psichico. Buon sabato😘

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...