Collegamento tra infiammazione e lentezza mentale

Gli scienziati dell’Università di Birmingham, in collaborazione con l’Università di Amsterdam, hanno scoperto una possibile spiegazione per la lentezza mentale che spesso accompagna la malattia. Si stima che 12 milioni di cittadini del Regno Unito abbiano una condizione medica cronica e molti di loro riportano una grave affaticamento mentale che definiscono “lentezza” o “nebbia del cervello”. Questa condizione è spesso debilitante come la malattia stessa. Un team del Center for Human Brain Health dell’Università ha studiato il legame tra questa nebbia mentale e l’infiammazione – la risposta del corpo alla malattia. In uno studio pubblicato su Neuroimage , mostrano che l’infiammazione sembra avere un impatto particolarmente negativo sulla prontezza del cervello a raggiungere e mantenere uno stato di allerta. Gli scienziati sospettano da tempo un legame tra infiammazione e cognizione, ma è molto difficile essere chiari sulla causa e l’effetto. Ad esempio, le persone che vivono in condizioni mediche o in sovrappeso potrebbero lamentarsi di disturbi cognitivi, ma è difficile dire se ciò sia dovuto all’infiammazione associata a queste condizioni o se ci sono altri motivi. La ricerca ha identificato uno specifico processo critico all’interno del cervello che è chiaramente influenzato dalla presenza di infiammazione. Lo studio si è concentrato in particolare su un’area del cervello responsabile dell’attenzione visiva. Un gruppo di 20 giovani volontari maschi ha preso parte e ha ricevuto un vaccino contro il tifo della salmonella che provoca infiammazione temporanea ma ha pochi altri effetti collaterali. Sono state testate le risposte cognitive a immagini semplici sullo schermo di un computer poche ore dopo l’iniezione in modo da poter misurare la loro capacità di controllare l’attenzione. L’attività cerebrale è stata misurata mentre eseguivano i test di attenzione. In un giorno diverso, prima o dopo, hanno ricevuto un’iniezione con acqua (un placebo) e hanno eseguito gli stessi test di attenzione. In ogni giorno di test, non erano a conoscenza di quale iniezione avevano ricevuto. Il loro stato di infiammazione è stato misurato analizzando il sangue prelevato ogni giorno. I test utilizzati nello studio hanno valutato tre processi di attenzione separati, ciascuno dei quali coinvolge parti distinte del cervello. Questi processi sono: “allerta” che implica il raggiungimento e il mantenimento di uno stato di allerta; “Orientamento” che implica la selezione e la definizione delle priorità delle informazioni sensoriali utili; e “controllo esecutivo” utilizzato per risolvere a cosa prestare attenzione quando le informazioni disponibili sono in conflitto. I risultati hanno mostrato che l’infiammazione ha influito in modo specifico sull’attività cerebrale correlata allo stare all’erta, mentre gli altri processi di attenzione non sono stati influenzati dall’infiammazione. Questi risultati mostrano chiaramente che esiste una parte molto specifica della rete cerebrale che è influenzata dall’infiammazione. Questo potrebbe spiegare la “nebbia del cervello”. Questo risultato di ricerca è un importante passo avanti nella comprensione dei legami tra salute fisica, cognitiva e mentale e ci dice che anche le malattie più lievi possono ridurre la vigilanza. Comprendere meglio le relazioni tra infiammazione e funzione cerebrale ci aiuterà a studiare altri modi per trattare alcune di queste condizioni. Ad esempio, ulteriori ricerche potrebbero dimostrare che i pazienti con condizioni associate a infiammazione cronica, come obesità, malattie renali o Alzheimer, potrebbero trarre beneficio dall’assunzione di farmaci antinfiammatori per aiutare a preservare o migliorare la funzione cognitiva. Inoltre, sottili cambiamenti nella funzione cerebrale possono essere utilizzati come un deterioramento cognitivo marcatore precoce nei pazienti con malattie infiammatorie. Il prossimo passo per il team sarà testare gli effetti dell’infiammazione su altre aree delle funzioni cerebrali come la memoria.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Selective effects of acute low-grade inflammation on human visual attention”. Ali Mazaheri et al. NeuroImage

Immagine: Attention (Anzjuli Venter)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.