La quantità ottimale di dopamina migliora l’abilità cognitiva

Trovi facile passare da Instagram ai tuoi compiti di studio? O riesci a ricordare il numero di telefono di qualcuno? Sai dire di no ad una fetta di torta che un collega ha portato per il suo compleanno? Se è così, potresti avere la giusta dose di dopamina nel cervello. Un team di ricerca ha studiato la relazione tra la dopamina e la facilità con cui le persone svolgono quelle che sono definite attività cognitive. Negli esperimenti, i partecipanti allo studio erano migliori nei loro compiti se il livello di dopamina nel loro cervello fosse aumentato artificialmente. Per l’esperimento, hanno dato a 20 partecipanti allo studio un succo di frutta contenente tirosina, un elemento fondamentale per la dopamina che può essere trovato nella dieta normale. Poi hanno fatto fare loro compiti di memoria. Per esempio, hanno dovuto guardare una serie di lettere e poi dire ogni volta se una lettera che appariva sullo schermo era già apparsa nella serie. Quando è stata somministrata la tirosina, la loro performance era significativamente migliore rispetto a quando a queste stesse persone veniva somministrato un placebo. Erano più veloci e hanno fatto meno errori. Nella ricerca, il team ha anche concluso che esiste un legame tra la quantità di dopamina e il numero di volte in cui le persone sbattono gli occhi. Lo ha fatto sulla base di un’ampia revisione della letteratura che ha coinvolto la raccolta delle conclusioni di oltre 100 studi precedenti su questo argomento. Le persone che battono le palpebre più spesso probabilmente hanno più dopamina nel cervello. La frequenza degli ammiccamenti può essere un’importante fonte di informazioni nella ricerca clinica. C’è una quantità ottimale di dopamina che le persone dovrebbero avere nel cervello. Se la quantità nel cervello differisce troppo da questo, può causare problemi. I pazienti con malattia di Parkinson hanno una significativa carenza di dopamina nel cervello, e quindi si comportano meno bene nei compiti cognitivi rispetto alle persone sane. Anche i pazienti con malattia di Parkinson battono gli occhi meno spesso, un chiaro segno della loro carenza di dopamina. La schizofrenia, d’altra parte, è una conseguenza di troppa dopamina, e questo può causare allucinazioni ai pazienti, essere facilmente distratti e sbattere gli occhi molto frequentemente. La frequenza degli ammiccamenti potrebbe essere utilizzata nella ricerca clinica per determinare in quale fase del disturbo si trova il paziente. Minore è la frequenza di battito delle palpebre, più avanzata è la malattia di Parkinson. La frequenza del numero di volte in cui si sbattono le palpebre può anche dare un’idea del fatto che il paziente stia rispondendo bene ai farmaci che dovrebbero aumentare il loro livello di dopamina: se il paziente le sbatte più spesso, questo è un segnale che il farmaco sta funzionando. Ci sarà presto una “pillola magica” piena di tirosina e in grado di risolvere problemi di concentrazione e memoria? Non molto lontano. Non dobbiamo dimenticare che un laboratorio è un ambiente molto controllato. Le attività in laboratorio non si traducono solo in veri esami o test. Inoltre, ci sono molti altri fattori nel mondo esterno che influenzano i risultati degli esami di uno studente. Un passo successivo sarebbe quello di testare il potere della tirosina nella vita di tutti i giorni.

Daniele Corbo

Bibliografia: Leiden University”Optimum Amount of Dopamine Improves Cognitive Ability.” NeuroscienceNews. NeuroscienceNews, 20 February 2019.

Immagine: Dopamine (maria elena buemi)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Giuliana ha detto:

    Ce ne vorrebbe a tonnellate in giro!

    Mi piace

    1. Per carità no, ne serve la giusta quantità altrimenti genera psicosi…

      Mi piace

      1. Giuliana ha detto:

        Non parlavo di quantità personali ma di quantità di gente che mi sembra bisognosa di dopamina 😉

        Mi piace

      2. Ah ecco, allora si😅😂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.