Il cibo spazzatura aumenta il rischio di depressione

Double Cheeseburger (Kelly Gilleran)

Un articolo del Centro di ricerca sulle bioscienze di Manchester Metropolitan ha scoperto che mangiare una dieta contenente alimenti che sono noti per promuovere l’infiammazione – come quelli ricchi di colesterolo, grassi saturi e carboidrati – aumenta del 40% circa le probabilità di sviluppare depressione. I ricercatori hanno analizzato i dati di 11 studi esistenti incentrati sul legame tra depressione e diete pro-infiammatorie – che comprende oltre 100.000 partecipanti di età variabile (16-72 anni), genere ed etnia, che coprono gli Stati Uniti, l’Australia, l’Europa e il Medio Oriente. Tutti gli studi hanno registrato la presenza di sintomi depressivi o depressivi nei partecipanti (attraverso l’auto-osservazione, diagnosi mediche e/o l’uso di antidepressivi), insieme a un questionario dettagliato sui contenuti della loro dieta. A ciascun partecipante è stato assegnato un punteggio di quanto sia infiammatoria la propria dieta, secondo l’indice infiammatorio dietetico. Alcuni degli studi erano cross-sectional, usando i dati che erano immediatamente disponibili, e altri studi monitoravano i partecipanti fino a 13 anni. In tutti gli studi, i partecipanti che avevano una dieta più pro-infiammatoria avevano, in media, 1,4 volte più probabilità di avere sintomi depressivi. I risultati erano coerenti indipendentemente dall’età o dal sesso – ed erano uguali sia nei periodi di follow-up brevi che lunghi. Questi risultati hanno un enorme potenziale clinico per il trattamento della depressione ed anche per altre malattie come l’Alzheimer che hanno anche una componente infiammatoria sottostante. Cambiare semplicemente ciò che mangiamo potrebbe essere un’alternativa più economica agli interventi farmacologici, che spesso hanno effetti collaterali. Questo lavoro si basa su recenti progressi nel campo da parte di altri, tra cui il primo trial clinico in assoluto sugli interventi dietetici per il trattamento della depressione, che hanno mostrato miglioramenti benefici nei sintomi depressivi. Una dieta anti-infiammatoria – che contiene più fibre, vitamine (in particolare A, C, D) e grassi insaturi – ha l’effetto opposto e potrebbe essere implementata come trattamento per la depressione. Pertanto, una dieta mediterranea di olio d’oliva, pomodori, verdure verdi e pesce grasso potrebbe aiutare a ridurre i sintomi depressivi. L’infiammazione è il sistema di difesa naturale del corpo contro infezioni, lesioni e tossine. Al fine di proteggersi dai danni, il corpo rilascia proteine, anticorpi e aumento del flusso sanguigno nelle zone colpite, causando arrossamento e gonfiore. Tuttavia, l’infiammazione cronica mette il corpo in uno stato costante di allerta ed è stato precedentemente collegato a malattie come il cancro, l’asma e le malattie cardiache. Si ritiene che tale infiammazione persistente, in particolare nel cervello, contribuisca alla morte neuronale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “An anti-inflammatory diet as a potential intervention for depressive disorders: A systematic review and meta-analysis” by Katie Tolkien, Steven Bradburn, and Chris Murgatroyd in Clinical Nutrition. Published December 18 2018.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Un’informazione importante.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.