Dormire nel fine settimana non compensa il debito di sonno

Pensi che dormire nel weekend possa riparare il danno fatto da una settimana di notti insonni? Non è così, secondo la ricerca dell’Università del Colorado Boulder pubblicata su Current Biology. In effetti, su alcune misure di salute, cercare di recuperare il ritardo di alcuni giorni e poi tornare a cattive abitudini di sonno peggiora le cose. Questi risultati suggeriscono che il comportamento comune di dormire poco durante la settimana e cercare di rimediare nel fine settimana non è una strategia efficace per la salute. Ricerche precedenti hanno dimostrato che un sonno insufficiente può aumentare il rischio di obesità e diabete, in parte stimolando la voglia di uno spuntino notturno e diminuendo la sensibilità all’insulina – o la capacità di regolare la glicemia. Alcuni effetti negativi sulla salute si manifestano dopo appena una notte di sonno perduto. Dormire durante il fine settimana può aiutare il corpo a riprendersi lievemente durante quei due giorni, gli studi suggeriscono. Ma gli effetti non durano. Il team ha voluto determinare cosa succede quando le persone si spostano avanti e indietro tra una settimana di lavoro privata del sonno e alcuni giorni di recupero. Hanno arruolato 36 adulti sani di età compresa tra 18 e 39 anni per rimanere per due settimane in un laboratorio, dove sono stati monitorati l’assunzione di cibo, l’esposizione alla luce e il sonno. Dopo i test di base, i volontari sono stati divisi in gruppi. Ad uno è stato concesso un sacco di tempo per dormire-9 ore ogni notte per 9 notti. Al secondo era consentito 5 ore per notte nello stesso periodo. Il terzo dormiva non più di 5 ore notturne per 5 giorni seguiti da un fine settimana in cui potevano dormire quanto desideravano prima di tornare a 2 giorni di sonno limitato. Entrambi i gruppi con sonno limitato hanno fatto più spuntini durante la notte, hanno acquisito peso e hanno registrato una diminuzione della sensibilità all’insulina durante il periodo di studio. Mentre nel gruppo di recupero del week-end sono stati osservati lievi miglioramenti (compresi gli spuntini notturni ridotti) durante il fine settimana, quei benefici sono scomparsi quando è iniziata la settimana lavorativa con sonno limitato. Alla fine, non hanno visto alcun beneficio in alcun risultato metabolico nelle persone che hanno dormito nel fine settimana. Su alcune misure, il gruppo di recupero del fine settimana ha mostrato risultati peggiori. Per esempio, nel gruppo che ha avuto il sonno limitato per tutto il tempo, la sensibilità all’insulina del corpo intero è diminuita del 13%. Nel gruppo di recupero del week-end è peggiorato dal 9 al 27 percento, con una sensibilità nei muscoli e una valutazione del fegato peggiore rispetto agli altri gruppi. Potrebbe essere che fare lo yo-yo avanti e indietro – cambiando l’ora in cui mangiamo, cambiando il nostro orologio circadiano e poi tornando al sonno insufficiente è straordinariamente dirompente. Anche quando gli è stata data l’opportunità, le persone hanno trovato difficoltà a recuperare il sonno perduto. Mentre guadagnavano terreno venerdì e sabato, i loro orologi corporei si sono spostati più tardi domenica sera rendendo difficile addormentarsi anche se hanno dovuto alzarsi presto lunedì. Alla fine, il gruppo di recupero ha ottenuto in media solo 66 minuti di sonno in più. É possibile che il recupero del sonno nel fine settimana possa essere una valida contromisura di salute per le persone che dormono troppo poco una notte o due alla settimana. Questo studio dimostra l’importanza di dormire a sufficienza in un programma regolare. Frequenti cambiamenti negli orari di sonno sono una forma di stress associato a anomalie metaboliche. Quindi bisogna cercare di ottenere 7 ore di sonno il maggior numero possibile di notti.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Ad libitum Weekend Recovery Sleep Fails to Prevent Metabolic Dysregulation during a Repeating Pattern of Insufficient Sleep and Weekend Recovery Sleep” by Christopher M. Depner, Edward L. Melanson, Robert H. Eckel, Janet K. Snell-Bergeon, Leigh Perreault, Bryan C. Bergman, Janine A. Higgins, Molly K. Guerin, Ellen R. Stothard, Sarah J. Morton, and Kenneth P. Wright Jr. in Current Biology. Published February 28 2019.

Immagine: sleep in landfill. (antonio mele)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.