Una separazione indesiderata dai genitori può alterare lo sviluppo del cervello

Risultati immagini per children cry saatchi art
Crying Girl (Paddy Simkins)

Alla nascita, il cervello è l’organo più sottosviluppato nel nostro corpo. Bisogna aspettare circa i 25 anni affinché i nostri cervelli maturino completamente. Qualsiasi avversità seria e prolungata, come una separazione improvvisa, inaspettata e duratura da parte di un genitore o una persona vicina, modifica la struttura del cervello in via di sviluppo. Danneggia la capacità di un bambino di elaborare le emozioni e lascia cicatrici che sono profonde e per tutta la vita. Alcuni bambini reagiscono meglio di altri, mentre alcuni combattono con i principali disturbi psichiatrici, mentre altri non hanno diagnosi psichiatriche. Tuttavia, il loro sentimento di sicurezza e fiducia negli altri è compromesso. L’impatto del trauma della separazione è eterno. Le specie nidiacee, come gli esseri umani, dipendono dall’assistenza dei genitori per la sopravvivenza e lo sviluppo dopo la nascita. Il genitore è necessario per regolare la temperatura della prole e fornire cibo e protezione contro le minacce ambientali. Questo si realizza attraverso il legame del genitore con la prole che nutre un profondo attaccamento. I neonati imparano rapidamente che i segnali di presenza dei genitori, come un’immagine, voce, tatto o odore, segnalano la sicurezza. Gli studi sui mammiferi mostrano che i bambini sono naturalmente conformi alle emozioni dei genitori. La presenza di un genitore calmo e premuroso produce la sensazione di sicurezza in un bambino. Al contrario, l’angoscia e la paura dei genitori attivano i circuiti cerebrali del bambino che sono responsabili dell’elaborazione di stress, dolore e minaccia. La capacità di un custode di regolare le emozioni della prole è una funzione adattiva codificata nei nostri geni. Prima che le persone abbiano le nostre esperienze indipendenti, iniziamo ad apprendere ciò che è sicuro e ciò che è pericoloso nell’ambiente circostante attraverso l’osservazione e l’interazione con i nostri genitori. Questo aumenta le nostre possibilità di sopravvivenza e successo nel mondo. Numerosi studi dimostrano che la presenza dei genitori è più importante dell’ambiente circostante per il benessere emotivo di un bambino o di un bambino molto piccolo. Finché il genitore è presente e rimane calmo e attento, il bambino è in grado di sopportare molte minacce e avversità. Metaforicamente parlando, il custode è il mondo per il bambino. La presenza dei genitori è necessaria anche per la crescita e lo sviluppo armonioso di una persona. Ciò include lo sviluppo delle nostre funzioni psicologiche e sociali, come la nostra capacità di rispondere allo stress e di autoregolamentare le nostre emozioni o la nostra capacità di fidarsi degli altri e di funzionare in un gruppo. Qualsiasi interruzione seria e prolungata dell’assistenza genitoriale, specialmente nei neonati e nei bambini molto piccoli, altera il modo in cui il giovane cervello si sviluppa. I bambini molto piccoli, di età inferiore ai cinque anni, separati dai loro genitori non possono più fare affidamento sulla loro presenza e cura, il che provoca un picco nei loro livelli di stress. Quando gli ormoni dello stress, come il cortisolo, l’adrenalina e la norepina, aumentano, alterano le funzioni fisiologiche del nostro corpo per prepararci meglio a fronteggiare la minaccia. Tuttavia, prolungati aumenti dei livelli degli ormoni dello stress interrompono le funzioni fisiologiche e inducono infiammazioni e cambiamenti epigenetici – alterazioni chimiche che interrompono l’attività dei nostri geni. Attivare o disattivare i geni nel momento sbagliato modifica la traiettoria evolutiva del cervello, modificando il modo in cui si formano le reti neurali e come comunicano le regioni cerebrali. Gli studi sui bambini separati dai loro genitori o trascurati dai loro genitori e la ricerca sperimentale sugli animali mostrano costantemente che la distruzione della presenza e dell’assistenza dei genitori provoca una maturazione precoce e rapida dei circuiti cerebrali responsabili dell’elaborazione di stress e minacce. Questo sviluppo accelerato altera il cablaggio del cervello e