L’ormone kisspeptina può aumentare l’attività cerebrale associata all’attrazione

I ricercatori dopo il lavoro nella fase iniziale, pubblicato su JCI Insight, stanno esplorando se la kisspeptina possa in definitiva essere usata per trattare gli uomini con disturbi psicosessuali comuni – problemi sessuali di origine psicologica come la bassa libido. Il team spera ora di eseguire prove in pazienti con basso desiderio sessuale. Il team ha precedentemente dimostrato che la kisspeptina può migliorare il modo in cui il corpo elabora l’eccitazione sessuale, ma ora ha scoperto un effetto stimolante della kisspeptina nei percorsi cerebrali di attrazione umana. L’attrazione è un processo fondamentale che innesca l’eccitazione sessuale, l’attività sessuale e spesso la riproduzione. In uno studio che ha coinvolto 33 uomini eterosessuali, usando la risonanza magnetica cerebrale, il team ha scoperto che la kisspeptina ha innescato una maggiore attivazione nei percorsi di attrazione nel cervello quando annusano il profumo femminile e quando osservano i volti femminili, rispetto al placebo. I disturbi psicosessuali hanno un grave impatto dannoso sul benessere e possono essere molto angoscianti non solo per le persone colpite ma anche per i loro partner. Nonostante l’elevato numero di persone con questi disturbi, ci sono attualmente opzioni di trattamento limitate. Il nostro studio mostra che la kisspeptina può stimolare l’attività cerebrale correlata all’attrazione e, in modo interessante, questo effetto di potenziamento è ancora maggiore negli uomini con una bassa qualità della vita sessuale. Questo si basa sul loro lavoro precedente che ha identificato un ruolo per la kisspeptina nell’eccitazione sessuale. Ora hanno scoperto che la kisspeptina può effettivamente migliorare l’elaborazione dell’olfatto e l’attrazione facciale, che sono spesso i primi passi per l’eccitazione sessuale. Si spera che la crescente comprensione di come la kisspeptina aumenti parti del cervello coinvolte nell’attrazione e nell’eccitazione possa alla fine portare a nuovi modi di trattare le persone colpite. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare. L’attrazione è di solito il primo passo verso l’eccitazione sessuale ed è incoraggiante vedere che la kisspeptina può anche stimolare l’attività cerebrale relativa a questo. Questa nuova scoperta ci aiuta a comprendere ulteriormente l’attività cerebrale delle persone con disturbi psicosessuali che potrebbero portare a obiettivi terapeutici. I disturbi psicosessuali colpiscono fino a una persona su tre in tutto il mondo, con effetti dannosi significativi sulla qualità della vita, sulle relazioni interpersonali e sulla fertilità. Uno dei più comuni è la perdita della libido (desiderio sessuale), che è spesso legata a problemi di relazione, stress o stanchezza, ma può essere un segno di un problema medico di base, come la riduzione dei livelli ormonali. Fondamentalmente, tuttavia, può verificarsi anche la perdita della libido senza nessuno di questi problemi. Nonostante l’alto onere clinico, la comprensione limitata dei processi cerebrali che regolano la funzione psicosessuale ha limitato lo sviluppo di trattamenti efficaci. La kisspeptina è un ormone naturale che stimola il rilascio di altri ormoni riproduttivi all’interno del corpo. Il team di ricerca ha voluto vedere se questo ormone può essere usato per stimolare le regioni del cervello che governano l’attrazione nei giovani uomini sani con libido normale. Lo studio ha coinvolto uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, in cui 33 uomini sani di età compresa tra 18 e 34 anni hanno ricevuto un’infusione di kisspeptina o placebo dal 2018-2019 all’Hammersmith Hospital, parte dell’Imperial College Healthcare NHS Trust. Sono stati quindi collocati in uno scanner MRI e hanno dovuto annusare un profumo. Precedenti lavori hanno dimostrato che questo profumo (Chanel n. 5) è associato all’eccitazione sessuale. I partecipanti hanno anche visto volti femminili. Durante questi compiti i ricercatori hanno scansionato il cervello per vedere come la kisspeptina ha influenzato le risposte del cervello al profumo e ai volti. Il team ha scoperto che la kisspeptina ha migliorato i percorsi di attrazione nel cervello, quando ha sentito l’odore del profumo femminile e quando ha visto i volti femminili, rispetto al placebo. Hanno anche scoperto che osservando i volti femminili, la kisspeptina ha avuto un effetto maggiore sui percorsi di attrazione negli uomini che avevano una qualità della vita sessuale inferiore. Il team ritiene che questa nuova visione della kisspeptina potrebbe portare a nuove terapie per affrontare i disturbi psicosessuali e progettare di condurre ulteriori studi per esplorarlo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Kisspeptin enhances brain responses to olfactory and visual cues of attraction in men”. Lisa Yang, Lysia Demetriou, Matthew B. Wall, Edouard G.A. Mills, David Zargaran, Mark Sykes, Julia K. Prague, Ali Abbara, Bryn M. Owen, Paul A. Bassett, Eugenii A. Rabiner, Alexander N. Comninos, Waljit S. Dhillo. JCI Insight

Immagine: rainy day love (Loui Jover)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. erotismoenguardia ha detto:

    Me gusta tu blog porque aprendo mucho. Valoro mucho toda la información que nos das. Gracias!!

    "Mi piace"

    1. Gracias, trato de dar la información que considero útil. Me alegra enviarte algo

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.