Il cervello consuma metà dell’energia di un bambino, e ciò potrebbe avere importanza per l’aumento di peso

Risultati immagini per children saatchi art

L’aumento di peso si verifica quando l’apporto di energia di un individuo supera il dispendio energetico – in altre parole, quando le calorie assunte superano le calorie consumate. Ciò che è meno noto è il fatto che, in media, durante la prima infanzia, quasi la metà dell’energia del corpo viene utilizzata dal cervello. In un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS), i ricercatori della Northwestern University e della New York University School di medicina, propongono che la variazione del fabbisogno energetico dello sviluppo cerebrale tra i bambini – in termini di tempi, intensità e durata dell’uso dell’energia – possa influenzare i modelli di dispendio energetico e aumento di peso. Sappiamo tutti che la quantità di energia che i nostri corpi bruciano ha un’influenza importante sull’aumento di peso. Quando i bambini hanno 5 anni, i loro cervelli usano quasi la metà dell’energia dei loro corpi. Eppure, non abbiamo idea di quanto il dispendio energetico del cervello varia tra i bambini. Questo è un enorme buco nella nostra comprensione del dispendio energetico. Uno degli obiettivi principali del lavoro è di attirare l’attenzione su questo divario nella comprensione e incoraggiare i ricercatori a misurare l’uso di energia del cervello in futuri studi sullo sviluppo del bambino, in particolare quelli focalizzati sulla comprensione dell’aumento di peso e del rischio di obesità. Secondo gli autori, un altro importante punto sconosciuto è se i programmi progettati per stimolare lo sviluppo del cervello attraverso l’arricchimento, come i programmi prescolari come Head Start, potrebbero influenzare il modello del consumo energetico del cervello. Si ritiene plausibile che un aumento del dispendio energetico da parte del cervello possa rappresentare un vantaggio inaspettato per i programmi di sviluppo precoce del bambino, che, naturalmente, hanno molti altri benefici dimostrati. Sarebbe un grande vantaggio. Questa nuova ipotesi è stata ispirata da uno studio del 2014 che mostra che il cervello consuma un picco di 2/3 del dispendio energetico a riposo del corpo e quasi la metà della spesa totale, quando i bambini hanno cinque anni. Questo studio ha anche dimostrato che le età, in cui il fabbisogno energetico del cervello aumenta durante la prima infanzia, sono anche le età in cui il peso è in declino. Poiché l’energia necessaria per lo sviluppo del cervello diminuisce nei bambini più grandi e negli adolescenti, il tasso di aumento di peso aumenta in parallelo. Questa scoperta ha contribuito a confermare un’ipotesi di vecchia data in antropologia secondo cui i bambini umani hanno sviluppato un tasso di crescita infantile molto più lento rispetto ad altri mammiferi e primati in parte perché il loro cervello richiedeva più energia per svilupparsi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “A hypothesis linking the energy demand of the brain to obesity risk”. Christopher W. Kuzawa and Clancy Blairl. PNAS.

Immagine: Children at the beach (Maja Đokić Mihajlović)

3 commenti Aggiungi il tuo

    1. Grazie cara! Buona settimana

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.