Depressione, obesità, dolore cronico potrebbero essere trattati prendendo di mira la stessa proteina chiave

Depressione maggiore, obesità e dolore cronico sono tutti collegati agli effetti di una proteina, chiamata “proteina legante FK506 51” o FKBP51. Fino ad ora, gli sforzi per inibire questo obiettivo sono stati ostacolati dalla difficoltà di trovare qualcosa di abbastanza specifico per fare il lavoro e non influenzare le proteine ​​simili. Ora un gruppo di ricerca ha sviluppato un composto altamente selettivo che può bloccare efficacemente l’FKBP51 nei topi, alleviando il dolore cronico e avendo effetti positivi sull’obesità e sull’umore indotti dalla dieta. Il nuovo composto potrebbe anche avere applicazioni nell’alcolismo e nel cancro al cervello. I ricercatori presenteranno i loro risultati all’American Chemical Society (ACS) Spring 2019 National Meeting & Exposition. La proteina FKBP51 svolge un ruolo importante negli stati di depressione, obesità, diabete e dolore cronico. Hanno sviluppato il primo inibitore FKBP51 altamente potente e altamente selettivo, chiamato SAFit2, che viene ora testato nei topi. Inibizione di FKBP51 potrebbe quindi essere una nuova opzione terapeutica per il trattamento di tutte queste condizioni. L’FKBP51 è espresso in più punti del corpo, come il cervello, il tessuto muscolare scheletrico e il grasso. Ha anche più effetti. Ad esempio, la proteina può limitare l’assorbimento di glucosio e la doratura del grasso, in modo che il corpo immagazzini grasso invece di bruciarlo. Colpisce anche le risposte allo stress. Così, i ricercatori hanno capito che bloccare questa proteina potrebbe essere la chiave per lo sviluppo di farmaci per trattare una varietà di condizioni. Ma FKBP51 assomiglia molto al suo cugino proteico più vicino, FKBP52. Queste due proteine ​​sono molto simili nella struttura, ma fanno cose opposte nelle cellule. Abbiamo questa situazione yin-yang. La selettività tra queste due proteine ​​è ritenuta cruciale, ma è difficile da raggiungere poiché le due proteine ​​sono così simili. Hanno scoperto che FKBP51 può cambiare forma in un modo che FKBP52 non può, e questo ha permesso lo sviluppo di inibitori altamente selettivi. I ricercatori hanno ora utilizzato tecniche di risonanza magnetica nucleare per rilevare un sito di legame precedentemente nascosto in FKBP51. L’approccio potrebbe aiutare altri ricercatori a identificare siti di legame “criptici” simili in target di farmaci stimolanti in futuro. Il team sta testando SAFit2, l’inibitore principale di FKBP51 sviluppato da questi studi, negli animali. In effetti aiuta i topi a far fronte meglio alle situazioni stressanti. Nei topi, SAFit2 riduceva i livelli di ormone dello stress, promuoveva un coping di stress più attivo, era sinergico con gli antidepressivi, protetto contro l’aumento di peso, aiutava a normalizzare i livelli di glucosio e a ridurre il dolore in tre modelli animali. C’è ancora molto da fare per ottenere gli inibitori di FKBP1 al punto da poter essere usati come molecole di farmaci nei test umani. Nel frattempo, il team sta anche esplorando gli inibitori di FKBP51 in altre applicazioni. Finora, il gruppo ha condotto una serie di studi sui topi sul coinvolgimento di FKBP51 nell’alcolismo, ma i risultati sono ancora preliminari. Inoltre, alcuni tipi di tumori di glioblastoma sovraesprimono l’FKBP51. Si spera che questo risultato indichi che gli inibitori di FKBP51 potrebbero essere utilizzati nel trattamento del cancro quando i tumori dei pazienti mutano oltre la capacità attuale dei farmaci di trattarli.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will be presented at the American Chemical Society 257th National Meeting in Orlando, Florida, USA.

Immagine: The Past is Depression, the Future is Anxiety (Tom Bennett)

2 commenti Aggiungi il tuo

    1. Bisogna avere fiducia nella ricerca…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.