Consumo di dolcificante per bevande e comportamenti bipolari

Dall’introduzione dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS) negli anni ’70, è diventato il principale dolcificante calorico utilizzato in molte bevande analcoliche e alimenti trasformati. Sono stati fatti molti sforzi per caratterizzare le conseguenze cardiometaboliche del consumo di HFCS, come l’insulino-resistenza, il diabete mellito di tipo 2, la sindrome metabolica, l’obesità e gli eventi cardiovascolari prematuri. Tuttavia, si sa poco di come il consumo di HFCs influenzi i comportamenti legati all’umore, specialmente negli adolescenti, i principali consumatori di bevande e alimenti arricchiti da HFCS. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori della Hacettepe University Medical School hanno alimentato topi adolescenti con soluzione HFCS, il cui contenuto è sorprendentemente simile al contenuto di HFCS delle bevande analcoliche zuccherate disponibili per il consumo umano. I ratti adolescenti alimentati con soluzione HFCS hanno mostrato resistenza all’insulina e più grasso corporeo rispetto ai ratti trattati con acqua di rubinetto. Inoltre, questi ratti hanno mostrato un aumento dell’attività (iperlocomozione), una diminuzione dell’ansia con un aumento dei comportamenti di assunzione del rischio, un aumento dei comportamenti di ricerca sociale e di ricompensa sessuale e una maggiore sensibilità alla disperazione comportamentale con menomazioni nell’apprendimento e nella memoria; che sono tutti caratteristici nei pazienti con disturbo bipolare. I ricercatori hanno scoperto che questi ratti hanno mostrato una maggiore eccitabilità nei loro ippocampi, che è nota come una delle prime manifestazioni endofenotipiche del disturbo bipolare. Questa ipereccitabilità era dovuta sia all’aumento della probabilità di rilascio presinaptico sia all’aumento del pool di recettori AMPA facilmente disponibili nella membrana postsinaptica. Inoltre, il trattamento TDZD-8 è stato trovato per ripristinare i disturbi comportamentali ed elettrofisiologici associati al consumo di HFC mediante l’inibizione di GSK-3B, il meccanismo d’azione più probabile del litio per i suoi effetti stabilizzanti dell’umore nei pazienti con disturbo bipolare.

Daniele Corbo

Bibliografia: “High‐fructose corn syrup consumption in adolescent rats causes bipolar‐like behavioural phenotype with hyperexcitability in hippocampal CA3‐CA1 synapses” by Baris Alten, Metin Yesiltepe, Erva Bayraktar, Sadik Taskin Tas, Ayse Yesim Gocmen, Canan Kursungoz, Ana Martinez, and Yildirim Sara in British Journal of Pharmacology. Published February 2019.

Immagine: Bipolar (Bill Trantham)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ridateci il buon vecchio zucchero.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.