Le radiazioni del cellulare potrebbero peggiorare la memoria degli adolescenti

Risultati immagini per Mobile Phone saatchiart
Tokyo Boys Mobile phone (Michael Coxon)

La rapida evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) si accompagna ad un aumento dell’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) nella nostra vita quotidiana. La fonte di esposizione più rilevante per il cervello è l’uso di un telefono cellulare vicino alla testa. Numerosi studi sono stati condotti per identificare potenziali effetti sulla salute correlati al RF-EMF, anche se i risultati sono rimasti inconcludenti. La ricerca condotta dagli scienziati dell’Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH) ha esaminato la relazione tra l’esposizione a RF-EMF dei dispositivi di comunicazione wireless e le prestazioni di memoria negli adolescenti. Lo studio fa seguito a un rapporto pubblicato sulla rivista scientifica Environment International nel 2015, con il doppio delle dimensioni del campione e informazioni più recenti sull’assorbimento di RF-EMF nel cervello degli adolescenti durante diversi tipi di utilizzo di dispositivi di comunicazione wireless. Questi sono i primi studi epidemiologici al mondo che stimano la dose cumulativa nel cervello RF-EMF negli adolescenti. Lo studio ha rilevato che l’esposizione cumulativa del cervello a RF-EMF a causa dell’uso di telefoni cellulari oltre un anno può avere un effetto negativo sullo sviluppo delle prestazioni della memoria figurale negli adolescenti, confermando i risultati precedenti pubblicati nel 2015. La memoria figurale è principalmente localizzata nell’emisfero cerebrale destro e l’associazione con RF-EMF era più pronunciato negli adolescenti che usavano il telefono cellulare sul lato destro della testa. Questo potrebbe suggerire che in effetti l’RF-EMF assorbito dal cervello è responsabile delle associazioni osservate. Altri aspetti dell’uso della comunicazione wireless, come l’invio di messaggi di testo, la riproduzione di giochi o la navigazione in Internet causano solo un’esposizione marginale RF-EMF al cervello e non sono associati allo sviluppo delle prestazioni della memoria. Una caratteristica unica di questo studio è l’uso di dati utente di telefono cellulare raccolti in modo oggettivo dagli operatori di telefonia mobile. Sono necessarie ulteriori ricerche per escludere l’influenza di altri fattori. Ad esempio, i risultati dello studio potrebbero essere stati influenzati dalla pubertà, che influisce sia sull’uso del telefono cellulare che sullo stato cognitivo e comportamentale del partecipante. I dati raccolti dalla coorte di effetti sulla salute del telefono cellulare negli adolescenti (HERMES) hanno esaminato il relazione tra esposizione a RF-EMF e sviluppo delle prestazioni di memoria di quasi 700 adolescenti nel corso di un anno. I partecipanti, di età compresa tra 12 e 17 anni, sono stati reclutati dal 7 ° al 9 ° anno di scuola pubblica nelle aree urbane e rurali della Svizzera tedesca. L’effetto potenziale dell’esposizione RF-EMF al cervello è un campo relativamente nuovo di indagine scientifica. Non è ancora chiaro come RF-EMF possa potenzialmente influenzare i processi cerebrali o quanto rilevanti siano le scoperte nel lungo periodo. I potenziali rischi per il cervello possono essere ridotti al minimo utilizzando le cuffie o l’altoparlante durante la chiamata, in particolare quando la qualità della rete è bassa e il telefono funziona alla massima potenza.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Environmental Health Perspectives.

15 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ehipenny ha detto:

    Bene non fa di sicuro… io chiamo pochissimo ma mando molti messaggi 😀

    Mi piace

    1. Quindi sei a posto… Bisognerebbe anche tenerlo lontano da sé la notte

      Piace a 1 persona

      1. Ehipenny ha detto:

        Io lo spengo sempre, o se non lo faccio metto la modalità aereo 🙂

        Mi piace

      2. Ehipenny ha detto:

        Davvero? È una cosa a cui ho iniziato a far caso di recente, stando molto al cellulare come tutti i coetanei, mi sono sempre chiesta se e quanto facesse male… meglio così 😀

        Piace a 1 persona

  2. Nasuko ha detto:

    I must be careful!!!

    Mi piace

    1. I think everybody, it’s a serious problem!!!

      Piace a 1 persona

  3. B. ha detto:

    Credo che stia peggiorando le condizioni mentali di molti….

    Mi piace

  4. olgited ha detto:

    Molto interessante!

    Mi piace

  5. maxilpoeta ha detto:

    un problema più che mai attuale

    Mi piace

    1. … ma ancora sottovalutato!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...