Le relazioni di supporto durante l’infanzia portano a vite più lunghe

Risultati immagini per childhood saatchi art

Dopo anni di teorie e ipotesi generalizzate, la ricerca ha finalmente individuato alcuni aspetti dell’esperienza infantile legati alle persone che vivono più a lungo. Gli individui cresciuti in famiglie con uno status socioeconomico più elevato erano più ottimisti nella mezza età e, a loro volta, vivevano più a lungo. Coloro che hanno sperimentato più fattori di stress psicosociali, come la morte dei genitori, stress frequenti e una dura disciplina, tendevano a incontrare eventi di vita più stressanti nella mezza età e avevano un rischio maggiore di morire. Ricerche precedenti hanno dimostrato che le esperienze avverse dell’infanzia sono associate a un rischio di mortalità più elevato. Tuttavia, gli effetti sembrano essere guidati da una piccola percentuale di individui che hanno subito molteplici “colpi” di gravi fattori di stress, come l’abuso fisico e la violenza domestica. Poco si sa sui potenziali effetti dei fattori di stress più lievi ma più comuni e sui potenziali benefici di esperienze infantili favorevoli sulla longevità. Raramente è stato studiato il modo in cui diversi aspetti delle esperienze infantili influenzano la durata della vita. Queste domande vengono affrontate in un nuovo studio sulla rivista Psychology and Aging. Lo studio ha coinvolto 1.042 uomini che erano stati seguiti dal 1961 nel Normative Aging Study. Tre aspetti delle esperienze dell’infanzia, tra cui lo stato socioeconomico, i fattori di stress psicosociale e la presenza di relazioni strette sono stati valutati all’entrata nello studio e nel 1995. Ottimismo, soddisfazione della vita, eventi di vita stressanti e affetto negativo nella mezza età sono stati valutati dal 1985 al 1991. Lo stato della mortalità è stato monitorato nel 2016. Una scoperta chiave è stata che gli uomini che ricordavano di avere più fattori di stress infantili tendevano anche a sperimentare più fattori di stress da adulti e, a loro volta, avevano un rischio maggiore di morire. Ad esempio, quando si confrontano gli uomini che hanno avuto stress psicosociali infantili cinque contro uno, quelli con più stressanti dell’infanzia avevano un rischio maggiore di morire del tre percento a causa di avere più stressanti nell’età adulta. Questi risultati suggeriscono che un modello continuo di esposizione ai fattori di stress dall’infanzia alla mezza età può fungere da precursore della durata della vita ridotta. I ricercatori hanno anche esaminato se e come gli aspetti favorevoli delle esperienze infantili possano contribuire alla longevità. In particolare, gli uomini cresciuti in famiglie con uno stato socioeconomico più elevato tendevano a segnalare livelli più elevati di ottimismo e soddisfazione di vita nella mezza età e, a loro volta, avevano una maggiore probabilità di avere vite più lunghe. Questi risultati suggeriscono che l’ottimismo e la soddisfazione della vita sono percorsi di resilienza che trasmettono i benefici delle risorse socioeconomiche dell’infanzia a vite più lunghe. Queste scoperte offrono nuove prove su percorsi unici e condivisi che collegano dimensioni specifiche delle prime esperienze di vita alla longevità. Si spera che la nostra ricerca stimoli ulteriori lavori per identificare e intervenire su fattori che si trovano sui percorsi che collegano le esperienze dell’infanzia alla salute della vita futura.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The long arm of childhood experiences on longevity: Testing midlife vulnerability and resilience pathways”. Lewina Lee et al. Psychology and Aging

Immagine: childhood friends (Guowen Fang)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. vincenza63 ha detto:

    Utilissimo, come sempre caro Daniele.
    Una domanda: non è possibile guarire dallo stress/dolore infantile?
    Grazie e un abbraccio.
    Vicky

    Mi piace

    1. Grazie Vincenza! Certo che si può guarire, bisogna lavorare tanto, ma si guarisce. Un abbraccio, buona giornata

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.