Kintsugi

Il kintsugi è l’arte giapponese di riparare un oggetto rotto riempiendo le fratture con oro o argento. Letteralmente la parola “kin” significa oro, mentre “tsugi” riparare, ricongiungere: riparare con l’oro.
L’oro, che risplende, ripercorre e sottolinea le fratture dell’oggetto, con linee dettate dal caso delll’ imprevedibile e irregolare rottura.
La pratica nasce dall’idea che dall’imperfezione e da una ferita possa nascere una forma ancora maggiore di perfezione estetica e interiore.
A noi tutti è capitato di sentirci come quel vaso rotto.
Più volte mi è successo. Se chiudo gli occhi mi sembra di vedere una fitta rete dorata e lucente delinearsi nel mio volto.
Penso ad una seconda, terza, quarta, possibilità per rinascere più forte, unica e brillante di prima.
Quando soffro so che posso farcela.
In che modo? Cercando l’oro dentro di me, cercando condivisioni non del dolore ma in nuovi progetti che mi facciano sentire viva!

Giada

16 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ploporosso70 ha detto:

    Adoro questa cosa!!

    Piace a 1 persona

    1. 0000giada ha detto:

      Si è bellissima! Grazie della tua attenzione.

      Mi piace

      1. Ploporosso70 ha detto:

        🌹

        Mi piace

  2. alessiaborghi ha detto:

    Conosco molto molto bene… mio figlio è appassionato di tutto ciò riguardi la cultura giapponese, studia la lingua da 6 anni e mi ha trasmesso questa sua passione in ogni modo… bello, molto bello avere questa forza interiore…Grazie

    Piace a 1 persona

    1. 0000giada ha detto:

      Questa arte fa riflettere molto. Contenta che hai apprezzato.

      Piace a 1 persona

  3. Laura Parise ha detto:

    Tutto può riprendere vita, le cicatrici saranno il ricordo del passato, quel ricordo che ha fatto di noi le persone che siamo oggi

    Piace a 1 persona

    1. 0000giada ha detto:

      Ciao Laura, forse non saremmo così “belle” senza cicatrici! Tutto può essere utile per far lavorare le nostre sinapsi! Ci metto un pò di ironia che non guasta mai!

      Mi piace

  4. Lorella Elle ha detto:

    Ciao Giada, vero. Lessi un post su fb qualche anno fa su questa considerazione saggia. Molto di noi dipende dal modo col quale affrontiamo i fatti della vita. La nostra natura ci guida. Ma quando disorientati, dentro un momento critico, trovi un buon consiglio, possiamo considerarlo un “dono”, un segno, una piccola guida, un passo per uscire dalla sabbia mobile. Un abbraccio. Vi leggo con interesse.

    Mi piace

    1. 0000giada ha detto:

      Ma che bello ! Se non ho capito male queste poche righe ti sono servite !
      Se capissimo quanto valgono queste “sincronie” saremmo più sereni !
      Un bacetto !

      Piace a 1 persona

  5. mariluf ha detto:

    Bello, e vero! Grazie, Giada.

    Mi piace

  6. Hai proprio un bel blog, e un bel modo di porti.
    Personalmente non mi piace l’arte di riparare le cose rotte, preferisco stare attento e cerco di non rompere nulla, soprattutto se si tratta di sentimenti. Mi prendo cura ogni giorno delle persone amate, e cerco di meritarmi il loro amore, così come fanno loro con me, ( un usanza che abbiamo preso da subito) Se parliamo della vita in generale, la sconfitta esiste solo se tu non hai dato tutto te stesso in quello che stavi facendo, vincere , perdere, non so alcuni dei mie più bei ricordi sono legati a delle sconfitte in cui ho dato tutto me stesso e sono stato il passo per crescere e diventare più forte. ( non riesco a vederle come cicatrici)
    Ciao e complimenti

    Mi piace

    1. 0000giada ha detto:

      molte grazie per tutto! Unica eccezione al tuo scrivere, non sempre dipendono da noi le relazioni che terminano e ci si può sentire “rotti”. Volente o nolente. Un salutone da me.

      Piace a 1 persona

      1. Hai ragione, ci mancherebbe lo so che le persone ci possono fare male al di là del nostro comportamento. Ma spesso gli diamo un valore troppo alto, e gli permettiamo un potere su di noi che in realtà non hanno affatto. la nostra felicità , la nostra serenità dipende solo da noi.Un mio amico che la moglie lo aveva lasciato ha pianto per sei mesi, ha perso quasi il posto di lavoro, poi ha trovato un altra donna con cui si è sposato, ora dice che la cosa migliore che ha fatto la sua prima moglie per lui è stato quello di lasciarlo. Buona giornata e mi raccomando sorridi.

        Piace a 1 persona

  7. 0000giada ha detto:

    🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.