La rabbia come disordine postpartum

Risultati immagini per Angry mother saatchi art
mother and child (Trudi Willenborg)

Una nuova ricerca dell’Università della British Columbia suggerisce che le donne nel periodo postpartum dovrebbero essere sottoposte a screening per la rabbia oltre alla depressione e all’ansia. Sebbene la rabbia sia stata riconosciuta come un elemento dei problemi di umore postpartum per alcune donne, non è stata studiata bene e non è inclusa nello strumento di screening della scala di Depressione postnatale di Edimburgo ampiamente utilizzato. In una revisione della ricerca esistente i ricercatori hanno scoperto che la rabbia è una caratteristica significativa dei disturbi dell’umore postpartum. Sappiamo che le madri possono essere depresse e ansiose nel periodo postpartum, ma i ricercatori non hanno prestato veramente attenzione alla rabbia. Ci sono alcune prove che indicano che essere sia arrabbiato che depresso peggiora l’intensità e la lunghezza della depressione. Ciò può avere molti effetti negativi su madre, figlio e famiglia e sulla relazione tra i genitori. L’analisi ha anche scoperto che i sentimenti di impotenza, una mancata corrispondenza tra la realtà e le aspettative della maternità, e le insoddisfatte aspettative di sostegno hanno contribuito alla rabbia nel contesto della depressione postpartum. La rabbia può essere una reazione alle aspettative infrante su come sarà la maternità. Le madri possono sentire di non aver soddisfatto le loro aspettative e che anche altri possono giudicarle perché, per esempio, si dà un’alimentazione artificiale invece dell’allattamento al seno. Molte madri hanno anche espresso sentimenti di delusione da parte degli altri in termini di sostegno da parte di partner, familiari e operatori sanitari. In molte culture, la rabbia non è vista come un’emozione accettabile per le persone, specialmente per le donne, e ciò può essere la ragione per cui la rabbia postpartum non è stata esaminata attentamente. Alcuni teorici hanno ipotizzato che le persone possano essere irritate dalle loro circostanze e, quando le cose non cambiano, alcune persone possono cadere in depressione. Quest’analisi è un importante punto di partenza per identificare i potenziali contributori alla rabbia postnatale e alla sua espressione. Sappiamo che i bambini esposti alla rabbia o alla depressione dei genitori corrono un rischio maggiore di sviluppare problemi emotivi. Questa nuova ricerca suggerisce che è importante che operatori sanitari e ricercatori esaminino la rabbia materna nel periodo postnatale per comprendere e gestire tale rischio.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Anger in the context of postnatal depression: An integrative review” by Christine H. Ou RN, MSN and Wendy A. Hall RN, PhD in Birth. Published May 20 2018.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...