I malati di emicrania sopportano inutilmente il dolore straziante

Risultati immagini per migraine saatchi art

I ricercatori della Australian National University (ANU) hanno scoperto che centinaia di migliaia di australiani (e ovviamente in tutto il mondo) stanno vivendo inutilmente giorni di agonia perché non sanno come prevenire l’emicrania. Una volta diagnosticata l’emicrania può essere efficacemente gestita. Ma i ricercatori dicono che i malati non riconoscono i sintomi e quindi non cercano il giusto trattamento. Lo studio evidenzia la necessità di una campagna di salute pubblica per informare la comunità sui trattamenti e definire le caratteristiche dell’emicrania. L’emicrania è più di un mal di testa. È una condizione incredibilmente disabilitante che è anche incredibilmente comune: circa il 15 percento della popolazione soffre di emicrania. Ciò che rende unico questo è che, tra le condizioni neurologiche, l’emicrania è una delle condizioni meno diagnosticate o diagnosticate erroneamente. Molte persone hanno emicrania e non si rendono conto di averla. Anche quando le persone vedono il loro medico di famiglia, può essere perso o non diagnosticato. La gente pensa che avere mal di testa non sia un grosso problema, ma avere un’emicrania non è solo un mal di testa. È un dolore molto più grave e può essere debilitante. Lo studio ha rilevato che una persona su cinque che soffriva di emicrania non era a conoscenza dei farmaci preventivi a cui può accedere, tra cui Botox. Questa ricerca mostra che le persone che soffrono di emicrania spesso hanno informazioni incomplete o insufficienti sulla propria condizione. Se possiamo consentire alle persone di avere una maggiore conoscenza dell’emicrania, possono sostenere il giusto livello di cura. Lo studio ha anche mostrato che una persona su cinque che soffriva di emicrania non era a conoscenza di nessuno dei pericoli con i trattamenti farmacologici acuti, che sono spesso usati per trattare la condizione. A breve termine i farmaci acuti possono ridurre notevolmente il dolore, ma ci sono altri rischi se tali farmaci sono abusati. Possono creare mal di testa di rimbalzo e possono creare il problema che stai cercando di trattare. Se hai l’emicrania, parla con il tuo medico di famiglia, armati di conoscenza e chiedi un rinvio a un neurologo. La ricercatrice al capo del progetto di ricerca afferma di aver lottato per trovare una diagnosi e un trattamento adeguato per le sue emicranie. Ha avuto emicranie per tutta la vita, ma ha ricevuto solo una diagnosi sui miei vent’anni. La sfida per i professionisti è che non esiste un singolo marker biologico che indichi che qualcuno soffre di emicrania e che le persone manifestino sintomi diversi. La fonte del dolore è spesso unilaterale, su un lato della testa mentre il tuo mal di testa standard è su tutta la testa. Alcune persone soffrono di Aura: disturbi visivi o sensibilità alla luce. Altri potrebbero provare nausea o vertigini. Spesso dolori cronici come questi risultano invalidanti al punto da creare isolamento sociale, depressione
e ansia, quindi con chiare ripercussione sul quadro psicologico, quindi prevenirli è doppiamente importante.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Migraine Literacy and Treatment in a University Sample”. Stephanie C. Goodhew. Springer Nature Comprehensive Clinical Medicine

Immagine: Pollution Migraine (Lauren C. Clark)

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Mi è capitato di soffrire di mal di testa anomali per ben tre mesi e non venivo presa seriamente, neppure al pronto soccorso. L’ultima volta che ci sono stata, dopo avermi fatto alcuni esami sulla vista, l’udito, etc…, mi consigliarono una visita neurologica e fu la mia salvezza.

    Mi piace

    1. Bravissima ad insistere, mai desistere dall’investigare sui propri problemi di salute.

      Mi piace

      1. Le perle di R. ha detto:

        Era inevitabile per me, dato che non avvertivo nulla solo se dormivo.

        Mi piace

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Le mie emicranie si sono diradate dopo l’uso di un farmaco specifico prescittomi al centro emicranie, dopo vari test e visite. E ancje l’intervento di ricotruzione della valvola mitralica ha fatto la sua parte, eliminato al 60%il rigurgito mitrale l’emicrania è quasi scomparsa.

    Mi piace

  3. Dora Millaci ha detto:

    Ne so qualcosa. Soffro tra le altre cose… di emicrania da anni e con il mio neurologo abbiamo fatto, prima un diario per capire quanti “attacchi” avevo al mese e com’erano e poi, abbiamo trovato una medicina che, non ha eliminato totalmente il problema, ma almeno ridotto le crisi 😉

    Mi piace

    1. E credo sia già un buon risultato…Buona domenica cara Dora, un abbraccio

      Piace a 1 persona

      1. Dora Millaci ha detto:

        Sì, infatti! Rispetto a prima… posso almeno “respirare”. Anche se il problema non è stato debellato, ma di sicuro ridimensionato e con tutto quello che ho, ti assicuro che è buono ^_^ perché soffrire di emicrania come la mia non è piacevole. Un caro abbraccio ♥

        Mi piace

      2. Posso solo immaginare…un abbraccio forte

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.