Fumare durante la gravidanza aumenta il rischio di ADHD 3 volte

Uno studio epidemiologico condotto dal Centro di ricerca per la psichiatria infantile dell’Università di Turku in Finlandia ha mostrato che più alti erano i livelli di cotinina nel sangue della madre durante la gravidanza, maggiore era il rischio del bambino di sviluppare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) più tardi nella vita. Globalmente, è il primo studio in cui è stata dimostrata la correlazione tra esposizione fetale alla nicotina e diagnosi di ADHD misurando i livelli di cotinina da campioni di siero materno in gravidanza. Nonostante i suoi comprovati effetti negativi sullo sviluppo fetale, fumare durante la gravidanza rimane un importante problema di salute pubblica. Durante il 2017, circa il 12,5% di tutte le donne incinte in Finlandia ha fumato durante la gravidanza e il 7% ha fumato regolarmente durante la gravidanza. L’esposizione al fumo materno è associata a vari esiti perinatali avversi. Un’associazione tra fumo materno e discendenza ADHD è stata dimostrata in diversi studi. Tuttavia, la causalità dell’associazione è stata messa in discussione per la maggior parte a causa di confusione familiare. Tutti gli studi precedenti sull’argomento erano basati sull’autotestazione materna del fumo che ha dimostrato di sottostimare le vere percentuali di fumo. La divulgazione del fumo è ancora più bassa tra le donne incinte. La cotinina è il biomarcatore che indica l’esposizione alla nicotina. Questo include il fumo attivo e l’esposizione alla nicotina da altre fonti come la terapia sostitutiva con nicotina o il fumo passivo. Misurando i livelli di cotinina dai campioni di siero materno raccolti durante la gravidanza, questo studio ha studiato l’associazione tra esposizione alla nicotina durante la gravidanza e ADHD della prole. Questo studio ha incluso 1.079 casi di ADHD e un numero uguale di controlli corrispondenti nati tra il 1998 e il 1999. I livelli di cotinina materna sono stati misurati da campioni di siero materno raccolti durante il primo e secondo trimestre di gravidanza e archiviati nella biobanca nazionale. La forza della ricerca è la disponibilità di informazioni preziose dalla finlandese Maternity Cohort biobank (FMC). In questo primo studio nazionale che utilizza i livelli di cotinina materna, segnalano una forte associazione tra esposizione prenatale alla nicotina e ADHD della prole. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considera il fumo uno dei principali problemi di salute pubblica in tutto il mondo. Data l’alta prevalenza del fumo durante la gravidanza e l’ADHD tra i bambini, questi risultati giustificano studi futuri sull’interazione tra fumo materno e fattori ambientali, genetici ed epigenetici.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Prenatal Cotinine Levels and ADHD Among Offspring” by Andre Sourander, Minna Sucksdorff, Roshan Chudal, Heljä-Marja Surcel, Susanna Hinkka-Yli-Salomäki, David Gyllenberg, Keely Cheslack-Postava, and Alan S. Brown in Pediatrics. Published February 2019.

Immagine: Smoke (Thomas Saliot)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.