Il cervello addormentato rimane attento al suo ambiente

Esponendo i dormienti a suoni complessi, i ricercatori del CNRS e dell’ENS Paris1, in collaborazione con Monash University (Australia), hanno appena dimostrato che il nostro cervello è in grado di tracciare i suoni nel suo ambiente mentre dormiamo e di favorire quelli più rilevanti.

Sweet Sleep (Michael King)

Questa attitudine potrebbe essere uno dei meccanismi che ci permettono di dormire in tutta sicurezza e svegliarsi al momento giusto. Lo studio è stato pubblicato su Nature Human Behaviour il 14 gennaio 2019. Può essere allettante fare un pisolino su un autobus o in un treno. Ma come assicurarti di non perdere la tua fermata? Il sonno sembra essere accompagnato da una perdita nella nostra capacità di percepire e interagire con il nostro ambiente. Tuttavia esperimenti precedenti hanno dimostrato che alcuni suoni vengono percepiti durante il sonno. Ad esempio, una persona addormentata tende a svegliarsi più facilmente al suono del proprio nome piuttosto che al nome di un’altra persona. Fino ad oggi, la ricerca si era concentrata sulla capacità del cervello addormentato di elaborare suoni isolati. Tuttavia, questo scenario non è rappresentativo della vita di tutti i giorni: spesso dormiamo, sia durante il giorno che durante la notte, in ambienti acustici ricchi dove vari suoni sono sovrapposti e mescolati l’uno con l’altro. Al risveglio, gli individui tendono automaticamente a concentrarsi sulla fonte di suoni che ha più senso. In questo studio i ricercatori hanno identificato le risposte cerebrali fatte durante il sonno da un numero di partecipanti, che sono stati contemporaneamente esposti a due voci che erano molto simili nelle loro proprietà acustiche, ma radicalmente differenti in termini di significato: uno pronunciava estratti da dialoghi o articoli, mentre l’altro pronunciava un flusso di parole che assomigliavano al francese, ma privo di significato. Gli scienziati hanno quindi usato una tecnica che può ricostruire ciò che i dormienti sentono in base alla loro attività cerebrale. Successivamente sono stati in grado di confermare che durante il sonno leggero, i partecipanti hanno favorito il messaggio che ha significato per loro. Di conseguenza, anche mentre dorme e incosciente, il cervello registra i suoni circostanti, separa varie fonti acustiche e seleziona quelle che sono più comprensibili. Questa capacità di concentrarsi su ciò che è rilevante è temporanea, poiché implica solo il sonno lento e leggero. Il cervello sembra in grado di elaborare informazioni dal mondo esterno durante questa fase di sonno, ma solo per brevi periodi di tempo. Insomma Dormire su un autobus non è così problematico, a patto che lo si faccia con un solo orecchio chiuso.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Sleepers track informative speech in a multitalker environment” by Guillaume Legendre, Thomas Andrillon, Matthieu Koroma & Sid Kouider in Nature Human Behaviour. Published January 14 2019.

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. alessandria today ha detto:

    L’ha ribloggato su Alessandria today @ Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

  2. Rain ha detto:

    Confido che non manchi ancora molto a che la scienza “ufficiale” inizi ad approfondire seriamente anche il tema del viaggio astrale nella sua complessità…

    "Mi piace"

    1. In che modo è approfondibile dalla scienza?

      "Mi piace"

      1. Rain ha detto:

        Capire come accade, a livello celebrale ad esempio, ma anche le reazioni di tutto l’organismo

        "Mi piace"

      2. Perché hai bisogno di cercare conferme e spiegazioni dalla scienza?

        "Mi piace"

      3. Rain ha detto:

        Non io , ma a quanto pare se qualcosa non è scientificamente provata non è considerata credibile… Io, per me , rimango sempre curiosa di come funzionino le cose

        "Mi piace"

  3. Proprio ieri ricordavo di aver incorporato stimoli esterni nei sogni che stavo sognando, parlo di suoni ambientali tenui. Si sa qualcosa sulla nostra capacitá di percepire altri stimoli, olfattivi o visuali, mentre dormiamo? Buon lavoro!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.