I bambini in terapia intensiva neonatale hanno un rischio maggiore di problemi di salute mentale

I bambini che trascorrono del tempo in un reparto di terapia intensiva neonatale (NICU) alla nascita hanno un rischio maggiore di problemi di salute mentale in seguito, indipendentemente dal loro peso alla nascita, affermano i ricercatori della McMaster University. Lo studio ha esaminato la salute mentale dei bambini in terapia intensiva neonatale nell’infanzia (da 4 a 11 anni) e nell’adolescenza (da 12 a 17 anni), utilizzando i dati delle interviste psichiatriche dei genitori e dei giovani. La ricerca si basa su studi precedenti che suggeriscono che i bambini con peso alla nascita estremamente basso che sono ammessi alla terapia intensiva neonatale hanno maggiori probabilità di sviluppare problemi di salute mentale durante quegli anni. I progressi nell’assistenza medica dei pazienti ricoverati in terapia intensiva hanno portato a risultati migliori per neonati e famiglie e la necessità di cure in terapia intensiva è aumentata in Canada e negli Stati Uniti. Tuttavia, si sa poco sulla salute mentale della più ampia popolazione dei bambini in terapia intensiva neonatale, in particolare quando entrano nella tarda infanzia e nell’adolescenza. Lo studio ha utilizzato una coorte rappresentativa a livello provinciale del 2014 dell’Ontario Child Health Study, condotto alla McMaster. I genitori hanno fornito dati sui disturbi psichiatrici per 3.141 bambini dai 4 agli 11 anni e in 2.379 adolescenti dai 12 ai 17 anni. Inoltre, 2.235 adolescenti dai 12 ai 17 anni hanno completato l’intervista da soli. I bambini di età compresa tra i 4 e gli 11 anni che avevano un’ammissione in terapia intensiva neonatale avevano quasi il doppio delle probabilità di avere un disturbo mentale o avere più di una malattia mentale. È aumentato anche il rischio di disturbo d’ansia da separazione, fobia specifica, disturbo da deficit di attenzione e iperattività o disturbo provocatorio oppositivo. All’età di 12-17 anni, i bambini che erano stati in terapia intensiva neonatale avevano ancora quasi il doppio del rischio di sviluppare qualsiasi problema psichiatrico, problemi psichiatrici multipli e disturbo provocatorio oppositivo. Le attuali linee guida di follow-up dei neonati pretermine suggeriscono il monitoraggio di problemi di salute mentale, e questo studio fornisce prove preliminari che in futuro potrebbe essere prudente estenderlo a tutti i neonati che rimangono in una terapia intensiva neonatale indipendentemente dallo stato di peso alla nascita. Inoltre sono necessarie ulteriori ricerche e ulteriori dati per comprendere meglio i potenziali fattori causali e identificare ulteriormente gli individui a rischio.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Childhood and adolescent mental health of NICU graduates: an observational study”. Ryan Van Lieshout et al. Archives of Disease in Childhood

Immagine: NICU (Neonatal Intensive Care Unit) (Anna Pommere)

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Manuela ha detto:

    Purtroppo si è vero

    "Mi piace"

    1. Lo sospettavo, ma questo studio me l’ha confermato. I reparti di ostetricia dovrebbero pensare a qualche misura per risolvere o alleviare il problema.

      Piace a 2 people

  2. sherazade ha detto:

    Ricordo un terribile esperimento fatto con due scimmiette neonate 1 cresciuta da subito con la propria madre e l’altra affidata a un robot Il risultato è stato devastante per la seconda piccolina che ben presto cominciò a dare segni di ansia paura e irascibilità.
    Sherabuonasettimana

    "Mi piace"

    1. Grazie, non lo conoscevo. Il risultato che descrivi non mi sorprende per niente!

      "Mi piace"

      1. sherazade ha detto:

        Il rapporto stretto che può avere delle variabili nel tempo è basilare alla crescita e alla formazione del cucciolo inteso anche cucciolo umano. Ciao

        "Mi piace"

      2. Assolutamente! Buona serata a te

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.