In gruppo ci si coordina di più

I ricercatori del Tokyo Institute of Technology, dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Tokyo hanno dimostrato che la coordinazione fisica è più vantaggiosa per i gruppi più grandi.

Fishing (Valdemar Alekson)

I ricercatori hanno utilizzato interfacce robotizzate per testare il coordinamento in gruppi di due, tre e quattro partner e hanno rilevato che le prestazioni stavano migliorando con ogni altro membro del gruppo. I ricercatori ritengono che i risultati possano chiarire come un gruppo di persone possa lavorare insieme, ad esempio per spostare e manovrare un grande tavolo insieme. Ciò può anche portare a migliorare i risultati della riabilitazione fisica addestrando i pazienti in gruppi. Gli scienziati dell’Imperial College di Londra, del CNRS in Francia e dell’Atr in Giappone hanno rivelato in precedenza la comunicazione tattile a coppie in un compito simile al ballo del partner, e hanno mostrato come le prestazioni in un compito fisico sono migliorate e apprese meglio quando si pratica con un partner. Il nuovo studio, pubblicato su eLife, estende questa scoperta a trii e quartetti chiarendo la comunicazione aptica in gruppi critici per la società. Sono rimasti scioccati dal modo in cui i partner hanno imparato a coordinarsi in gruppo con il tatto. Immagina di provare a spostare un tavolo per banchetti in un luogo di ritrovo affollato. Con la comunicazione verbale, è immensamente difficile coordinarsi con gli altri per garantire che il tavolo non si imbattesse in qualcosa, e più persone ci sono, più tempo ci vuole per raggiungere il consenso verbale. Con il tatto, la coordinazione emerge in pochi secondi e il tempo necessario per raggiungere il consenso è lo stesso, indipendentemente dalle dimensioni del gruppo. Ci si aspettava che le prestazioni si deteriorassero con la forza rumorosa di ogni membro del gruppo aggiuntivo. Tuttavia, le prestazioni migliorano con ciascun membro del gruppo, poiché ogni individuo si connette a una mano collettiva virtuale che è la media delle mani di tutti i partner, in modo che il rumore diminuisca con il numero di partner. I ricercatori hanno scoperto che la chiave per il coordinamento fisico era la capacità di dedurre l’obiettivo del gruppo attraverso il tatto. Lo stesso meccanismo di coordinamento è stato utilizzato in uno studio precedente per progettare un partner robot “simile all’uomo” coordinato con un partner umano. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno condotto simulazioni al computer del compito per testare quali informazioni sono state condivise all’interno del gruppo attraverso il tatto. Una più profonda comprensione del meccanismo di coordinamento produrrà un algoritmo per un gruppo di robot per svolgere insieme compiti fisici.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Individuals physically interacting in a group rapidly coordinate their movement by estimating the collective goal” by Atsushi Takagi, Masaya Hirashima, Daichi Nozaki, and Etienne Burdet in eLife. Published February 12 2019.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.