Lo sport diminuisce i sintomi depressivi nei bambini

La partecipazione agli sport di squadra è associata a un minor numero di sintomi depressivi nei bambini, mentre le attività non sportive non hanno alcuna associazione con i sintomi, secondo uno studio in Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging. L’associazione è stata trovata solo per i maschi. I risultati suggeriscono che l’esercizio fisico potrebbe avere effetti antidepressivi negli adolescenti. Questi risultati interessanti forniscono importanti indizi su come l’esercizio fisico abbia benefici sull’umore nei bambini e rivela l’importante ruolo che il genere gioca in questi effetti. Utilizzando l’imaging cerebrale, i ricercatori hanno dimostrato che il coinvolgimento nello sport era associato ad un aumento del volume di una regione del cervello importante per la memoria e la risposta allo stress – l’ippocampo – sia nei ragazzi che nelle ragazze. Tuttavia, il volume dell’ippocampo è stato associato a sintomi depressivi solo nei maschi, suggerendo che nei maschi i cambiamenti dell’ippocampo possono avere un ruolo nella relazione tra coinvolgimento sportivo e sintomi depressivi. L’impatto positivo dell’esercizio sulla depressione e il legame con il volume dell’ippocampo è stato dimostrato precedentemente negli adulti. Ma il nuovo studio, che ha coinvolto oltre 4.000 bambini dai 9 agli 11 anni, è il primo a collegare il coinvolgimento nello sport con la salute mentale e lo sviluppo del cervello nei bambini. Hanno scoperto che queste relazioni erano specifiche per la partecipazione allo sport e non alla partecipazione ad altri tipi di attività, come club, arte e musica, sebbene queste attività possano avere i loro benefici che non sono stati esaminati nello studio attuale. Hanno anche riscontrato che queste relazioni erano particolarmente forti per la partecipazione a sport di squadra o sport che prevedevano “agonismo”, come una squadra scolastica, una lega non scolastica o lezioni regolari, rispetto a un impegno più informale nello sport. Ciò solleva l’intrigante possibilità che ci sia qualche vantaggio aggiuntivo del team o della componente strutturata dello sport, come l’interazione sociale o la regolarità che queste attività forniscono. I risultati forniscono uno sguardo importante su come l’esercizio fisico potrebbe avere un impatto sullo sviluppo del cervello nell’adolescenza e suggerire un modo per ridurre o prevenire la depressione. Confermare l’impatto degli sport sullo sviluppo del cervello e sull’umore fornirebbe un forte sostegno per incoraggiare i bambini a partecipare a sport strutturati che forniscono sia l’esercizio fisico che l’interazione sociale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Involvement in Sports, Hippocampal Volume, and Depressive Symptoms in Children”Jim Hudziak, Deanna M. Barch. Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging Available online 4 February 2019

Immagine: The Goal 1972 Henderson (Murray Henderson)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.