Come i non vedenti percepiscono il colore

Cosa ne pensi quando pensi a un arcobaleno? Se lo hai già visto, probabilmente stai immaginando i colori che si irradiano nel cielo subito dopo la pioggia. Ma che dire di qualcuno che non può vedere un arcobaleno? In che modo la conoscenza congenita di un arcobaleno da parte di una persona – o anche qualcosa di apparentemente semplice come il colore rosso – differisce da quella di un non vedente? La risposta è complicata: ci sono somiglianze ma anche importanti differenze. Un nuovo studio suggerisce che, sebbene li vivano in modo diverso, i vedenti e i ciechi sono ancora in grado di condividere una comprensione comune dei fenomeni visivi astratti come arcobaleni e colore. Lo studio è descritto in un documento di dicembre pubblicato su Nature Communications. La domanda qui è come rappresentiamo cose che non hanno una realtà fisica esterna – qualcosa che non possiamo toccare o annusare? Se ci pensi, questo non è solo un problema per i non vedenti; è un problema che qualcuno ha quando sente una parola come “ione” o “quark”, per esempio. Molti di noi hanno solo una vaga comprensione di ciò che effettivamente sono queste cose. Se parli con i fisici, possono fornirti descrizioni teoriche, matematicamente precise, ma nessuna delle cose che associano a queste cose ha una corrispondenza fisica e concreta. Non c’è modo di sperimentare direttamente ciò che realmente sono i quark, la gente si appoggia pesantemente sul linguaggio per comprenderli o descriverli – usando parole come “strano” e “fascino” per descrivere il “mistero” dei quark. E lo stesso è vero per i ciechi che cercano di capire il colore. Puoi usare il linguaggio per descrivere cose che sono fisiche. Se fossi cieco e volessi descriverti una tazza, potrei dire che è un oggetto duro che è concavo e non poroso, quindi puoi inserire liquidi. Queste descrizioni sono cose di cui hai esperienza fisica, quindi puoi cavalcare quell’esperienza. Ma ci sono alcuni concetti per i quali non puoi farlo. Il colore è una proprietà di superficie di un oggetto, ma non c’è modo per me di dire a un cieco che cos’è quell’esperienza sensoriale, perché è un’esperienza puramente visiva. Quindi il modo in cui apprendono il rosso è il modo in cui i vedenti apprendono i quark, o concetti come la giustizia o la virtù – attraverso una descrizione verbale o l’uso in contesti verbali. Sebbene gli scienziati abbiano saputo per decenni che i concetti astratti e concreti sono rappresentati in diverse parti del cervello, capire l’esperienza dei non vedenti e comprendere concetti visivi come il colore può aiutare a gettare nuova luce su come il cervello è organizzato. Un’ipotesi su come la conoscenza è organizzata nel cervello propone che le rappresentazioni delle cose che conosciamo siano collegate in modo ottimale ad altre parti del cervello che sono necessarie per elaborare quell’informazione. Per esempio la conoscenza di qualcosa che posso vedere sarà organizzata in una parte del mio cervello che è facilmente collegata al sistema visivo. Ma che dire del colore nei ciechi? Non può essere rappresentato in un’area collegata all’elaborazione visiva. Perché lo imparano attraverso il linguaggio, sarà organizzato in un’area particolarmente ben collegata con l’elaborazione del linguaggio. Quindi, se la domanda è dove un cieco memorizza una rappresentazione di un arcobaleno nel cervello, lo memorizza nella stessa area in cui una persona vedente memorizza una rappresentazione di un concetto come giustizia o virtù. Per vedere quel processo in azione i ricercatori hanno reclutato volontari ciechi e vedenti e hanno utilizzato scanner fMRI per monitorare l’attività nel loro cervello mentre eseguivano varie attività, tra cui rispondere a domande su arcobaleni e colori. Hanno scoperto che, nel congenitamente cieco, le risposte neurali per il rosso erano nelle stesse aree delle risposte neurali per la giustizia. L’astrattezza di qualcosa di simile al rosso nei ciechi è la stessa dell’astrattezza della virtù per i vedenti, e in entrambi i casi l’informazione è rappresentata in una parte del cervello in cui l’informazione è ottenuta attraverso processi linguistici. Mentre i risultati dello studio suggeriscono che ci sono delle somiglianze tra come il cieco e il vedente interpretano concetti come il colore, la risposta è ancora lontana dal definitivo. Ciò che stanno dimostrando è che l’organizzazione dei concetti nel cervello è determinata da diversi principi, uno dei quali è il modo in cui le informazioni vengono acquisite. Ma la domanda se i ciechi e i vedenti hanno in realtà diversi concetti di rosso – questo è il problema difficile. Questa è una domanda filosofica in questa fase. Non è qualcosa che sappiamo come affrontare scientificamente, perché stiamo parlando di esperienze personali e private. Ciò che è notevole è che, nonostante quelle differenze nel modo in cui i ciechi sperimentano i colori e come sono rappresentati in modo diverso nel loro cervello, i ciechi e i vedenti sono in grado di capire il colore in modi simili. Potresti parlare con una persona cieca, e se non sapessi che erano ciechi, non avresti mai il sospetto che la loro esperienza del rosso fosse diversa dalla tua, perché in effetti sanno cosa significa rosso. Sanno cosa significa nello stesso modo in cui arrivi a sapere cosa significa giustizia.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neural representation of visual concepts in people born blind” by Ella Striem-Amit, Xiaoying Wang, Yanchao Bi & Alfonso Caramazza in Nature Communications. Published December 7 2018.

Immagine: Blind Woman (Cinthya Picazo)

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.