“Le principesse son caramelle son tutte rosa son tutte belle”

il

Il piccolo Principe, un libro che amo, che ho letto e riletto, che ho recitato a teatro, che continuo ad acquistare in tutte le versioni per regalarlo come gesto di attenzione.
Nel paragrafo dell’incontro con la Volpe il piccolo Principe, grazie a lei, comprende l’importanza della sua rosa. In che modo? Semplicemente insegnandogli l’Amore, o meglio facendogli vivere tutte le fasi che portano una persona all’innamoramento! Perché se è vero che l’innamoramento ha in sé un che d’imprevedibile che irrompe nelle nostre vite, è altrettanto vero che l’Amore, quello con l’A maiuscola, va coltivato e consolidato al pari di sentimenti forti come l’amicizia o la fedeltà!
Cosa c’è dietro l’innamoramento? La ricerca del Bello, del Vero, un’insieme di emozioni? quelle che fanno brillare gli occhi? Un bisogno di completezza e di protezione?
Ognuno di noi ha in sé un innato egocentrismo e forse l’Amore diventa realtà da apprendere e la porta ad aprirsi all’altro e ad accettarlo/a in ogni suo aspetto, amandolo/a proprio per quello che lui/lei è, in ogni suo pregio e soprattutto in ogni suo difetto.
Ma torniamo alla Volpe e al Principe, un bambino appunto aperto alla vita, alla conoscenza e all’Amore. Incontrerà molti maestri nel suo cammino, uno esemplare è proprio la Volpe. Riporto alcuni brevi passi del libro. Ecco l’incontro:
“Buon giorno”, disse la volpe.
“Buon giorno”, rispose gentilmente il piccolo principe…
“Vieni a giocare con me”, le propose il principe, “sono così triste…”
“Non posso giocare con te”, disse la volpe, “non sono addomesticata”.
“…che cosa vuol dire “addomesticare?”
“E’ una cosa da molto dimenticata. Vuol dire “creare legami”…
“Creare dei legami?”
” Certo”, disse la volpe. “Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarà per te unica al mondo”.
“…E io mi annoio…Ma se tu, mi addomestichi la mia vita sarà come illuminata….Conoscerò un rumore dei passi che sarà diverso da tutti gli altri…Per favore addomesticami”.
“Volentieri”, rispose il piccolo Principe, “ma non ho molto tempo…Ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose”.
“Non si conoscono che le cose che si addomesticano”, disse la volpe. “Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla…Se tu vuoi un amico addomesticami”.
Così la Volpe inizia ad insegnare al Principe i lenti rituali dell’innamoramento, fino ad arrivare al doloroso momento dell’abbandono! Ecco come continua il libro:
Così il piccolo principe addomesticò la volpe. E quando l’ora della partenza fu vicina:
“Ah!” disse la volpe, “…piangerò”.
“La colpa è tua”, disse il principe,”io non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi…”…”Ma allora che ci guadagni?”
“Ci guadagno”, disse la volpe,”il colore del grano” (cioè il colore dei capelli del piccolo principe).

Giada

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Un semplice ma bellissimo libro che arricchisce soprattutto noi adulti, nonostante sia nato come racconto per bambini: se non sbaglio viene studiato anche nelle scuole, come narrativa o qualcosa del genere.

    Piace a 2 people

    1. 0000giada ha detto:

      Viene utilizzato come testo per spettacoli per bambini. A discrezione del docente come narrativa. Per me una specie di decalogo di riflessioni su cui vale la pena tornare a leggere ogni tanto.

      Piace a 2 people

  2. flyaway2018 ha detto:

    Meravigliosa lettura che non stanca mai.

    Piace a 2 people

    1. 0000giada ha detto:

      Davvero, non stanca mai. Grazie Flyawai2018

      "Mi piace"

  3. bloggomoda ha detto:

    Lettura profonda e ricca di significati.. d’accordo con te!

    Piace a 1 persona

    1. 0000giada ha detto:

      Grazie Bloggomoda!

      Piace a 1 persona

  4. bloggomoda ha detto:

    Grazie a te che ne hai “rispolverato” i concetti! 😊

    Piace a 1 persona

  5. Emilia Amodio ha detto:

    Il piccolo principe è una pietra miliare che non dovrebbe mai essere messo da parte per nessun motivo. È un libro che ispira e molto riflessivo. Appena nacque mia figlia fu il primo inaieme al libro Cuore che le misi nella sua libreria personale. Quando lo vide a cartone se ne innamorò. E ad oggi anche i cosiddetti adulti dovrebbero a volte rileggerlo. Complimenti. Bellissima scelta

    Piace a 1 persona

    1. 0000giada ha detto:

      Grazie Emilia! C’è osservazione, sincerità e molta verità in questa favola. Si capisce che la amiamo!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.