Le statine potrebbero curare bipolarismo e schizofrenia

Farmaci comunemente usati per combattere le malattie della salute fisica, come l’ipertensione, potrebbero portare benefici significativi a persone con gravi malattie mentali (SMI) come schizofrenia, disturbo bipolare o psicosi non affettive, secondo un ampio studio di coorte condotto dalla UCL.

Screaming Hydra, Anxiety (Rivka Korf)

Lo studio pubblicato su JAMA Psychiatry ha valutato i dati sanitari di 142.691 pazienti con SMI in Svezia. Si è concentrato su quei pazienti a cui erano stati prescritti inibitori della riduttasi idrossilmetilglutaril-coenzima A (HMG-CoA RIs), più comunemente noti come statine – che sono usati per ridurre il colesterolo/cardiopatia, antagonisti del canale del calcio di tipo L (LTCC), usati ridurre l’ipertensione, o biguanidi (come la metformina), usati per curare il diabete. In questa ricerca, condotta con il Karolinska Institute, in Svezia, e l’Università di Hong Kong, i ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche dei pazienti relative all’autolesionismo e all’ospedalizzazione psichiatrica e hanno valutato se questi episodi si sono verificati durante un periodo in cui i pazienti assumevano il farmaco prescritto o nei periodi in cui non lo prendevano. Lo studio ha rilevato che l’esposizione a uno qualsiasi dei farmaci in studio era associata a tassi ridotti di ospedalizzazione psichiatrica rispetto a periodi non esposti. L’autolesionismo è stato ridotto nei pazienti con disturbo bipolare e schizofrenia durante l’esposizione a tutti i farmaci in studio e nei pazienti con psicosi non affettiva che assumevano antagonisti del canale del calcio di tipo L. Gravi malattie mentali, incluso il disturbo bipolare, sono associate a livelli elevati di morbilità e sono difficili da trattare. Molti farmaci ampiamente utilizzati, come le statine, sono stati a lungo identificati come aventi il ​​potenziale per andare a beneficio di questi disturbi. Questo studio è il primo a utilizzare ampi set di dati sulla popolazione per confrontare l’esposizione del paziente a questi farmaci di uso comune e i potenziali effetti sulle persone con gravi malattie mentali. Gli effetti dei farmaci studiati sui pazienti erano indipendenti dal fatto che i pazienti fossero o meno inseriti in farmaci finalizzati al trattamento della loro SMI (come farmaci antipsicotici o stabilizzatori dell’umore). La ricerca fornisce ulteriori prove del fatto che l’esposizione a RI di HMG-CoA, antagonisti dell’LTCC e biguanidi potrebbe portare a risultati migliori per le persone con SMI. Dato che questi farmaci sono comunemente usati e ben noti ai medici, dovrebbero essere ulteriormente studiati come agenti riproposti per i sintomi psichiatrici. Tutti i farmaci studiati sono noti per avere un effetto sul sistema nervoso centrale; tuttavia, il meccanismo di azione non è ben compreso e i ricercatori ritengono che una comprensione più chiara di questo possa portare a nuovi sviluppi farmacologici a vantaggio di quelli con SMI. Tutti e tre i farmaci studiati sono farmaci a licenza globale, comunemente usati, economici e relativamente sicuri. Sono quindi candidati ideali per la riconversione. Se dimostrato, questo studio ha notevoli implicazioni per la pratica clinica e lo sviluppo di farmaci.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of Hydroxylmethyl Glutaryl Coenzyme A Reductase Inhibitors, L-Type Calcium Channel Antagonists, and Biguanides With Rates of Psychiatric Hospitalization and Self-Harm in Individuals With Serious Mental Illness” by Joseph F. Hayes, Andreas Lundin, Susanne Wicks, Glyn Lewis, Ian C. K. Wong, David P. J. Osborn, and Christina Dalman, in JAMA Psychiatry. Published January 8 2019.

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.