L’esercizio fisico genera nuovi neuroni

Risultati immagini per Exercise saatchi art
Exercise and Health (Liam Symes)

Sempre più ricerche mostrano i benefici di un’attività fisica sul cervello. Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) rileva che la neurogenesi – indurre la produzione di nuovi neuroni – nella struttura del cervello in cui le memorie sono codificate può migliorare la funzione cognitiva in un modello murino (ratto) del morbo di Alzheimer. La loro indagine mostra che quegli effetti benefici sulla cognizione possono essere bloccati dall’ambiente infiammatorio ostile presente nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer e che l’esercizio fisico può “ripulire” l’ambiente, permettendo alle nuove cellule nervose di sopravvivere e prosperare e migliorare la cognizione in i topi di Alzheimer. In questo studio hanno dimostrato che l’esercizio fisico è uno dei modi migliori per attivare la neurogenesi e quindi, calcolando gli eventi molecolari e genetici coinvolti ed hanno determinato come imitare gli effetti benefici dell’esercizio attraverso la terapia genica e gli agenti farmacologici. Mentre non ci sono ancora i mezzi per raggiungere in sicurezza gli stessi effetti nei pazienti, hanno determinato i target precisi di proteine ​​e geni per lo sviluppo per farlo in futuro. La neurogenesi dell’adulto – produzione di nuovi neuroni che si verificano dopo il periodo embrionale e, in alcuni animali, neonatale – avviene nell’ippocampo e in un’altra struttura del cervello chiamata striato. Mentre la neurogenesi dell’ippocampo adulto è essenziale per l’apprendimento e la memoria, il modo in cui il processo influenza condizioni neurodegenerative come il morbo di Alzheimer non è stato ben compreso. I test comportamentali sugli animali hanno rivelato limitati benefici cognitivi per gli animali nei quali la neurogenesi era stata indotta farmacologicamente e geneticamente. Ma gli animali nei quali la neurogenesi dell’ippocampo adulto (AHN) era indotta dall’esercizio mostravano migliori prestazioni cognitive e ridotti livelli di beta-amiloide. Sebbene l’AHN indotta dall’esercizio abbia migliorato la cognizione nei topi con Alzheimer attivando la neurogenesi, cercare di ottenere quel risultato usando la terapia genica ed i farmaci non ha aiutato. Questo perché i neuroni appena nati, indotti da farmaci e terapia genica, non erano in grado di sopravvivere in regioni cerebrali già devastate dalla patologia dell’Alzheimer. Hanno scoperto che la differenza principale tra la neurogenesi indotta dall’esercizio rispetto alle altre era che l’esercizio si è attivato anche sulla produzione di fattore neurotrofico derivato dal cervello o BDNF – noto per essere importante per la crescita e la sopravvivenza dei neuroni – che ha creato un ambiente cerebrale più ospitale per i nuovi neuroni sopravvivere. La lezione appresa è stata che non è sufficiente solo per attivare la nascita di nuove cellule nervose, bisogna contemporaneamente” ripulire “il quartiere in cui nascono per assicurarsi che le nuove cellule sopravvivano e prosperino. L’esercizio può raggiungere questo obiettivo. I ricercatori esploreranno in seguito se promuovere in modo sicuro la neurogenesi nei pazienti con Alzheimer aiuterà ad alleviare i sintomi della malattia e se farlo in individui sani già prima nella vita può aiutare a prevenire i sintomi più tardi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Combined adult neurogenesis and BDNF mimic exercise effects on cognition in an Alzheimer’s mouse model” by Se Hoon Choi, Enjana Bylykbashi, Zena K. Chatila, Star W. Lee, Benjamin Pulli, Gregory D. Clemenson, Eunhee Kim, Alexander Rompala, Mary K. Oram, Caroline Asselin, Jenna Aronson, Can Zhang, Sean J. Miller, Andrea Lesinski, John W. Chen, Doo Yeon Kim, Henriette van Praag, Bruce M. Spiegelman, Fred H. Gage, and Rudolph E. Tanzi in Science. Published September 5 2018.

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. italiafinlandia ha detto:

    Questo e’ proprio un articolo che mi riguarda; faccio giornalmente alcuni chilometri in bici o delle lunghe passeggiate, dovunque mi trovi: Italia o Finlandia e con qualsiasi tempo. Grazie e buona giornata!

    Mi piace

    1. Ed allora il tuo cervello ti ringrazierà… Buona giornata

      Piace a 1 persona

      1. italiafinlandia ha detto:

        A te, Daniele.

        Mi piace

  2. Ehipenny ha detto:

    Allora spero di averne di riserva perché io sono molto pigra 😂

    Mi piace

    1. Oppure puoi provare a combattere la tua pigrizia.. 😬😂

      Piace a 2 people

      1. Ehipenny ha detto:

        Non posso replicare 😅😅

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...