Il numero di persone con demenza raddoppierà in venti anni

Il numero di americani che vivono con il morbo di Alzheimer o altre demenze raddoppierà fino a quasi 13 milioni nei prossimi 20 anni, secondo il nuovo rapporto del Milken Institute che è stato rilasciato al Vertice Future of Health del Milken Institute del 2019 a Washington, DC. La ricerca stima che entro il 2020, circa 4,7 milioni di donne negli Stati Uniti avranno la demenza, rappresentando quasi i due terzi di tutte le persone che vivono con questa condizione. Secondo le proiezioni, il numero di donne e uomini che vivono con la demenza dovrebbe quasi raddoppiare entro il 2040, con il numero di donne che dovrebbero salire a 8,5 milioni e il numero di uomini che dovrebbero raggiungere 4,5 milioni (rispetto ai 2,6 milioni nel 2020. Nei prossimi 20 anni, l’onere economico della demenza supererà i 2 trilioni di dollari, con le donne che si faranno carico di oltre l’80% dei costi cumulativi. La durata della vita più lunga è forse una delle più grandi storie di successo del nostro moderno sistema di salute pubblica. Ma insieme a questo successo arriva una delle nostre maggiori sfide. Il nostro rischio di sviluppare la demenza raddoppia ogni cinque anni dopo i 65 anni; all’età di 85 anni, quasi uno su tre di noi avrà la malattia. Senza alcuna cura in vista, dobbiamo raddoppiare gli sforzi per ridurre i costi e il rischio di demenza. Le prove emergenti mostrano che, nonostante la storia familiare e la genetica personale, i cambiamenti nello stile di vita come la dieta, l’esercizio fisico e un sonno migliore possono migliorare la salute a tutte le età. In collaborazione con partner come UsAgainstAlzheimer, AARP e Bank of America, i ricercatori hanno sviluppato raccomandazioni e obiettivi dettagliati per politici, aziende e comunità per migliorare la salute del cervello, ridurre le disparità e, in definitiva, cambiare la traiettoria di questa malattia devastante:
1) Promuovere strategie per mantenere e migliorare la salute del cervello per tutte le età, i sessi e le diverse popolazioni
2) Aumentare l’accesso ai test cognitivi e alla diagnosi precoce
3) Aumentare le opportunità per una diversa partecipazione alla ricerca e dare la priorità ai finanziamenti per affrontare le disparità sanitarie
4) Costruire una forza lavoro capace di prevenire la demenza attraverso il continuum assistenziale
5) Stabilire servizi e politiche che promuovono comunità di supporto e luoghi di lavoro per le persone con demenza e i loro caregiver.
Come dimostra questo nuovo importante rapporto, la demenza è una delle maggiori sfide per la salute pubblica dei nostri tempi. Dimostra anche che abbiamo il potere di creare un cambiamento, sia aiutando i consumatori a mantenere e migliorare la loro salute del cervello, facendo avanzare la ricerca sulle cause e il trattamento della demenza, sia sostenendo gli operatori sanitari che sopportano così tanto il peso di questa malattia. La salute del cervello amplia la lotta contro l’Alzheimer per includere tutti ed è la chiave per sconfiggere lo stigma, aumentare la diagnosi precoce, accelerare la ricerca e porre fine a questa malattia. Questo nuovo lavoro del Milken Institute offre importanti raccomandazioni e azioni per aiutarci a spostarci in un sistema ottimale di assistenza per la salute del cervello. Tra le scoperte rivoluzionarie, i nuovi dati hanno svelato scoperte chiave sulle differenze tra il cervello di uomini e donne e come invecchiano. Inoltre, le donne assumono generalmente maggiori responsabilità quando si prendono cura di una persona. Le donne caregiver hanno maggiori probabilità di essere colpite finanziariamente e lasciare il lavoro o perdere il lavoro per prendersi cura di un membro della famiglia. E la ricerca dimostra che chi si prende cura del coniuge può avere un rischio maggiore di deficit cognitivo o demenza rispetto ai non caregiver. Con questa ricerca, il Milken Institute ha compiuto un passo importante per comprendere meglio gli impatti della demenza su diverse popolazioni. Questo studio, insieme alla ricerca sulle fasi della vita, delle donne, della salute e del benessere, svolge un ruolo di fondamentale importanza negli sforzi del Milken Institute per educare e fornire assistenza agli individui e alle famiglie durante la loro vita finanziaria. Speriamo che prospettive analoghe vengano delineate anche in Italia.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will be presented at Milken Institute Future of Health Summit.

Immagine: 5th dementia (Jeff Bowering)

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. olgited ha detto:

    Che brutta previsione!

    Piace a 1 persona

    1. Si purtroppo. Speriamo che il messaggio venga colto dalle istituzioni per campagne di prevenzione che possano ridurre i numeri di questa previsione.

      Piace a 1 persona

      1. olgited ha detto:

        lo spero

        "Mi piace"

  2. semprecarla ha detto:

    Mi piove addosso una immensa tristezza!

    "Mi piace"

    1. Si, è una notizia drammatica. L’importante però è pensare a delle contromisure.

      "Mi piace"

  3. Speranza ha detto:

    Sono preoccupata. È un quadro terribile, però si può fare qualcosa per migliorare la situazione. Questo è consolante.

    "Mi piace"

    1. Si, speriamo che si scelga di investire tanto nella prevenzione!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.