La perdita dell’udito è associata alla depressione negli anziani

Depression (Sarah Farrell-Roberts)

Un nuovo studio ha scoperto che le persone anziane con perdita dell’udito legate all’età avevano più sintomi di depressione; maggiore è la perdita dell’udito, maggiore è il rischio di avere sintomi depressivi. I risultati suggeriscono che il trattamento della perdita dell’udito legata all’età, che è sottovalutato e non trattato tra tutti gli anziani, potrebbe essere un modo per evitare la depressione tardiva. La maggior parte delle persone di età superiore ai 70 anni ha almeno una lieve perdita di udito, ma relativamente poche sono diagnosticate, molto meno trattate, per questa condizione. La perdita dell’udito è facile da diagnosticare e curare, e il trattamento può essere ancora più importante se può aiutare ad alleviare o prevenire la depressione. La perdita dell’udito legata all’età è la terza condizione cronica più comune negli anziani. È noto che la condizione aumenta il rischio di altre condizioni, come il deterioramento cognitivo e la demenza. Ma ci sono pochi studi che chiedono se l’ipoacusia possa portare alla depressione negli anziani – in particolare negli ispanici, un gruppo in cui la depressione può essere sottodiagnosticata a causa di barriere linguistiche e culturali. I ricercatori hanno analizzato i dati sulla salute di 5.239 individui di età superiore ai 50 anni che sono stati arruolati nello studio sulla salute della comunità ispanica. Ogni partecipante ha avuto un test audiometrico – un modo oggettivo per valutare la perdita dell’udito – ed è stato sottoposto a screening per la depressione. I ricercatori hanno scoperto che gli individui con lieve perdita dell’udito avevano quasi il doppio delle probabilità di avere sintomi di depressione clinicamente significativi rispetto a quelli con udito normale. Gli individui con grave perdita dell’udito avevano oltre quattro volte le probabilità di avere sintomi depressivi. Lo studio ha cercato un’associazione in un singolo punto nel tempo, quindi non può dimostrare che l’ipoacusia causi sintomi depressivi. Questo dovrebbe essere dimostrato in uno studio prospettico, randomizzato. Ma è comprensibile come la perdita dell’udito possa contribuire a sintomi depressivi. Le persone con problemi di udito hanno difficoltà a comunicare e tendono a diventare più socialmente isolate, e l’isolamento sociale può portare alla depressione. Sebbene lo studio si concentri sugli ispanici, i risultati potrebbero essere applicati a chiunque abbia una perdita dell’udito legata all’età, secondo i ricercatori. In generale, le persone più anziane dovrebbero fare il test dell’udito e prendere in considerazione il trattamento, se necessario.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of Audiometric Age-Related Hearing Loss With Depressive Symptoms Among Hispanic Individuals” by Justin S. Golub, MD, MS; Katharine K. Brewster, MD; Adam M. Brickman, PhD; Adam J. Ciarleglio, PhD; Ana H. Kim, MD; José A. Luchsinger, MD, MPH; and Bret R. Rutherford, MD in JAMA Otolaryngology – Head & Neck Surgery. Published December 6 2018.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Interessante, molto.
    Credo davvero che l’una sia legata all’altra, in modo diverso se arriva da una o dall’altra situazione(abbassamento udito o depressione), ma legate. grazie per questo articolo.

    Mi piace

    1. Grazie. La perdita di udito conduce all’isolamento e l’isolamento quasi sempre porta alla depressione. Ed è molto triste, pensando che basta poco per risollevare una condizione del genere

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.