Basta un poco di zucchero e la pillola va giù…

Risultati immagini per old  saatchiart
OLD SuperMAN (Inga Batatunashvili)

Forse aveva ragione Mary Poppins, in fondo alle volte rendere più dolce la vita ci serve per ingoiare le medicine più amare, ma a quanto pare negli anziani ha anche altri benefici. Secondo una nuova ricerca dell’Università di Warwick, lo zucchero migliora la memoria negli anziani e li rende più motivati ​​a svolgere compiti difficili a pieno regime. Lo studio ha rilevato che l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue non solo migliora la memoria e le prestazioni, ma rende gli anziani più felici durante un compito. I ricercatori hanno dato ai partecipanti giovani (di età compresa tra i 18-27 anni) e più anziani (di età compresa tra i 65 e gli 82 anni) una bevanda contenente una piccola quantità di glucosio e li hanno portati a svolgere vari compiti di memoria. Ad altri partecipanti è stato somministrato un placebo – una bevanda contenente dolcificante artificiale. I ricercatori hanno misurato i livelli di coinvolgimento dei partecipanti con il compito, il loro punteggio di memoria, l’umore e la propria percezione dello sforzo. Hanno scoperto che l’aumento di energia attraverso una bevanda a base di glucosio può aiutare sia i giovani che gli anziani a provare più duramente rispetto a quelli che avevano il dolcificante artificiale. Per i giovani adulti, tuttavia, è finita qui: il glucosio non ha migliorato né il loro umore né le prestazioni della memoria. Tuttavia, gli anziani che avevano una bevanda a base di glucosio hanno mostrato una memoria significativamente migliore e un umore più positivo rispetto agli anziani che hanno consumato il dolcificante artificiale. Inoltre, sebbene misure oggettive di coinvolgimento dei compiti mostrassero che gli adulti più anziani nel gruppo del glucosio si impegnavano maggiormente in questo compito rispetto a quelli che consumavano il dolcificante artificiale, i loro self-report dimostrarono che non si sentivano come se avessero superato prove più difficili. Gli autori hanno concluso che la disponibilità di energia a breve termine sotto forma di elevati livelli di zucchero nel sangue potrebbe essere un fattore importante nella motivazione degli anziani per svolgere un compito alla loro massima capacità. La motivazione accresciuta, a sua volta, potrebbe spiegare il fatto che un aumento dei livelli di zucchero nel sangue aumenta anche il senso di autostima degli anziani, diminuisce le auto-percezioni dello sforzo e migliora l’umore. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per districare questi fattori al fine di comprendere appieno in che modo la disponibilità di energia influisce sull’impegno cognitivo e per sviluppare linee guida dietetiche chiare per gli anziani. Nel corso degli anni, gli studi hanno dimostrato che impegnarsi attivamente con compiti cognitivi difficili è un prerequisito per il mantenimento della salute cognitiva in età avanzata. Pertanto, le implicazioni dello scoprire i meccanismi che determinano i livelli di impegno degli anziani non possono essere sottovalutati. Questi risultati ci avvicinano di più alla comprensione di ciò che spinge gli anziani a esercitare uno sforzo e a trovare modi per aumentare la loro volontà di impegnarsi duramente anche se un compito sembra impossibile da eseguire. Sicuramente ad un’età in cui è difficile attivare i circuiti della ricompensa, piccole quantità di zucchero (altrimenti potrebbe diventare dannoso) possono essere una valida fonte di motivazione per preservare le abilità cognitive.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Gain without pain: Glucose promotes cognitive engagement and protects positive affect in older adults” by Mantantzis, Konstantinos; Maylor, Elizabeth A.; and Schlaghecken, Friederike in Psychology and Aging. Published July 12 2018.

20 commenti Aggiungi il tuo

  1. Maria ha detto:

    Infatti, per studiare meglio, mi concedevo delle pause merende 😆

    Piace a 1 persona

    1. Nell’articolo parlavo di anziani ma va bene lo stesso😅😄

      Piace a 1 persona

      1. Maria ha detto:

        C’erano anche i giovani partecipanti dai 18 ai 27 u.u . Ma in verità mi sfuggiva il significato dei dolci “artificiali”

        Mi piace

      2. Intendevo che nei giovani il risultato non era lo stesso. Con dolcificante artificiale indicavo i dolcificanti che non contengono glucosio (dietor e simili)

        Piace a 1 persona

      3. Maria ha detto:

        Aaah, allora non avevo proprio capito niente 😂 ho letto troppo velocemente

        Mi piace

  2. luisa zambrotta ha detto:

    E’ una bella notizia…

    Mi piace

    1. Si, un rimedio semplice da attuare

      Mi piace

  3. Le perle di R. ha detto:

    Le piccole quantità variano da?

    Mi piace

    1. Premettendo che era riferito agli anziani,
      è importante che non siano un’abitudine, ma che siano limitate allo svolgimento di un compito.

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Io avevo intenso che riguardasse gli anziani: sono stata semplicemente curiosa e, difatti, mi hai dato un dettaglio in più in questo commento. 😊

        Mi piace

      2. Meglio specificare per essere chiari… Buona giornata cara Rita!

        Piace a 1 persona

      3. Le perle di R. ha detto:

        Buona giornata anche a te 😊

        Mi piace

  4. Nasuko ha detto:

    I also pay attention to taking too much sugar.
    In Japan there is Sugar called “和三盆” which is made from Saccharum(Sugar Cane). :D

    Mi piace

    1. Is this sugar different from the normal one? Thanks Nasuko!!!

      Piace a 1 persona

      1. Nasuko ha detto:

        “Wasanbon” is the refined sugar that is made in micro particles sugar by the unique manufacturing and traditional method in Shikoku in Japan.
        So,it can’t be made a lot.
        Very expensive!!
        Here is images of 和三盆(Wasanbon) 😀 ↓

        https://search.yahoo.co.jp/image/search?p=Wasanbon&ei=UTF-8&fr=top_ga1_sa

        Mi piace

      2. Very nice, I love Japan! 😊
        Thanks for your explanation!

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...