Come le neuroscienze possono capire le menti criminali

Risultati immagini per criminal mind saatchi art
Paura (Anna Dalla Valle)

Un nuovo studio mostra una differenza tra il modo in cui il rischio viene elaborato cognitivamente dai cittadini rispettosi della legge e dai ladri autodenunciati, consentendo ai ricercatori di vedere e comprendere meglio la mente criminale. Un team di ricercatori della Magnell Resonance Imaging Facility della Cornell University, ha esaminato le correlazioni neurologiche tra le preferenze di rischio e la criminalità negli adulti. In uno studio pubblicato di recente sul Journal of Experimental Psychology, ai partecipanti che si riferivano anonimamente alle tendenze criminali o non criminali venivano offerte due scelte: $ 20 garantiti, o lanciare una moneta per il doppio o il nulla. Lo studio ha rilevato che gli individui che sono più in alto nelle tendenze criminali scelgono il gioco d’azzardo, anche se sanno che c’è il rischio di non ottenere nulla. Coloro che hanno dichiarato di avere tendenze criminali più elevate si sono concentrati sul fatto che $ 40 è superiore a $ 20. Allo stesso modo, quando viene data l’opzione di perdere $ 20 o lanciare una moneta e perdere $ 40 o non perdere nulla, lo studio mostra che la maggioranza delle persone sceglie di giocare perché perdere nulla è meglio che perdere qualcosa. Quelli con tendenze criminali auto-segnalate più alte fanno il contrario, prendendo una perdita sicura rispetto al gioco d’azzardo. Questo è diverso perché è cognitivo e ci dice che il modo in cui la gente pensa è diverso, e che è un approccio rivoluzionario molto nuovo e che aiuta ad aggiungere altri fattori che aiutano a spiegare il cervello criminale. Quando i compiti furono completati, i ricercatori esaminarono l’attivazione del cervello attraverso la fMRI e scoprirono che il comportamento criminale era associato a una maggiore attivazione nelle cortecce temporale e parietale, che sono aree cerebrali coinvolte nell’analisi cognitiva e nel ragionamento. Coloro che prendono rischio abitualmente senza infrangere la legge hanno mostrato reattività emotiva nell’amigdala e motivazione della ricompensa nelle aree striatali. Non tutti i ragionamenti criminali sono uguali, e quindi le politiche pubbliche relative al sistema legale possono essere influenzate da queste scoperte attraverso una maggiore comprensione del comportamento del cervello umano per avere un sistema più giusto, contribuendo nel contempo a proteggere meglio il pubblico. Tutte queste informazioni possono davvero darci un’idea di come aiutare i giovani, ad esempio, e come distinguere la grande maggioranza che non crescerà come criminali, come pensare alla loro assunzione di rischi – anche quando va contro la legge – in modi fondamentalmente diversi e fare prevenzione in modo da evitare che alcuni diventino criminali.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brain activation covaries with reported criminal behaviors when making risky choices: A fuzzy-trace theory approach” by Reyna, Valerie F.,Helm, Rebecca K.,Weldon, Rebecca B.,Shah, Pooja D.,Turpin, and Alexa G.,Govindgari, Shravya in Journal of Experimental Psychology. Published July 2018.

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.