Le diete ricche di grassi influenzano il tuo cervello, non solo il tuo aspetto fisico

Risultati immagini per big mac saatchi art

Molte ricerche hanno indicato come una dieta malsana sia correlata all’obesità, ma non hanno esplorato come la dieta possa portare a cambiamenti neurologici nel cervello. Un recente studio di Yale ha scoperto che le diete ricche di grassi contribuiscono alle irregolarità nella regione dell’ipotalamo del cervello, che regola l’omeostasi e il metabolismo del peso corporeo. Lo studio ha valutato come il consumo di una dieta ricca di grassi – in particolare diete che includono elevate quantità di grassi e carboidrati – stimola l’infiammazione ipotalamica, una risposta fisiologica all’obesità e alla malnutrizione. I ricercatori hanno ribadito che l’infiammazione si verifica nell’ipotalamo già tre giorni dopo il consumo di una dieta ricca di grassi, anche prima che il corpo inizi a mostrare segni di obesità. I ricercatori sono rimasti incuriositi dal fatto che si tratta di cambiamenti molto rapidi che si verificano anche prima dei cambiamenti del peso corporeo e volevano capire il meccanismo cellulare sottostante. I ricercatori hanno osservato un’infiammazione ipotalamica negli animali con una dieta ricca di grassi e hanno scoperto che si stavano verificando cambiamenti nella struttura fisica tra le cellule microgliali degli animali. Queste cellule agiscono come prima linea di difesa nel sistema nervoso centrale che regola l’infiammazione. Il team ha scoperto che l’attivazione della microglia era dovuta a cambiamenti nei loro mitocondri, organelli che aiutano i nostri corpi a ricavare energia dal cibo che consumiamo. I mitocondri erano sostanzialmente più piccoli negli animali con una dieta ricca di grassi. La variazione delle dimensioni dei mitocondri era dovuta a una proteina, Uncoupling Protein 2 (UCP2), che regola l’utilizzo dell’energia dei mitocondri, influenzando il controllo dell’ipotalamo sull’energia e l’omeostasi del glucosio. L’attivazione della microglia mediata dall’UCP2 ha colpito i neuroni nel cervello che, quando ricevevano un segnale infiammatorio a causa dell’alimentazione ricca di grassi, stimolavano gli animali dalla dieta ricca di grassi a mangiare di più e diventare obesi. Tuttavia, quando questo meccanismo è stato bloccato rimuovendo la proteina UCP2 dalla microglia, gli animali esposti a una dieta ricca di grassi hanno mangiato meno ed erano resistenti all’aumento di peso. Lo studio non solo illustra come le diete ricche di grassi ci influenzano fisicamente, ma illustra come una dieta malsana possa alterare neurologicamente la nostra assunzione di cibo. Esistono specifici meccanismi cerebrali che si attivano quando ci esponiamo a specifici tipi di alimenti. Questo è un meccanismo che può essere importante da un punto di vista evolutivo. Tuttavia, quando il cibo ricco di grassi e carboidrati è costantemente disponibile, è dannoso. L’obiettivo di lunga data del team di ricerca è comprendere i meccanismi fisiologici che regolano la quantità di cibo che consumiamo e continua a svolgere ricerche su come la microglia attivata può influenzare varie malattie del cervello, tra cui il morbo di Alzheimer, un disturbo neurologico associato a cambiamenti le cellule microgliali del cervello e ha dimostrato di avere una maggiore incidenza tra gli individui obesi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Microglial UCP2 Mediates Inflammation and Obesity Induced by High-Fat Feeding”. Jung Dae Kim, Nal Ae Yoon, Sungho Jin, Sabrina Diano. Cell Metabolism

Immagine: Double Cheeseburger (Abra Johnson)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Maria ha detto:

    Interessantissimo 😮 come si vede che le grandi industrie tengono alla nostra salute mentale, oltre che fisica…

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.