Una mente serena rende i sogni più dolci

Risultati immagini per sweet dreams saatchiart
Sweet dreams my little one (Miriam Sore)

È stato a lungo ipotizzato che il contenuto dei sogni possa dirci qualcosa sul benessere della persona. Tuttavia, finora i ricercatori che si occupano di sogni hanno studiato principalmente i sogni delle persone che soffrono di vari disturbi e sappiamo molto poco del lato positivo del benessere: le persone più felici hanno sogni più felici? D’altra parte chi si occupa del benessere, tende a concentrarsi sulla felicità, ma si tende a trascurare un aspetto saliente: una mente in pace. I ricercatori volevano affrontare queste importanti lacune nella ricerca sul sogno e nel benessere e studiare come le emozioni dei sogni fossero legate non solo a diversi aspetti del malessere durante la veglia, ma anche a diversi aspetti del benessere, inclusa la serenità. In effetti, questo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, è il primo che guarda come la pace della mente si relaziona con il contenuto dei sogni. La pace della mente è uno stato di pace interiore e armonia, uno stato di benessere più complesso e duraturo della felicità, tradizionalmente associato alle culture orientali. Anche se raramente è stato misurato direttamente in studi di benessere, in diverse tradizioni filosofiche e approcci spirituali la pace della mente è sempre stata considerata centrale. I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti sani di compilare un questionario che misurava il loro stato di agitazione e il loro benessere. Poi, durante le seguenti tre settimane, i partecipanti hanno tenuto un diario dei sogni giornaliero in cui, ogni mattina al risveglio, hanno riferito tutti i loro sogni e valutato le emozioni che hanno vissuto in quei sogni. I risultati hanno mostrato che gli individui con livelli più elevati di tranquillità mentale hanno riferito emozioni oniriche maggiormente positive, mentre quelli con livelli più elevati di ansia hanno riferito sensazioni prodotte dai sogni maggiormente negative. Questi risultati mostrano che se vogliamo capire in che modo il contenuto del sogno è collegato al risveglio del benessere, non è sufficiente misurare solo i sintomi del malessere mentale, ma dovremmo misurare anche il benessere. Sorprendentemente, quegli aspetti che sono generalmente considerati e misurati come “benessere” non erano correlati al contenuto del sogno. Quindi sembra esserci qualcosa di unico nella pace mentale e nell’ansia. I ricercatori suggeriscono che gli individui con livelli più elevati di tranquillità possono essere in grado meglio di regolare le loro emozioni non solo nello stato di veglia ma anche durante il sogno, mentre il contrario potrebbe essere vero per quelli con livelli più elevati di ansia. Negli studi futuri bisognerebbe esplorare se una migliore capacità di regolazione delle emozioni e l’autocontrollo in generale sono davvero qualcosa che caratterizza le persone con livelli più elevati di tranquillità mentale, e se il miglioramento di tali abilità può anche portare a una maggiore tranquillità. In pratica non basta augurare ai nostri cari “dolci sogni” ma li aiutiamo ad essere sereni saremo sicuri che la loro notte sarà costellata di sogni meravigliosi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Peace of mind and anxiety in the waking state are related to the affective content of dreams” by Pilleriin Sikka, Henri Pesonen & Antti Revonsuo in Scientific Reports. Published August 24 2018.

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Carlo Molinari ha detto:

    Interessantissimo, grazie Daniele!

    Mi piace

    1. Grazie caro Carlo. Spero che tu stia bene

      Mi piace

      1. Carlo Molinari ha detto:

        Sto bene sì… ciao!

        Mi piace

  2. Ehipenny ha detto:

    Interessante, i sogni mi hanno sempre incuriosita 😀

    Mi piace

    1. Sono molto interessanti, purtroppo spesso per chi ha un disagio sono una fonte ulteriore di sofferenza

      Piace a 2 people

      1. Ehipenny ha detto:

        Quello è vero..

        Mi piace

  3. Camix ha detto:

    yes, it is interesting. i think i understood all in the article. And it seems to me that it is a very similar idea to Jung’s approach? o mi sbaglio? Do you go on Jung’s direction? I read Jung’s Dreams Memories Reflections (almost all) and enjoyed it, especially his interpretation of people’s troubles by hearing their dreams and their decisions in life.

    Mi piace

    1. Mayby it’s true, but don’t forget that Jung’s direction was theory, this study is an experiment. But, I think that they go in the same direction!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.