Le origini del disturbo ossessivo compulsivo

Risultati immagini per wash the hand saatchi art
Good morning! Wash your hand before (Sergey Dyomin)

Si puliscono le mani, molte volte di seguito. Fanno clic sugli interruttori per accendere e spegnere, più e più volte. Controllano – e ricontrollano, e controllano ancora – che abbiano spento la stufa. Passano mesi a rimuginare sullo stesso pensiero. Nessuno sa esattamente cosa spinga le persone con disturbo ossessivo-compulsivo a fare quello che fanno, anche quando sono pienamente consapevoli che non dovrebbero farlo ed anche quando interferiscono con la loro capacità di vivere una vita normale. Questa mancanza di comprensione scientifica significa che circa la metà di loro non riesce a trovare un trattamento efficace. Ma una nuova analisi delle scansioni cerebrali di centinaia di persone con disturbo ossessivo compulsivo e di persone senza la condizione patologica potrebbe aiutare. Più grande di qualsiasi studio precedente, individua le aree e i processi specifici del cervello collegati a quei comportamenti ripetitivi. In parole povere, lo studio suggerisce che il cervello dei pazienti affetti da DOC si blocca in un circolo vizioso, che i pazienti non possono fermare anche se sanno che dovrebbero. I ricercatori dell’Università del Michigan hanno riunito il più grande insieme di scansioni funzionali del cervello basate su attività e altri dati provenienti da studi DOC in tutto il mondo, e li hanno combinati per una nuova meta-analisi pubblicata in Biological Psychiatry. Questi risultati mostrano che, nel DOC, il cervello risponde troppo agli errori, e troppo poco per fermare i segnali, anomalie che i ricercatori avevano sospettato di svolgere un ruolo cruciale nel DOC, ma che non erano state dimostrate in modo conclusivo a causa di un piccolo numero di partecipanti negli studi individuali. Combinando i dati di dieci studi e quasi 500 pazienti e volontari sani, hanno potuto vedere come i circuiti cerebrali ipotizzati per essere cruciali per il disturbo ossessivo compulsivo siano effettivamente coinvolti nel disturbo. Questo dimostra il potere di fare questo tipo di ricerca in modo più collaborativo. Questa analisi definisce il palcoscenico per gli obiettivi terapeutici nel DOC, poiché mostra che l’elaborazione dell’errore e il controllo inibitorio sono entrambi processi importanti che sono alterati nelle persone con questa condizione. Sappiamo che i pazienti spesso hanno un’idea dei loro comportamenti e possono rilevare che stanno facendo qualcosa che non ha bisogno di essere fatto. Ma questi risultati mostrano che il segnale di errore probabilmente non sta raggiungendo la rete cerebrale che deve essere impegnata in modo che smettano di farlo. Nel loro articolo, i ricercatori si concentrano sulla rete cingulo-opercolare. Questa è una collezione di aree cerebrali collegate da autostrade di connessioni nervose in profondità nel centro del cervello. Normalmente agisce come un monitor per gli errori o la potenziale necessità di fermare un’azione, e ottiene le aree decisionali nella parte anteriore del cervello coinvolte quando rileva che qualcosa è “spento”. I dati della scansione cerebrale raggruppati utilizzati nel nuovo documento sono stati raccolti quando ai pazienti con DOC e alle persone sane è stato chiesto di svolgere determinati compiti mentre giacevano in un potente scanner MRI funzionale. In totale, la nuova analisi comprendeva scansioni e dati di 484 bambini e adulti, sia in terapia farmacologica che non. È la prima volta che un’analisi su larga scala ha incluso dati sulle scansioni cerebrali eseguite quando i partecipanti con disturbo ossessivo compulsivo hanno dovuto rispondere agli errori durante una scansione cerebrale e quando si sono dovuti fermare da soli. Un modello coerente è emerso dai dati combinati: rispetto ai volontari sani, le persone con DOC hanno avuto molta più attività nelle specifiche aree cerebrali coinvolte nel riconoscere che stavano commettendo un errore, ma meno attività nelle aree che potrebbero aiutarle a fermarsi. I ricercatori riconoscono che queste differenze da sole non sono la storia completa – e non possono raccontare dai dati disponibili se le differenze nell’attività sono la causa, o il risultato, di avere un DOC. Ma suggeriscono che i pazienti con DOC possono avere un collegamento “inefficiente” tra il sistema cerebrale che collega la loro capacità di riconoscere gli errori e il sistema che governa la loro capacità di fare qualcosa su quegli errori. Ciò potrebbe portare la loro reazione eccessiva agli errori a sopraffare la loro capacità sottodimensionata di dire a se stessi di fermarsi. È come se il loro piede fosse sul freno e dicesse loro di fermarsi, ma il freno non è attaccato alla parte della ruota che può effettivamente fermarli. Nelle sessioni cognitive di terapia comportamentale per il DOC, si lavora per aiutare i pazienti a identificare, affrontare e resistere alle loro compulsioni, per aumentare la comunicazione tra il” freno”e le ruote, fino a quando le ruote si fermano effettivamente. Ma funziona solo in circa la metà dei pazienti. Attraverso risultati come questi, speriamo di poter rendere la terapia più efficace o di guidare nuovi trattamenti. Mentre il disturbo ossessivo compulsivo era una volta classificato come disturbo d’ansia, e i pazienti sono spesso ansiosi riguardo al loro comportamento, ora è visto come una malattia mentale separata. L’ansia che molti pazienti affetti da DOC provano ora è pensata come un effetto secondario della loro condizione, causata dal riconoscere che i loro comportamenti ripetitivi non sono necessari ma non essere in grado di controllare la spinta a farli. Lo studio è attualmente alla ricerca di adolescenti e adulti fino a 45 anni che hanno DOC, e adolescenti sani e adulti che non lo hanno. Coinvolge due scansioni del cervello presso la struttura fMRI di ricerca dell’U-M e 12 settimane di terapia gratuita tra la prima e l’ultima scansione. La rTMS (stimolazione magnetica transcranica ripetitiva) che è stata recentemente approvata dalla FDA per il trattamento del DOC, prende di mira alcuni dei circuiti che il team di UM ha lavorato per identificare. rTMS focalizza i campi magnetici su certe aree del cervello dall’esterno del cranio. Se sappiamo come le regioni cerebrali interagiscono tra loro per iniziare e fermare i sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo, allora sappiamo dove indirizzare il rTMS. Per i casi gravi di DOC, le tecniche di chirurgia cerebrale sono emerse nell’ultimo decennio come opzione – e i nuovi risultati sono coerenti con i loro effetti. In questi casi, i neurochirurghi o disconnettono determinate aree del cervello l’una dall’altra con scoppi di energia o tagli, o inseriscono una sonda permanente che può stimolare l’attività in una particolare area. Gli autori del nuovo studio invitano i neurochirurghi a considerare le nuove scoperte sul ruolo delle aree cerebrali coinvolte nella rete cingulo-opercolare sia nel controllo inibitorio che nell’elaborazione degli errori al momento di decidere se e dove intervenire. I ricercatori chiedono anche studi che utilizzino test genetici e immagini cerebrali ripetute con fMRI degli stessi pazienti con disturbo ossessivo compulsivo nel tempo, in quello che viene definito uno studio longitudinale. Ciò potrebbe aiutare i ricercatori a mettere da parte il problema “della gallina e dell’uovo”, ossia se i problemi dell’elaborazione dell’errore e del controllo inibitorio si trovano nel cuore del disturbo ossessivo compulsivo o se sono gli effetti dei sintomi del DOC. Nel frattempo, i ricercatori sperano che le persone che attualmente hanno il disturbo ossessivo-compulsivo e i genitori di bambini con segni della malattia, si rallegreranno dalle nuove scoperte. Sappiamo che il disturbo ossessivo compulsivo è un disturbo cerebrale e stiamo acquisendo una migliore comprensione dei potenziali meccanismi cerebrali che sono alla base dei sintomi e che causano problemi ai pazienti nel controllare i loro comportamenti compulsivi. Questo non è un problema di comportamento oscuro: il DOC è un problema medico e non è colpa di nessuno. Con l’imaging cerebrale possiamo studiarlo proprio come gli specialisti del cuore studiano gli EKG dei loro pazienti – e possiamo usare queste informazioni per migliorare la cura e la vita delle persone con DOC.

