Effetti della violenza domestica in gravidanza sui nascituri

Risultati immagini per Violence women saatchi art
THE SUFFERING (Alberto Penagos)

Secondo un nuovo studio realizzato dal William J. Shaw Center for Children and Families, i bambini le cui madri sperimentano la violenza interpersonale durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di mostrare aggressività e sfiducia verso le loro madri in tenera età. Gran parte della ricerca associata alla violenza domestica in gravidanza si concentra sull’impatto negativo che ha su gravidanza, travaglio e parto. Invece questo studio, pubblicato su The International Journal of Behavioral Development, esamina l’impatto a breve e lungo termine della violenza prenatale (indipendentemente dal perpetratore) sui successivi risultati dell’adattamento dei bambini. I ricercatori volevano mappare come l’impatto della violenza avessi effetti a cascata nel tempo. La violenza prenatale colpisce principalmente i bambini attraverso il modo in cui colpisce la madre. La ricerca ha dimostrato che molte madri che vivono in situazioni di violenza domestica hanno abilità genitoriali piuttosto forti, ma quando la violenza influenza la loro salute mentale, anche l’essere genitore può diventare più difficile. L’infanzia e le prime fasi post-nascita sono momenti chiave per imparare alcune delle principali abilità di regolazione delle emozioni – quindi se le mamme fanno fatica, i bambini lottano. L’impatto dannoso della violenza durante la gravidanza è profondo e duraturo, con effetti visibili sul bambino fino a 2 anni, anche se l’esposizione iniziale è indiretta. Hanno misurato il comportamento aggressivo dei bambini nell’ambiente domestico, che includeva calci e sfida come riportato dalle loro madri. Mentre questa scoperta è in linea con le previsioni dei ricercatori, sono stati sorpresi nel constatare che la violenza interpersonale in gravidanza non predice i comportamenti aggressivi dei bambini nei confronti dei loro pari – suggerendo che molti bambini sono in grado di mostrare capacità di recupero nelle relazioni sociali al di fuori della casa. Sebbene sostenere i bambini in età prescolare esposti a impatto della violenza da partner (IPV) sia estremamente importante, si potrebbe essere tentati a pensare che oramai sia troppo tardi. Il periodo di gravidanza è un ottimo punto di intervento non solo perché si interviene precocemente, ma anche perché le donne sono spesso impegnate in un sistema sanitario con la maggior regolarità delle loro vite. Ciò fornisce una finestra unica in cui il rischio delle donne coincide con il loro accesso ai sistemi di supporto: un’opportunità molto rara.Quando c’è un’opportunità per mettere i supporti in atto per le donne incinte a rischio, l’impatto negativo sui bambini è destinato a diminuire in modo significativo. Una delle molte potenziali applicazioni di questa ricerca sono i migliori standard di screening per la violenza durante gli esami prenatali. Se fosse possibile fare questa ricerca e farla bene, si avrebbe un enorme impatto per la salute di mamme e bambini piccoli.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Interpersonal violence during pregnancy: Enduring effects in the post-partum period and implications for the intergenerational transmission of risk”

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Evaporata ha detto:

    Ussignur! 😦

    Mi piace

  2. Le perle di R. ha detto:

    Parlane, Daniele… parlane tanto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.