cambia il modo in cui vengono elaborate le emozioni. Studi di laboratorio dimostrano che non ci vuole molto perché la separazione ferisca questi neonati e bambini. Nei roditori di laboratorio questi cambiamenti nel cablaggio cerebrale vengono attivati ​​quando un cucciolo viene separato dalla madre per appena due o tre ore al giorno per diversi giorni consecutivi. Sappiamo che lo stress per i cuccioli è causato dall’assenza della madre, non da altri cambiamenti nell’ambiente, perché i ricercatori hanno continuato ad alimentare i cuccioli ea mantenere la temperatura corporea durante l’esperimento. La maturazione prematura delle reti di elaborazione dello stress e delle minacce nel cervello dei bambini separati dai genitori ostacola lo sviluppo del bambino e porta a una perdita di flessibilità nel rispondere al pericolo. Ad esempio, molti di noi sono in grado di “disimparare” ciò che potremmo aver inizialmente considerato minaccioso o spaventoso. Se qualcosa o qualcuno non è più pericoloso, le nostre risposte di difesa si adattano, estinguendo la nostra paura. Questa capacità di disimparare la minaccia è compromessa negli animali separati dalla madre. Il successiva ricongiungimento con un genitore, o la sostituzione con un nuovo custode, potrebbe non invertire i cambiamenti causati da questo precoce stress di separazione. Immagini del cervello rivelano strutture cerebrali alterate. Gli studi di imaging cerebrale dimostrano cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello dei bambini separati dai loro genitori. Nello specifico, lo stress della separazione aumenta le dimensioni dell’amigdala, una struttura chiave nell’elaborazione delle minacce e nelle emozioni, e altera le connessioni dell’amigdala con altre aree del cervello. A livello molecolare, la separazione altera l’espressione dei recettori sulla superficie della cellula cerebrale coinvolti nella risposta allo stress e nella regolazione delle emozioni. Senza il giusto numero di recettori, la comunicazione tra i neuroni viene interrotta. Il trauma della separazione permanente o temporanea pone rischi generali per la salute e influisce sul rendimento scolastico, sul successo nella carriera e sulla vita personale. In particolare, la perdita o la separazione dai genitori aumenta la probabilità di vari disturbi psichiatrici, inclusi stress post-traumatico, ansia, umore, disturbi psicotici o di uso di sostanze. La sensazione di sicurezza e la capacità associata di legarsi con gli altri, la capacità di rilevare e rispondere alle minacce, così come la capacità di regolare le proprie emozioni e lo stress sono vitali. La riprogrammazione precoce dei circuiti neurali alla base di queste funzioni può modificare direttamente o indirettamente lo sviluppo fisico, emotivo e cognitivo del bambino e causare cambiamenti permanenti.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation “Sudden and Lasting Separation From Parent Can Permanently Alter Brain Development.” NeuroscienceNews, 21 June 2018.

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lettrice Assorta ha detto:

    Complimenti un bellissimo articolo che tratta in maniera semplice ed efficace l’argomento della separazione…un pochino inquietante però per le implicazioni che ne scaturiscono.

    Piace a 2 people

    1. Grazie! implicazioni di cui tenerne conto però…

      Mi piace

      1. Lettrice Assorta ha detto:

        Certo, immagino che dovrebbero fare un corso e inserire queste nozioni prima del matrimonio o di fare un figlio.

        Piace a 1 persona

  2. Enri1968 ha detto:

    Ti sei, scusami, ispirato a quello che sta accadendo in Texas?

    http://www.sullamaca.it/notizie/benvenuti-in-america/

    Mi piace

  3. Tiziana ha detto:

    Il titolo mi ha inquietato e spaventato. Stasera leggerò l’articolo. Buona domenica.

    Mi piace

    1. Eh immagino, però è importante capire che i bambini non nascono con dei disagi, ma sono le storie personali che predispongono ad avere delle difficoltà. Buona domenica a te, cara Tiziana

      Piace a 1 persona

  4. vincenza63 ha detto:

    Facciamolo leggere a Trump

    Mi piace

    1. Eh si, dovrebbe… Buona domenica, cara

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...