Il condizionamento nei bambini di due anni

Immagine correlata
Verdingkind (contract child) – Nicolas Bischof

Spesso ci si chiede quanto dei bambini piccoli possano capire dei messaggi inviati dal mondo adulto e se ne possano essere condizionati. Un nuovo studio da parte degli psicologi della Emory University ha scoperto che anche prima che i bambini possano formulare una frase completa, sono in sintonia con il modo in cui gli altri possono giudicarli. La rivista Developmental Psychology pubblica i risultati, documentando che i bambini sono sensibili alle opinioni degli altri e che modificheranno il loro comportamento di conseguenza quando gli altri li stanno guardando. Hanno dimostrato che all’età di 24 mesi, i bambini non sono solo consapevoli del fatto che altre persone potrebbero valutarli, ma che altereranno il loro comportamento per cercare una risposta positiva. Mentre la ricerca precedente ha documentato questo comportamento nei bambini di quattro-cinque anni, il nuovo studio suggerisce che potrebbe emergere molto primao. C’è qualcosa di specificamente umano nel modo in cui siamo sensibili allo sguardo degli altri e in che modo sistematico e strategico controlliamo questo sguardo. In fondo, la nostra preoccupazione per la gestione e la reputazione delle immagini riguarda la paura del rifiuto, uno dei principali motori della psiche umana. Questa preoccupazione per la reputazione si manifesta in tutto, dai soldi spesi per il trucco alle marche di stilisti al controllo di quanti “mi piace” su Facebook. Molte persone valutano la loro paura di parlare in pubblico al di sopra della loro paura di morire. Se vogliamo comprendere la natura umana, dobbiamo capire quando e come emergono le fondamenta per la cura dell’immagine. I ricercatori hanno condotto esperimenti che hanno coinvolto 144 bambini di età compresa tra 14 e 24 mesi utilizzando un giocattolo robot controllato a distanza. In un esperimento, un ricercatore ha mostrato a un bambino come usare il telecomando per azionare il robot. Il ricercatore osservò il bambino con un’espressione neutra o si voltò e finse di leggere una rivista. Quando il bambino veniva osservato, lui o lei mostrava più inibizione quando colpiva i pulsanti sul telecomando rispetto a quando il ricercatore non stava guardando. In un secondo esperimento, il ricercatore ha utilizzato due telecomandi diversi per dimostrare il giocattolo al bambino. Durante l’utilizzo del primo telecomando, il ricercatore sorrise e disse: “Wow! Non è fantastico? “E quando usava il secondo telecomando, il ricercatore si accigliò e disse” Uh-oh! Oops, oh no! Dopo aver invitato il bambino a giocare con il giocattolo, il ricercatore guardò di nuovo il bambino o si rivolse alla rivista. I bambini hanno premuto molto più i pulsanti sul telecomando associati alla risposta positiva del ricercatore mentre venivano osservati. E hanno usato il telecomando associato alla risposta negativa di più quando non sono stati guardati. Durante un terzo esperimento, che è servito da controllo, il ricercatore aveva un’esclamazione neutrale quando ha dimostrato come utilizzare i due telecomandi. I bambini non sceglievano più un telecomando sull’altro a seconda che il ricercatore li stesse osservando. L’esperimento di controllo ha mostrato che nel secondo esperimento i bambini tenevano realmente in considerazione i valori espressi dallo sperimentatore quando interagivano con il giocattolo, e in base a quei valori cambiavano il loro comportamento a seconda che fossero osservati. Un esperimento finale ha coinvolto due ricercatori seduti uno accanto all’altro e utilizzando un telecomando. Un ricercatore sorrise e diede una risposta positiva, “Yay! Il giocattolo si è mosso!” Premendo il telecomando. Il secondo ricercatore si accigliò e disse: “Yuck! Il giocattolo si è mosso!” Premendo lo stesso telecomando. Il bambino fu quindi invitato a giocare con il giocattolo mentre i due ricercatori si alternavano tra guardare o voltare le spalle al bambino. I risultati hanno mostrato che i bambini erano molto più propensi a premere il telecomando quando il ricercatore che ha dato la risposta positiva stava guardando. Questo studio rafforza l’idea che i bambini sono solitamente più intelligenti di quanto pensiamo. I ricercatori, continuando questo tipo di studi, sperano di determinare esattamente quando i bambini iniziano a essere sensibili alle valutazioni degli altri e ai fattori sociali e cognitivi che sono necessari affinché quella sensibilità emerga. Tale ricerca di base può tradursi in un aiuto alle persone in un ambiente clinico che si trovano agli estremi dello spettro di tale sensibilità. È normale e necessario in una certa misura prendersi cura della nostra immagine con gli altri, ma alcune persone si preoccupano così tanto che soffrono di ansia sociale, mentre altri si preoccupano così poco che non è ottimale in una società in cui la cooperazione è essenziale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Sensitivity to the evaluation of others emerges by 24 months” by Botto, Sara Valencia; and Rochat, Philippe in Developmental Psychology. Published August 2018.

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Io non riesco a fare le cose con naturalezza quando mi sento osservata in alcune circostanze: è grave? 😛

    Mi piace

    1. è normale, non preoccuparti….un abbraccio, cara Rita

      Piace a 2 people

  2. Gentilino ha detto:

    Un articolo intetessante !

    Mi piace

    1. Grazie mille. Il comportamento dei bambini dice tanto sull’influenza dell’ambiente. Per questo meritano di essere approfonditi sempre più.

      Piace a 2 people

  3. Assaggiaversi ha detto:

    “Molte persone valutano la loro paura di parlare in pubblico al di sopra della loro paura di morire” .Questa frase mi fa profondamente riflettere…

    Mi piace

    1. Purtroppo ho avuto modo di rendermi conto che la morte non fa paura quanto il giudizio. Buona domenica

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...