Non esiste l’anoressia, la bulimia o il binge eating. Esiste soltanto il disturbo alimentare

il

Oggi ospitiamo una nuova amica di Orme Svelate: la dott.ssa Eleonora Vinci

Da un punto di vista nosologico (e cioè che attiene alla classificazione sistematica delle malattie) i più comuni Disturbi Alimentari vengono effettivamente distinti in Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa e Binge Eating Disorder. E come la medicina vuole – trattandosi di patologie – ognuno presenta dei precisi criteri che, se soddisfatti, conducono ad una diagnosi. Così funziona la Scienza. La Scienza necessita di precisione, accuratezza, di limiti e confini.
Purtroppo però quando l’oggetto della patologia è una combinazione di biologia e chimica, ma anche di cuore, emozioni e tratti di personalità la questione diviene più complessa.
Secondo la definizione più unanimemente condivisa dalla Comunità scientifica i Disturbi Alimentari vengono definiti come “persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo la salute fisica o il funzionamento psicologico e che non sono secondari a nessuna condizione medica o psichiatrica conosciuta” (Faiburn, 2003).
La definizione è sufficiente a far quantomeno intuire perché è più corretto parlare di Disturbo Alimentare piuttosto che di Anoressia, oppure di Bulimia, o di Binge Eating.
In primo luogo forse non tutti sanno che chi soffre di Disturbi Alimentari è solito sperimentare nel corso della malattia tutte e tre le sfumature del disturbo; cioè, l’individuo tende a snodarsi in un increscioso viavai di segni e sintomi che appartengono ora all’Anoressia, ora alla Bulimia, ora al Binge Eating; e di nuovo alla Bulimia, poi all’Anoressia, e così via.
Tuttavia la ragione principale per la quale, come afferma il titolo del mio articolo, “non esiste Anoressia o Bulimia o Binge Eating ma soltanto il Disturbo Alimentare” risiede proprio nella definizione di Faiburn.
Immaginiamo il Mondo come una tavolozza di colori.
Una persona non affetta dal Disturbo Alimentare avrà una tavolozza che contiene il blu, il rosso, il giallo, ma anche il verde, il viola, il celeste, il lilla; il turchese, il blu cobalto, il verde esmeraldo, e così via (fugace reminiscenza in virtù degli straordinari prodotti Giotto, parte integrante dell’infanzia di ogni essere umano).
La tavolozza di una persona con Disturbo Alimentare, invece, avrà soltanto tre colori: il blu, il giallo, il rosso.
Mi spiego.
Immaginiamo la Vita come una tavolozza di colori.
Il lilla sono gli amici, il verde il lavoro, il viola la famiglia, il turchese gli svaghi, il celeste il riposo, il verde smeraldo l’intimità. Il blu è il cibo, il giallo il corpo, il rosso il peso.
Chi soffre di un Disturbo Alimentare non ha spazio per la famiglia o per gli amici.
Chi soffre di un Disturbo Alimentare non ha bisogno di acquistare lo strabiliante corredo di matite Giotto da 60 colori tanto anelato da ogni bambino, perché ne userà sempre e soltanto tre.
Rosso-colora-spunta-riappunta-rosso-colora-spunta-riappunta-rosso-colora-spunta-riappunta.
“Vorrei provare l’arancione, ma no, meglio di no, facciamo domani, oggi è meglio il rosso, domani l’arancione, promesso, domani.”
Suona la sveglia e il giorno – oggi, cioè domani – è ancora tutto rosso.
L’anoressica e la bulimica sceglieranno sempre il rosso, il blu, il giallo.
Semplicemente perché è più facile.
Perché una vita fatta di colori, sfumature, tonalità, una vita intensa, in cui l’alternativa esiste (e anzi, è necessaria!) spaventa.
Perché scegliere un colore e rifiutarne un altro significa rischiare, significa accogliere l’eventualità che è possibile sbagliare e cadere e fallire.
Soffrire di un Disturbo Alimentare significa anestetizzare il cervello, il corpo e il cuore perché il cervello il corpo e il cuore non riescono a collimare.
Non ha assolutamente importanza quale sia il sintomo che affiora: non mangiare, mangiare fino a star male e vomitare tutto, mangiare senza sosta desiderando di riuscire-a-non-mangiare, o soffrendo voracemente il non-essere in grado di stare al mondo come una persona ‘normale’.
Come una persona.
Normale.
Pensare al Cibo, come procuraselo, quando consumarlo, dove, come cucinarlo, se cucinarlo e poi buttarlo o propinarlo a qualcun altro, come eliminarne le tracce, perché il Cibo diventa un crimine, un peccato, una colpa, un segreto, vergogna, paura, rabbia, gioia, tristezza, disgusto.
Il Cibo e tutto ciò che lo concerne diventano le uniche sfumature di colori che chi soffre di un Disturbo Alimentare riesce a concepire nella testa.
Nella Non-Vita.
Anoressico, Bulimico, Binge.
Per un terapeuta, un medico, un dietista o un nutrizionista che intende formarsi e trattare i Disturbi Alimentari incorporare questo concetto è compito imprescindibile.
Per il mondo, invece, comprendere le radici di questo male, sentire nel cuore queste intense, drammatiche, viscerali malattie, sarebbe uno strepitoso salto in termini di consapevolezza e prevenzione.

Dott.ssa Eleonora Vinci

Immagine: Anorexia (Paolo Conti)

5 commenti Aggiungi il tuo

    1. Le perle di R. ha detto:

      Concordo con annaecamilla.

      Piace a 2 people

      1. annaecamilla ha detto:

        Grazie 😘😘😘😘❤️

        Piace a 3 people

  1. Grazie 😃😃 seguitemi se volete!

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.