La voce della mamma fa dormire meglio i neonati

Risultati immagini per mother saatchi art
Mother with Baby (Timothy Shannon)

I bambini che trascorrono i primi giorni o le settimane di vita nell’unità di terapia intensiva neonatale (NICU) non possono dormire così bene come quelli che vanno a casa. Ora, i ricercatori stanno esaminando se una semplice differenza potrebbe aiutare questi bambini a dormire: il suono della voce della madre. Quando i ricercatori hanno riprodotto le registrazioni delle loro madri che leggono libri per bambini, i neonati della NICU hanno dormito meglio e si sono svegliati meno spesso. In ospedale, ci si prende cura dei bambini che non sono nel loro ambiente abituale, che può ostacolare la loro capacità di dormire normalmente. Anche se il personale fa del proprio meglio per rendere l’ambiente il più silenzioso possibile, ci sono interruzioni ospedaliere inevitabili. Allarmi, monitor, ventilatori, assistenza al letto e anche solo i rumori di riscaldamento e raffreddamento dell’edificio possono essere fastidiosi. Hanno progettato questo studio per vedere come l’ambiente sonoro potenzialmente influenza il sonno e vedere se ci sono interventi relativamente semplici che possono fare la differenza. Quello che hanno scoperto è che i bambini avevano più probabilità di rimanere addormentati quando venivano riprodotte le registrazioni delle voci delle loro madri. Lo studio ha arruolato 50 bambini nati dopo almeno 33 settimane di gestazione, che erano clinicamente stabili e privi di qualsiasi condizione congenita che aumentava i rischi di disturbi del sonno. Per sei ore, una registrazione della loro madre che leggeva libri era riprodotta continuamente. Il sonno dei bambini è stato monitorato durante le registrazioni e per altre sei ore senza le registrazioni. Sappiamo che quando un bambino è nato, risponde in modo preferenziale alla voce della madre e alla lingua materna della madre, presumibilmente perché è quello a cui sono esposti nel grembo materno. Ecco perché i ricercatori volevano esplorare come questo suono familiare possa potenzialmente influenzare la qualità del sonno di un bambino. I ricercatori hanno anche scoperto che i modelli di sonno sono cambiati solo durante le registrazioni di bambini nati a 35 settimane di gestazione o più anziani. Più bambini prematuri non hanno visto una differenza così grande nel sonno REM. Il sonno è un fenomeno molto complicato influenzato da molti aspetti dell’ambiente in terapia intensiva e dalle condizioni del bambino. Un altro fattore potrebbe essere il tatto e la frequenza con cui un bambino viene tenuto o gestito. Il sonno è davvero un indicatore di quanto bene il cervello di un bambino stia funzionando, e il sonno sano è fondamentale per lo sviluppo. Il cervello dei bambini si sviluppa in modo significativo nelle prime settimane. Per questo motivo, le strategie per i bambini nella NICU devono anche essere adattate all’età gestazionale. Se si riescono a trovare strumenti semplici per aiutare i bambini ricoverati a ottenere un sonno di qualità superiore, potrebbero fare una grande differenza per la salute e lo sviluppo dei bambini, specialmente per coloro che devono rimanere in ospedale per un periodo prolungato.

 

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will be presented at Sleep 2018.

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. mariannecraven ha detto:

    Sono sicura che se avessi la voce registrata della mia mamma che mi legge le fiabe, anche il mio sonno sarebbe più sereno. Ed io ho un’età ormai! E la mia mamma è in cielo da un bel po’ di anni.
    Figuriamoci un neonato che si è abituato a sentire la voce della mamma già da quando era in pancia! Non ho dubbi in proposito, non c’era bisogno di alcuna ricerca per quanto mi riguarda.
    Quel piccolo esserino che cresce dentro la sua mamma recepisce tutto, assorbe come una spugna e poi, quando è il momento, butta fuori tutto, perciò stiamo attenti a quello che diciamo e a come ci comportiamo, perché, poi, se dovessimo sentire qualche parola fuori luogo …. dovremmo incolpare solo noi stessi!
    Facciamogli ascoltare buona musica, favole dolci, profumo di fiori e poi … buona fortuna!

    Mi piace

    1. … E poi a quel punto non è fortuna, ma il raccogliere ciò che si è seminato!

      Piace a 1 persona

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Mia filgia nacora oggi, quando sta male, ha bisogno di ascoltarmi mentre la coccolo…

    Mi piace

    1. Che bello! 😍 A me neanche da piccolo..

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...