La memoria correla eventi non correlati se vicini nel tempo

Memory remains (Dumitrache Ciprian)

Secondo una ricerca pubblicata su Psychological Science, quando due eventi si verificano in una breve finestra temporale vengono collegati in memoria, in modo tale che richiamare la memoria di uno aiuta a recuperare la memoria per l’altro evento. Ciò accade anche quando la vicinanza temporale è l’unica caratteristica condivisa dai due eventi. Questa ricerca dimostra che le persone registrano costantemente informazioni sull’ordine in cui si verificano gli eventi, anche se tali eventi non sono correlati. Possono quindi utilizzare l’ordine per aiutare la ricerca della memoria. Gli scienziati sono stati a lungo interessati a determinare se la prossimità temporale agisce come una sorta di legame che collega le memorie a eventi diversi. Nella maggior parte degli studi, i ricercatori hanno cercato di esaminare il fenomeno chiedendo alle persone di memorizzare elenchi di parole in laboratorio, ma non è chiaro quanto questo approccio basato sul laboratorio si traduca in memoria per gli eventi del mondo reale. La copertura elettorale americana del 2016 ha fornito l’opportunità per un test più naturalistico: hanno potuto chiedere alle persone di ricordare le notizie anziché le liste di parole. In uno studio online, i ricercatori hanno raccolto e analizzato i dati dopo il giorno delle elezioni del 2016. I partecipanti allo studio avevano 7 minuti per richiamare quante più notizie relative alle elezioni che potevano – per ogni storia, hanno anche redatto un breve titolo in stile giornale. Hanno identificato storie di notizie reali che corrispondevano ai titoli generati dai partecipanti, notando la data in cui le storie apparivano. Per le loro analisi, i ricercatori non hanno incluso storie che non sono state associate a specifici eventi correlati alle elezioni. Questo processo ha prodotto 7.759 titoli da 855 partecipanti. I ricercatori hanno quindi calcolato un punteggio di ritardo che ha misurato la transizione, in giorni, da un titolo nella sequenza della storia di un partecipante al successivo. I risultati hanno mostrato che i partecipanti tendevano a ricordare storie in cluster basati sul tempo: brevi transizioni tra storie (da 0 a 10 giorni) erano molto più comuni di quanto ci si aspetterebbe in base al caso. Inoltre, le transizioni lunghe di oltre 50 giorni erano meno frequenti di quanto ci si aspetterebbe per caso. Le analisi hanno mostrato che ciò che i partecipanti ricordavano non era dovuto a eventi di cronaca che si raggruppavano in modo ravvicinato nel tempo, ma piuttosto al raggruppamento di storie insieme nella memoria. Questo modello si è mantenuto anche dopo che i ricercatori hanno tenuto conto della somiglianza tra gli eventi. E un secondo studio online, in cui un gruppo separato di 561 partecipanti ha richiamato notizie dei precedenti 4 mesi, ha mostrato risultati simili. Sono rimasti sorpresi dal modo in cui questi dati del mondo reale concordavano con i dati di laboratorio. Sebbene ricordare gli eventi mondiali di cui hai letto nel corso dei mesi sembra diverso dalla memorizzazione di un elenco di parole casuali presentate nel corso dei minuti, a un livello fondamentale sembra che entrambe siano governate dagli stessi principi. I ricercatori sottolineano che i partecipanti non avrebbero potuto prepararsi per il compito di memoria, il che esclude la possibilità che i partecipanti abbiano usato strategie specifiche quando gli eventi si sono verificati per aiutare il successivo richiamo. Invece, i risultati suggeriscono che i nostri ricordi sono etichettati con informazioni correlate al tempo mentre li codifichiamo e che queste informazioni possono essere utilizzate quando cerchiamo la memoria in seguito. Questa ricerca ci dice qualcosa sulla memoria in generale. Suggerisce che tutti noi abbiamo la tendenza a legare gli eventi insieme in memoria quando si verificano vicini nel tempo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Temporal Proximity Links Unrelated News Events in Memory” by Mitchell G. Uitvlugt, and M. Karl Healey in Psychological Science. Published December 4 2018.

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. noir622224124 ha detto:

    CARI AUGURI 🎄di Buon Natale 🎆🎉🎆🎉🎆🎉🎄🎄🎄

    Mi piace

    1. Grazie cara, ti auguro un sereno Natale! Ti abbraccio😘😘💖

      Mi piace

  2. alessandria today ha detto:

    L’ha ribloggato su Alessandria today.

    Mi piace

  3. La velocità con cui cui oggigiorno si susseguono e percepiscono avvenimenti, letture e ricordi rende il tema ‘memoria’ un discorso molto attuale che richiede davvero molti studi e attenzione, perché la rapidità in genere, credo, non aiuta la capacità di memorizzazione. Articolo molto interessante!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.