Essere troppo severi con se stessi può portare al disturbo ossessivo compulsivo e all’ansia

Un nuovo studio, pubblicato sull’International Journal of Cognitive Therapy, ha scoperto che le persone che hanno segnalato intensi sentimenti di responsabilità erano suscettibili allo sviluppo di Disturbo Ossessivo Compulsivo (OCD) o Disturbo d’Ansia Generalizzato (GAD). Le persone con disturbo ossessivo compulsivo sono torturate da un pensiero negativo ripetuto e adottano una strategia per prevenirlo. Il GAD è un tipo di ansia molto pervasivo e coloro che ne soffrono si preoccupano di tutto. Comportamenti di ansia e OCD, come il controllare se la porta è bloccata, sono comuni nella popolazione generale. Tuttavia, è la frequenza e l’intensità di questi comportamenti o sentimenti che fanno la differenza tra un tratto caratteriale e un disturbo. Ad esempio, stai utilizzando due registratori audio invece di uno. È solo nel caso in cui uno fallisce … avere due registratori migliorerà il tuo lavoro ma se prepari anche molti registratori … questo interferirà con il tuo lavoro. Un problema in psicologia è che ogni disturbo ha diverse teorie in competizione per quanto riguarda la loro causa. Ci sono troppe teorie e terapie per i disturbi mentali per far si che un esperto le padroneggi tutti. L’obiettivo di questo gruppo di ricerca è stato quello di trovare una causa comune per questi disturbi e semplificare le teorie dietro di loro. I ricercatori hanno prima definito ed esplorato la “responsabilità gonfiata”. Il team ha identificato 3 tipi di responsabilità gonfiate: 1) Responsabilità di prevenire o evitare pericolo e/o danno, 2) Senso di responsabilità personale e colpa per i risultati negativi e 3) Responsabilità di continuare a pensare a un problema. Il gruppo di ricerca ha combinato test utilizzati per studiare OCD e GAD in quanto non erano stati effettuati lavori precedenti che comparassero questi test nello stesso studio. Per stabilire se la responsabilità inflazionata fosse un predittore di OCD o GAD, hanno inviato un questionario online agli studenti universitari americani. Attraverso questo sondaggio, hanno scoperto che gli intervistati che hanno ottenuto punteggi più alti nelle domande sulla responsabilità avevano maggiori probabilità di mostrare comportamenti simili a quelli dei pazienti con DOC o GAD. La responsabilità personale e la colpa e la responsabilità di continuare a pensare avevano il legame più forte con i disordini. I ricercatori vorrebbero chiarire che questo studio preliminare non è rappresentativo della popolazione generale a causa della popolazione ridotta e disallineata (per lo più studentesse universitarie). Tuttavia, i risultati promettenti suggeriscono che questo formato può essere applicato a una popolazione più ampia e fornire risultati simili. Un modo molto veloce o semplice per ridurre la responsabilità è rendersi conto che la responsabilità sta lavorando dietro la tua preoccupazione. Se si chiede ai pazienti “Perché sei così preoccupato?”, risponderanno “Non posso fare a meno di preoccuparmi” ma non penseranno spontaneamente “Perché mi sento responsabile” … solo rendendosene conto creerà un po ‘di spazio tra il pensiero di responsabilità e il comportamento.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Inflated Responsibility in Worry and Obsessive Thinking”
Yoshinori Sugiura and Brian Fisak. International Journal of Cognitive Therapy

Immagine: Obsession (michele petrelli)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Interessante 🌹🌹🌹

    Mi piace

    1. Grazie cara Luisa! Buon fine settimana

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Buon fine settimana a te!

        Mi piace

  2. Le perle di R. ha detto:

    C’è qualcosa in questo studio che pare sia un po’ comune a tutti, una volta o l’altra.

    Mi piace

    1. il tratto ossessivo e ansioso è comune nelle persone, ma lo studio parla di quando diventa patologico.

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Sì, questo l’avevo capito.

        Mi piace

  3. Nc ha detto:

    Ok. Sto continuando a ripetermi che non è così. Non è così, vero? 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.