Il contatto visivo prepara il cervello all’interazione sociale

Il contatto visivo tra due individui attiva contemporaneamente le stesse aree del cervello di ogni persona, secondo uno studio di neuroimaging su coppie di adulti umani pubblicate su eNeuro. La ricerca sottolinea il ruolo del contatto visivo in tempo reale come base per un’efficace interazione sociale. I ricercatori, usando una tecnica chiamata imaging della risonanza magnetica funzionale (fMRI) hanno osservato le persone mentre guardavano negli occhi del loro partner. Una videocamera e uno schermo nello scanner fMRI di ciascuna persona hanno permesso ai ricercatori di confrontare l’attività cerebrale durante questo compito sociale in tempo reale o con un ritardo di 20 secondi. La condizione di vita era associata a un’influenza reciproca tra i battiti degli occhi dei partner, una maggiore attivazione del cervelletto e una maggiore connettività all’interno del sistema dello specchio limbico. Questi risultati comportamentali e neurali suggeriscono che il contatto visivo in tempo reale prepara il cervello sociale a condividere gli stati mentali con gli altri. Questo studio rappresenta anche un passo in avanti rispetto alla precedente ricerca di contatto visivo che coinvolge singoli partecipanti.

Daniele Corbo

Bibliografia: “What makes eye contact special? Neural substrates of on-line mutual eye-gaze: a hyperscanning fMRI study” by Takahiko Koike, Motofumi Sumiya, Eri Nakagawa, Shuntaro Okazaki and Norihiro Sadato in eNeuro. Published February 25 2019.

Immagine: BEAUTIFUL EYES (Luigi Maria de Rubeis)

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Interessante, come sempre. Sarebbe pure interessante cosa avviene a livello cerebrale quando ci sono comunicazioni tra ciechi o tra un cieco e un vedente: dovrebbero esserci altre vie alternative che portano ad un risultato simile di preparazione al contatto relazione (più mnemonico? più concettuale? una immagine concettuale?).

    "Mi piace"

    1. Poni un quesito interessante, ma il limite della risonanza magnetica ha il limite che i task possibili sono tendenzialmente visivi, per cui è complicato fare uno studio del genere.

      "Mi piace"

      1. Con la mia domanda volevo avere conferma proprio di questo. Grazie per la chiarezza espositiva.

        "Mi piace"

      2. Comprendo. Gli studi sono oggettivi e non possono entrare in questioni morali. Ma chissà, che un giorno, con metodi più indiretti, essi non possano arrivare ad addentrarsi nelle motivazioni più che sugli effetti di certi comportamenti… Buona giornata!

        Piace a 1 persona

  2. comtenalezcichocki ha detto:

    L’ha ribloggato su Peuples Observateurs Avant Garde Togolaise et Africaine.

    "Mi piace"

  3. Rain ha detto:

    Lo so… per questo mi diverto a guardare le persone negli occhi e poi andarmene senza proferir parola!

    "Mi piace"

      1. Rain ha detto:

        Ma no.. da brava strega, gioco solo con voi piccoli mortali 😛

        "Mi piace"

      2. Rain ha detto:

        😛

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.