La gravidanza modifica la sensibilità neurale delle madri ai segnali facciali dei neonati

Mother Child Love (Gurdish Pannu)

Andare incontro alla maternità innesca cambiamenti nella struttura cerebrale delle madri che possono facilitare il legame con i loro bambini. Mentre molti studi si sono concentrati sul periodo postpartum, i ricercatori non hanno esaminato se i cambiamenti nella corteccia materna durante la gravidanza sono associati al legame postnatale. Un nuovo studio ha esaminato se la gravidanza modifica la sensibilità neurale delle madri ai segnali facciali dei neonati e se tali cambiamenti influiscano sul legame madre-bambino. Lo studio ha rilevato che le madri che mostravano una maggiore attività cerebrale in risposta alle indicazioni del viso dei neonati dalla gravidanza alla maternità riferivano legami più forti con i loro bambini dopo la nascita rispetto alle madri che non mostravano tali aumenti. I risultati, dei ricercatori dell’Università di Toronto e della Liverpool Hope University, sono pubblicati su Child Development, una rivista della Society for Research in Child Development.  Questi risultati supportano l’idea che, nel cervello, le risposte agli stimoli dei bambini cambino nel corso della gravidanza e della maternità precoce, con alcune madri che mostrano cambiamenti più marcati di altre. Questa variazione a sua volta è associata alle relazioni delle madri sui loro legami emotivi con i loro bambini. La relazione precoce tra madri e bambini è ampiamente considerata vitale per lo sviluppo dei bambini. I legami della madre con i loro bambini sono la chiave per lo sviluppo di questa relazione, e un legame forte è fondamentale per uno sviluppo ottimale. Sviluppare questo legame non è istantaneo, ma si verifica come parte di un processo che inizia spesso in gravidanza e continua nei mesi successivi alla nascita. È stata studiata l’importanza di formare legami stretti, ma poco si sa su come questo legame possa iniziare a svilupparsi prima del parto. I ricercatori hanno intervistato 39 donne incinte di età compresa tra i 22 e i 39 anni provenienti da una serie di razze ed etnie provenienti dalla grande area di Toronto; la maggior parte delle donne era sposata e aveva una laurea o un master. Le donne hanno visitato il laboratorio due volte, una volta nel terzo trimestre di gravidanza e una volta da tre a cinque mesi dopo il parto. In entrambe le visite, le donne hanno preso parte ad un compito di elaborazione del viso durante il quale la loro attività cerebrale è stata misurata da un EEG (che misura l’attività elettrica nel cervello); nel compito, le donne hanno visto quattro blocchi di 40 volti di neonati e adulti felici e tristi. In entrambe le visite, le donne hanno riferito di sintomi di depressione e ansia e alla visita postnatale hanno riferito di come si stavano legando con i loro neonati. In questo modo, i ricercatori hanno determinato i cambiamenti nell’attività cerebrale dal periodo prenatale a quello postnatale. Lo studio ha rilevato che l’aumento delle risposte corticali ai volti dei bambini dal periodo prenatale a quello postnatale nelle madri era associato a relazioni più positive con il bambino (come riportato dalle madri) dopo la nascita. I ricercatori hanno scoperto che i cambiamenti corticali osservati riflettono processi di attenzione automatici piuttosto che processi di controllo deliberati. Hanno anche scoperto che i cambiamenti corticali osservati non potevano essere attribuiti ai processi specifici del viso utilizzati per percepire le caratteristiche strutturali del viso di un bambino. Presi insieme, i risultati suggeriscono che il passaggio dalla gravidanza alla maternità è un periodo di plasticità nella zona corticale del cervello, così come una delle riorganizzazioni corticali, che si manifesta in alcuni genitori come una maggiore attenzione ai volti dei neonati e una miglior legame della madre col figlio. Questo studio è limitato dalle sue dimensioni e dal fatto che i ricercatori non hanno determinato la direzione dei risultati, cioè se la relazione madre-bambino ha influenzato il cambiamento neurale o il cambiamento neurale ha influenzato la stretta relazione. I prossimi passi della ricerca saranno di esaminare come le reti emotive e cognitive nel cervello comunicano, e se i cambiamenti nella connettività neurale tra queste reti sono legati al modo in cui i genitori comprendono e rispondono ai segnali emotivi dei loro bambini.

Daniele Corbo

Bibliografia:“Changes in Cortical Sensitivity to Infant Facial Cues From Pregnancy to Motherhood Predict Mother–Infant Bonding” by Joanna Dudek Tyler Colasante, Antonio Zuffianò, and David W. Haley in Child Development. Published December 4 2018.

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.