Daniele Corbo

Bibligrafia: “Error-processing and inhibitory control in obsessive-compulsive disorder: a meta-analysis using statistical parametric maps” by Luke J. Norman’Correspondence information about the author Luke J. NormanEmail the author Luke J. Norman, Stephan F. Taylor, Yanni Liu, Joaquim Radua, Yann Chye, Stella J. De Wit, Chaim Huyser, F. Isik Karahanoglu, Tracy Luks, Dara Manoach, Carol Mathews, Katya Rubia, Chao Suo, Odile A. van den Heuvel, Murat Yücel, and Kate Fitzgerald in Biological Psychiatry. Published November 29 2018.

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Molto interessante e, immagino, di grande utilità per coloro che soffrono di tale disturbo.

    Mi piace

    1. L’abbattimento dello stigma verso le varie forme di disturbi passa attraverso l’informazione. Grazie cara Rita!

      Piace a 2 people

  2. Lucia ha detto:

    L’ansia… nn appena possibile leggo con calma questo articolo che…

    Piace a 1 persona

  3. Sono scoperte davvero interessanti. Si sa quanto tempo è durata questa ricerca? La quantità di dati raccolti e la combinazione dati di più ricerche fanno pensare che il tempo dedicato sia stato complessivamente notevole.

    Mi piace

    1. Sono stati presi in considerazione ricerche pubblicate nell’ultimo anno. Mediamente ogni studio è durato 3 anni.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.